Scenari

Energia: i maggiori produttori e i maggiori consumatori al mondo. Infografica

mondo

Stati Uniti e Cina ricoprono un ruolo chiave nel settore energia, oltre ad essere i primi consumatori sono anche (spesso) i primi produttori. Infografica 

L’energia è il motore del mondo. Eolica, fotovoltaica, da gas o da petrolio. Pulita o meno pulita. Fossile o rinnovabile. La “scoperta” dell’energia ha modificato la vita e le abitudini delle popolazioni, ha stravolto l’organizzazione della società in tutti i suoi aspetti, generando una serie di mutamenti che hanno trasformato la qualità e gli stili di vita umani. Ha anche modificato l’economia, i rapporti tra Stati, la geopolitica.

Oggi è oggetto di accordi, di guerre, di minacce. Si pensi alla Corea del Nord: gli Usa hanno proposto l’embargo del petrolio (che arriva da Cina e Russia), dopo aver bloccato le esportazioni di carbone,  per fermare i progetti del dittatore Kim Jong-un. E’ oggetto di nuovi equilibri e di intese. Perchè ci sono produttori e consumatori, c’è chi è leader in una forma di energia e chi domina nel settore petrolio. C’è chi ha messo il turbo per incentivare le rinnovabili e chi rimane ancora ancorato (per necessità e per economia) al carbone. C’è chi investe sul gas, come fonte di transizione.

Incrociando i dati dei rapporti di BP, originariamente British Petroleum, con quelli dell’Agenzia Internazionale dell’energia, del rapporto Renewables 2016 Global Status Report, ed Enerdata abbiamo dato vita ad una infografica che mostra i maggiori produttori e i maggiori consumatori di energia. Evidente il ruolo chiave degli Stati Uniti e della Cina. Gli Usa sono primi produttori di gas naturale, di nucleare e geotermico e secondi al mondo per la produzione di petrolio (il primo posto è dell’Arabia Saudita), di carbone (primo posto è della Cina), di eolico (Cina al primo posto) e solare termico (primo posto sempre alla Cina). 

Cina, Stati Uniti ed India sono, invece, i maggiori consumatori.

infografica

 

 

 

One comment

  1. 1

    Molto veritiera ed opportuna la frase che ricorda l’importanza assoluta che il poter disporre di energia, abbondante ed a condizioni davvero ragionevoli e sostenibili rappresenta per l’umanità.

    Ecco perchè diventa un obbligo etico e morale fare tutto quanto necessario per consentire a d oltre un terzo della popolazione mondiale questo accesso, per consentire loro di emergere ed uscire dalle loro miserevoli condizioni di vita.

    Il Carbone è una delle fonti primarie e fondamentali per agevolare tale transizione, soprattutto grazie all’impiego delle moderne tecnologie che consentono di prevenire gli effetti negativi ed indesiderati che, altrimenti, qualsivoglia combustione produce.

    Lasciamo quindi da parte i pregiudizi e le fuorvianti teorie che vorrebbero demonizzare il combustibile, se davvero vogliamo migliorare le condizioni di noi tutti, perchè intervenire i quei paesi sottosviluppati ha poi ripercussioni positive anche per tutti noi.

    Quindi, un adeguato “MIX delle Fonti” che tenga conto delle realtà locali e delle concrete e razionali disponibilità, economiche, tecniche e di vera sostenibilità.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>