Scenari

Dagli Emirati Arabi Uniti svolta nella produzione di gas e petrolio

Entro la fine dell’anno il paese potrebbe aumentare la capacità produttiva a 3,5 milioni di barili al giorno

Svolta storica negli Emirati Arabi Uniti: la Abu Dhabi National Oil Co. (Adnoc) ha deciso di effettuare la prima gara d’appalto per esplorare e sviluppare nuove risorse di petrolio e gas naturale e aumentare così la produzione del paese.

LE OFFERTE COMPLETATE ENTRO OTTOBRE, I VINCITORI ENTRO FINE ANNO

La presentazione delle offerte per quattro blocchi onshore e due offshore sarà probabilmente completata entro ottobre, e Adnoc dovrebbe selezionare i vincitori entro la fine dell’anno, ha ammesso il Chief Executive Ahmed Al Jaber durante una conferenza stampa ad Abu Dhabi. I soci dovrebbero pagare un fee per l’esplorazione mentre una volta avviata la produzione Adnoc tratterrà una partecipazione del 60 per cento.

ABU DHABI PREVEDE DI AUMENTARE LA CAPACITÀ PRODUTTIVA A 3,5 MILIONI DI BARILI AL GIORNO ENTRO LA FINE DELL’ANNO

Abu Dhabi, il più grande emirato degli Emirati Arabi Uniti, e possiede circa il 6% delle riserve mondiali di greggio e produce la maggior parte del petrolio del paese. Gli Emirati Arabi Uniti, membri dell’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, stanno riducendo la produzione nello sforzo globale di eliminare l’eccesso di greggio, ma Abu Dhabi prevede di aumentare la capacità produttiva a 3,5 milioni di barili al giorno entro la fine dell’anno. Di recente sono state liberate una serie concessioni a favore di società come Total ed Eni per lo sviluppo di giacimenti già in produzione.

ATTIVITÀ A BASSO RISCHIO E A BASSO COSTO DI PRODUZIONE

“È molto raro” che una nazione aderente all’Opec offra alle compagnie petrolifere internazionali la possibilità di esplorare i propri confini, ha dichiarato Robin Mills, amministratore delegato della società di consulenza Qamar Energy a Bloomberg. “Dovrebbe essere un’attività a basso rischio, dato che c’è un sacco di petrolio”, e i campi di Abu Dhabi hanno generalmente “un basso costo di produzione”.

L’OFFERTA COPRIRÀ UN’AREA DI QUASI 30.000 CHILOMETRI QUADRATI RICCA DI PETROLIO E GAS

L’offerta coprirà un’area di quasi 30.000 chilometri quadrati che si stima contenga “miliardi di barili di petrolio e più di mille miliardi di metri cubi di gas naturale”, ha detto Abdul Munim Saif Al-Kindy, direttore di Adnoc.  L’azienda afferma di essere in grado di pompare circa 3 milioni di barili al giorno, di cui poco meno della metà provenienti da giacimenti offshore, e sta anche cercando di espandere la produzione di gas come combustibile per le centrali elettriche. Gli Emirati al momento sono il quarto maggiore membro dell’OPEC e producono 2,86 milioni di barili al giorno di petrolio.