Sostenibilità

Enel, il nuovo piano strategico punta alla decarbonizzazione

Enel
L’azienda italiana Enel presenta le sue previsioni sul triennio che seguirà, dicendosi sulla buona strada verso la decarbonizzazione prevista nel 2025
Enel cresce e prova a migliorarsi: il nuovo piano strategico punta alla decarbonizzazione, all’energia pulita e all’efficienza.  Dal 2017 al 2020, la capacità di staracegenerazione termica installata passerà dai 46,6 GigaWatt di oggi ai 39,2 GW nel 2020, con una capacità rinnovabile che passerà a 47,7 GW nel 2020, 7,2 GW in più rispetto ad oggi. Egualmente, la generazione netta di elettricità “emission free” passerà dal 43% del 2017 al 55% nel 2020. Compreso nella quota “emission free” il nucleare. 
Secondo il piano strategico,  il 33% di rinnovabili del 2017, nel 2020 arriveranno al 44%, mentre il nucleare, che oggi porta il suo contributo per il 10%,  si alzerà di un solo punto percentuale. Diminuisce  l’Idroelettrico,  che passa dall’11% di oggi, al 9% nel 2020.
Questi sono solo alcuni dei numeri illustrati da Francesco Starace, CEO e direttore generale Enel, nella presentazione del piano strategico 2018-2020 ai media e ai mercati finanziari a Londra.
Questo, dice Starace, porterà al 65% il contributo di produzione energetica delle fonti a zero o nulle emissioni, favorendo l’azienda in vista della decarbonizzazione prevista e annunciata dal Governo per il 2025.