Efficienza energetica e innovazione

Efficienza energetica, Aie: bene nel 2016 ma c’è rischio di rallentamento

 

Se il mondo avesse utilizzato il 12% di energia in più lo scorso anno senza i miglioramenti di efficienza raggiunti si sarebbe aggiunta un’altra Unione europea al mercato globale dell’energia

La recente accelerazione dell’efficienza energetica in tutto il mondo rischia di rallentare se i governi non manterranno gli occhi puntati sull’attuazione delle nuove politiche di efficienza. È quanto emerge dall’ultimo rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) Energy Efficiency 2017 presentata a Berlino la scorsa settimana dal direttore esecutivo dell’Aie Fatih Birol e dal ministro tedesco dell’Energia Brigitte Zypries. Nel presentare la relazione, Birol ha sottolineato l’importanza dell’efficienza energetica per il contenimento della domanda di energia e delle emissioni di carbonio, aggiungendo che norme e regolamenti coprono il 32% circa del consumo globale di energia e che l’intensità energetica globale – l’energia utilizzata per unità di prodotto interno lordo – è scesa dell’1,8% nel 2016, segno che l’economia globale ha generato più valore dall’energia utilizzata. Misurato come differenza tra il Pil reale e il livello nozionale del Pil che sarebbe stato generato se l’intensità energetica fosse rimasta al livello dell’anno precedente, il bonus è stato di 2,2 trilioni di dollari nel 2016, pari al doppio della dimensione dell’economia australiana. Se il mondo, inoltre, avesse utilizzato il 12% di energia in più nel 2016 – che invece si è risparmiata grazie ai miglioramenti di efficienza raggiunti dal 2000 –, avremmo aggiunto un’altra Unione europea al mercato globale dell’energia.

L’attuale livello di efficienza “si ridurrà rapidamente se il ritmo di attuazione non accelererà”

Dal 2010 l’intensità è diminuita ad un tasso medio annuo del 2,1%, in netto aumento rispetto al tasso medio dell’1,3% registrato tra il 1970 e il 2010. Il miglioramento varia notevolmente da paese a paese e la Cina ha ancora una volta un impatto significativo sulle tendenze globali. Tuttavia, i risultati delle politiche sono eterogenei e la loro attuazione ha subito un notevole rallentamento lo scorso anno. L’attuale livello di efficienza “si ridurrà rapidamente se il ritmo di attuazione delle politiche non accelererà”, ammonisce l’Aie. Se lo scorso anno, infatti, regolamenti, norme e standard di efficienza sono cresciuti fino a coprire il 32% del consumo globale di energia, quasi tutto l’aumento è stato determinato da politiche già messe in campo mentre oltre i due terzi del consumo globale di energia non è ancora coperto. L’indice di avanzamento delle politiche di efficienza energetica dell’Aie rivela, infatti, che la loro forza è aumentata al ritmo più lento negli ultimi anni e che i tassi di progresso variano notevolmente da un paese all’altro. “I paesi dovrebbero concentrarsi sul fatto che oltre il 68% del consumo globale di energia non è coperto da norme o regolamenti che riguardano l’efficienza – ha dichiarato Birol –. Un mandato chiave dell’Aie consiste proprio nell’aiutare i paesi a inseguire questo importante obiettivo, condividendo le migliori pratiche e imparando gli uni dagli altri”.

EON

Risparmi considerevoli per i paesi dalla maggiore efficienza

I miglioramenti dell’efficienza dal 2000 hanno evitato spese supplementari per le importazioni di energia in molti paesi. In Giappone, ad esempio, nel 2016 le importazioni di petrolio sarebbero aumentate del 20% nel 2016 e quelle di gas del 23% se non fossero state realizzate. In Germania e nel Regno Unito, i maggiori mercati del gas in Europa, i miglioramenti dell’efficienza energetica hanno portato a un risparmio di gas pari al 30% delle importazioni totali dalla Russia. L’efficienza ha inoltre migliorato la sicurezza energetica a breve termine riducendo il picco della domanda giornaliera di gas. Senza miglioramenti dell’efficienza energetica nello stesso periodo, il Regno Unito e la Francia avrebbero avuto bisogno dell’accesso ad altri 240 milioni di metri cubi di gas al giorno durante i periodi di picco della domanda, pari a oltre cinque volte la capacità di prelievo giornaliera del più grande sito di stoccaggio del gas del Regno Unito, per mantenere gli attuali livelli di sicurezza a breve termine.

Il miglioramento dell’ efficienza energetica ha ridotto la spesa delle famiglie per l’energia

Gli incrementi di efficienza energetica hanno aiutato le famiglie di tutto il mondo a risparmiare dal 10 al 30% della loro spesa energetica annuale lo scorso anno. In Germania, ad esempio, nel 2016 i consumatori tedeschi hanno speso circa 580 dollari Usa pro-capite in meno per l’efficienza energetica. Si stanno inoltre realizzando risparmi anche nelle grandi economie emergenti, dove la domanda di servizi energetici è in crescita. Ad esempio, in media le famiglie cinesi avrebbero speso il 25% in più per l’energia lo scorso anno senza accorgimenti.

Migliora anche l’efficienza energetica industriale

Tra il 2000 e il 2016 il consumo di energia per unità di produzione economica nel settore industriale è diminuito di quasi il 20%. L’entità del calo è simile sia nei paesi membri dell’Aie che nelle principali economie emergenti. In alcune industrie ad alta intensità energetica, come le fonderie di alluminio e la produzione di cemento, l’efficienza media è nettamente migliorata grazie alla rapida espansione della capacità produttiva, soprattutto nelle economie emergenti, poiché i nuovi impianti tendono ad essere molto più efficienti di quelli vecchi.

L’efficienza energetica degli edifici è migliorata, ma è possibile fare molto di più

L’efficienza energetica negli edifici continua a migliorare, grazie all’azione politica e ai progressi tecnologici. Le politiche si sono concentrate principalmente sull’involucro degli edifici, piuttosto che sugli impianti di riscaldamento e raffreddamento. Esiste quindi un notevole potenziale per realizzare ulteriori risparmi energetici stabilendo o rafforzando gli standard. Nella maggior parte dei paesi sono possibili miglioramenti dell’efficienza del 10-20% grazie ad elettrodomestici, apparecchiature e prodotti per l’illuminazione già disponibili in commercio. Nel 2022, il 90% dell’illuminazione interna mondiale dovrebbe essere fornita da lampade fluorescenti compatte (CFL) e Led.

Anche il mercato dei veicoli a motore sta cambiando rapidamente

Gli standard di efficienza energetica per gli autocarri, che rappresentano il 43% del consumo totale di petrolio per il trasporto su strada, sono diventati un radar per le policy. Nel 2016, solo il 16% del consumo dei camion in tutto il mondo era coperto da obblighi di efficienza energetica. Gli standard sono in vigore solo in quattro paesi: Giappone, Cina, Stati Uniti e Canada. L’Unione europea, l’India, la Corea, il Messico e l’India dovrebbero introdurre norme nei prossimi anni. Le vendite a livello mondiale di veicoli elettrici, molto più efficienti rispetto ai veicoli con motore a combustione interna, sono cresciute del 40% nel 2016 grazie all’espansione della capacità produttiva, all’ampliamento della gamma di modelli e al miglioramento delle prestazioni dei veicoli. Tuttavia, la diminuzione dei prezzi della benzina ha portato ad un aumento delle vendite di veicoli passeggeri di grandi dimensioni meno efficienti, in particolare di quelli sportivi, il che sta rallentando il tasso globale di miglioramento del consumo di carburante dei veicoli passeggeri.

Il mercato globale dell’efficienza energetica ha continuato ad espandersi nel 2016

Gli investimenti globali nell’efficienza energetica sono aumentati del 9%, raggiungendo i 231 miliardi di dollari nel 2016, mantenendo la tendenza al rialzo degli ultimi anni. Il tasso di crescita più sostenuto è stato in Cina con il 24%, anche se l’Europa è ancora responsabile della quota maggiore degli investimenti globali (30% del totale). Tra i settori riguardanti l’uso finale di energia, gli investimenti nell’efficienza energetica continuano a dominare nel settore dell’edilizia, che nel 2016 rappresentava il 58% del totale mondiale (costruzione di involucri, elettrodomestici e illuminazione). Il mercato globale dei servizi energetici (Esco) è cresciuto invece del 12%, raggiungendo 26,8 miliardi di dollari. La Cina ha di gran lunga il più grande mercato, che rappresenta oltre il 60% dei ricavi globali, grazie a forti incentivi governativi. Gli Stati Uniti (20%) e l’Europa (10%) sono gli altri due principali mercati Esco. Oltre 1 milione di persone sono attualmente occupate nelle Esco di tutto il mondo. L’efficienza energetica è diventata un bene in diversi paesi: nel 2016, i cambiamenti di policy hanno determinato un aumento sostanziale del valore di mercato del risparmio energetico in Francia e in Italia, i due maggiori mercati mondiali nel settore, sotto forma di negoziazione di certificati bianchi. Nel 2016 e all’inizio del 2017, una quantità record di risparmio della domanda derivante dall’efficienza energetica è stata accettata anche nelle due maggiori aste di capacità elettrica negli Stati Uniti.

La diffusione di dispositivi connessi è in aumento, il che avrà un impatto sull’ efficienza energetica

Alla fine del 2016, 4 miliardi di dispositivi collegati erano in uso in tutto il mondo da parte delle famiglie. Un altro miliardo di dispositivi dovrebbero essere messi in servizio nel 2017, un tasso che potrebbe triplicare entro il 2020. Questi dispositivi, che possono essere collegati alle reti e ad altri dispositivi, offrono nuove opportunità di risparmio energetico attraverso un controllo più accurato dei consumi. Alla fine del 2016, è stato stipulato un contratto per l’installazione di mezzo miliardo di contatori intelligenti, che monitorano e visualizzano il consumo di elettricità in tempo reale. Tra gli altri vantaggi, i contatori intelligenti possono integrare i dispositivi collegati, consentendo ai consumatori di adeguare l’uso dell’energia in risposta alle variazioni del prezzo dell’elettricità.

L’attuazione delle politiche è rallentata nel 2016, mettendo a repentaglio i futuri incrementi di efficienza energetica

Oltre il 68% del consumo finale globale di energia rimane scoperto da politiche che impongono miglioramenti dell’efficienza energetica. Le politiche obbligatorie stabiliscono livelli minimi di rendimento energetico che apparecchi e apparecchiature devono soddisfare per entrare nel mercato, oppure impongono obiettivi di efficienza energetica che devono essere raggiunti dalle imprese o dai settori economici. La copertura globale è cresciuta di 1,4 punti percentuali nel 2016; tuttavia, in netto contrasto con gli anni precedenti, quasi tutto l’incremento del 2016 è stato dovuto al continuo impatto delle politiche esistenti, a seguito della sostituzione delle vecchie apparecchiature che consumano energia. Solo l’1,5% dell’incremento è dovuto a nuove politiche, che hanno riguardato gli standard di climatizzazione in Indonesia e di refrigerazione in Cina. Negli ultimi anni anche la forza delle politiche obbligatorie è aumentata ad un tasso più basso. Mentre diversi governi di tutto il mondo hanno continuato a rafforzare gli standard per i veicoli pesanti e leggeri, pochi lo hanno fatto in misura significativa in altri settori nel 2016. In sostanza nel 2016 i progressi politici generali sono stati i più lenti dal 2009. L’ indice di progresso delle politiche di efficienza energetica dell’Aie (Eppi), che misura i cambiamenti nella copertura e nella forza delle politiche obbligatorie in materia di efficienza energetica a partire dal 2000, è aumentato di mezzo punto percentuale nel 2016, raggiungendo il 6,3% a livello globale, rispetto ad aumenti medi di circa 0,75 punti dal 2010. Il rallentamento dell’Eppi è stato in gran parte dovuto all’entrata in vigore di un minor numero di nuove politiche, tendenza che è proseguita nella prima metà del 2017. La Cina, con un’Eppi del 10,9% nel 2016, è stata negli ultimi anni il leader mondiale con oltre la metà dell’aumento registrato tra il 2000 e il 2016. Dal 2000 le norme per congelatori, frigoriferi, riscaldamento e raffreddamento degli ambienti sono progredite maggiormente, mentre i sistemi motorizzati, i veicoli pesanti e gli asciugabiancheria hanno registrato i minori progressi. Gli obblighi in materia di servizi pubblici di pubblica utilità per realizzare risparmi energetici stanno diventando più comuni e ambiziosi, ma i progressi si sono bloccati nel 2016. Nel complesso, la percentuale dell’uso finale globale di energia coperto dai programmi obbligatori è passata dal 7,1% nel 2005 al 18,3% nel 2016. Nel 2016 non si è registrato alcun aumento della copertura, anche se nel 2017 in Europa sono stati introdotti due nuovi obblighi.

Le proposte

Secondo l’Aie per mantenere o accelerare l’attuale livello di aumento dell’efficienza è essenziale che le politiche siano elaborate e attuate in modo più incisivo: “Il 2016 è stato un anno difficile per i progressi politici e finora anche il 2017 non ha registrato sviluppi significativi. Se si vogliono realizzare le ambizioni politiche dichiarate, i governi devono riconoscere l’ importanza di sviluppare e mettere in atto nuove e più ambiziose politiche”. Tra i potenziali settori dove è possibile condurre ulteriori azioni, l’Aie evidenzia che ad esempio, solo quattro paesi regolamentano l’efficienza dei camion e la domanda di condizionamento d’aria sta aumentando più rapidamente nei paesi con la minore efficienza di regolazione dell’efficienza degli impianti. Negli ultimi tre anni, i miglioramenti dell’intensità energetica sono stati il fattore più significativo per mantenere invariate le emissioni globali di gas a effetto serra. “Il successo degli sforzi di decarbonizzazione in tutto il mondo dipende dall’integrazione delle politiche di efficienza energetica, delle energie rinnovabili e di altri strumenti nel sistema energetico attraverso un approccio politico armonizzato. L’innovazione tecnologica sta inoltre creando nuove opportunità di progresso in materia di efficienza energetica, come ad esempio soluzioni integrate in cui l’efficienza e le energie rinnovabili collaborano per produrre risultati in materia di energia pulita a costi ridotti. Il numero di dispositivi collegati in uso in tutto il mondo da parte delle famiglie sta crescendo notevolmente. Questi dispositivi, che possono essere collegati alle reti e ad altri dispositivi, offrono nuove opportunità di risparmio energetico grazie a un controllo più accurato della quantità di energia utilizzata”, conclude l’Aie.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>