Territori

Australia, battaglia tra Shell ed Inpex per il gas naturale

nave_prelude_79521 gas

La gigantesca piattaforma Prelude di Shell e la giapponese Inpex cercano gas naturale intorno alle costa dell’Australia

Al largo della costa dell’ Australi si sta disputando un’importante battaglia tra colossi. La partita coinvolge la più grande piattaforma semisommergibile del mondo, il più lungo gasdotto sottomarino nell’emisfero australe e il più grande impianto galleggiante mai costruito.  Sono tutti lì per lo stesso motivo: il gas naturale.

GLI SFIDANTI

La gigantesca piattaforma Prelude di Shell – lunga 488 metri e che trasporta circa la stessa quantità di acqua di sei aeromobili – è in concorrenza con la giapponese Inpex per la ricerca di gas naturale nel bacino australiano.  Sebbene stiano lavorando su campi di gas separati, questi sono comunque collegati. Shell e Inpex sono essenzialmente in competizione per la stessa risorsa.

GAS SEMPRE PIU’ IMPORTANTE

Mentre diversi Paesi hanno avviato il processo di decarbonizzazione, il gas naturale si propone come questo combustibile alternativo, dal momento che produce il 50% in meno di anidride carbonica per ogni unità di energia generata, ed è sempre più richiesto in un mondo affamato di energia. Si prevede che il consumo salirà a 5,01208 miliardi di metri cubi entro il 2040, rispetto ai 3,51129 miliardi di metri cubi del 2015, secondo i calcoli della US Energy Information Administration.