Territori

Energia, Terna: nel 2017 consumi +2%, record dal 2013

L’anno scorso il totale dell’energia elettrica richiesta è ammontato a 320,4 miliardi di kilowattora. A dicembre crescono le rinnovabili: fotovoltaica +1%, eolica +50,4%

Crescono i consumi elettrici in Italia nel 2017, raggiungendo i massimi dal 2013. Secondo i primi dati di Terna, infatti, l’anno scorso il totale dell’energia elettrica richiesta è ammontato a 320,4 miliardi di kilowattora (+2% rispetto al 2016), il valore massimo da quattro anni a questa parte. Nel mese di dicembre la domanda di elettricità in Italia è stata di 26,9 miliardi di kWh, in aumento dell’1,7% rispetto ai volumi dello stesso mese dell’anno precedente. La performance ha risentito dell’effetto calendario e temperatura: quest’anno, infatti, dicembre ha avuto 2 giorni lavorativi in meno (18 vs 20) ma una temperatura di quasi un grado centigrado inferiore rispetto alla media di riferimento.

sen 2017A livello territoriale, la variazione tendenziale di dicembre 2017 è stata ovunque positiva e sostanzialmente in linea con la media nazionale in tutte le aree del Paese: +1,7% al Nord, +1,5% al Centro e +1,8% al Sud. In termini congiunturali, il valore destagionalizzato della domanda elettrica di dicembre 2017 ha fatto registrare una variazione leggermente positiva rispetto al mese precedente (+0,5%). Il profilo del trend si mantiene su un andamento stazionario.

Sempre nel mese di dicembre 2017 la domanda di energia elettrica è stata soddisfatta per l’87,6% con produzione nazionale e per la quota restante (12,4%) dal saldo dell’energia scambiata con l’estero. In dettaglio, la produzione nazionale netta (23,9 miliardi di kWh) è diminuita del 6,1% rispetto a dicembre del 2016. Sono in aumento le fonti di produzione geotermica (+0,2%), fotovoltaica (+1%) ed eolica (+50,4%); in flessione le fonti di produzione idrica (-15,6%) e termica (-9,5%). La potenza massima richiesta a dicembre 2017 è stata di 54.045 MW, registrata il giorno martedì 19 alle ore 18, e risulta superiore dell’1,5% al valore registrato alla punta del corrispondente mese di dicembre 2016.