Territori

Energia, Prysmian realizzerà nuovo collegamento sottomarino a Capri

elettricità

Acquisito contratto da circa 40 milioni di euro da Terna. Il sistema in cavo verrà prodotto nel centro di eccellenza dell’azienda di Napoli

Prysmian Group, leader mondiale nel settore dei cavi e sistemi per l’energia e le telecomunicazioni, ha acquisito, in seguito ad una gara con bando europeo, un nuovo contratto del valore di circa 40 milioni di euro per la realizzazione del nuovo collegamento elettrico sottomarino fra l’isola di Capri e Sorrento (Napoli) da Terna. Il progetto prevede l’installazione “chiavi in mano” di un sistema in cavo ad alta tensione in corrente alternata (High Voltage Alternate Current – HVAC) da 150 kV dalla Stazione di Sorrento alla stazione elettrica posizionata nell’isola Ecologica di Gasto a Capri, lungo un tracciato che include circa 16 km di rotta sottomarina e 3 km sulla terraferma.

I cavi per il collegamento Capri – Sorrento saranno prodotti nel centro di eccellenza produttiva e tecnologica per cavi sottomarini del Gruppo di Arco Felice (Napoli). Prysmian sarà responsabile della posa del cavo sottomarino, realizzata con la nave posacavi del Gruppo “Cable Enterprise”, e dei relativi componenti di rete ed opere civili specialistiche. Il completamento del progetto è previsto nel 2019. Questa importante commessa fa seguito al progetto Capri – Torre Annunziata acquisito da Terna nel 2013 per la fornitura ed installazione di un collegamento in cavo sottomarino HVAC da 150 kV per connettere Capri alla terraferma lungo un tracciato di circa 31 km.

“Essere coinvolti nella realizzazione di una infrastruttura di così grande valore strategico e prestigio per il nostro Paese è per noi motivo di grande soddisfazione e orgoglio – afferma Massimo Battaini, SVP Energy Projects di Prysmian Group –. Prysmian mette a disposizione di questo progetto la propria esperienza e la tecnologia all’avanguardia sviluppata proprio nello stabilimento di eccellenza mondiale in Campania, valorizzando quindi le migliori risorse locali”. Questo secondo storico collegamento completerà l’anello di connessione di Capri rendendolo più sicuro ed efficiente.