Sostenibilità

Eni ed Fca puntano sul metano: Firmato accordo “low carbon”

Firmata un’alleanza tra due delle più note aziende italiane, Eni e Fca, per continuare a lavorare nella mobilità, energia e sostenibilità

 

Eni e Fca, nella figura dei loro rappresentanti Claudio Descalzi e Sergio Marchionne, hanno firmato un memorandum per un futuro “low carbon”, alla presenza del Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. A differenza di molte capitali europee, Roma ha rinunciato al passaggio repentino all’elettrico e all’abolizione dei combustibili fossili, garantendo spazio ragionevole alle fonti alternative quali il metano, visto che l’Italia è il mercato in cui queste auto sono più vendute – le statistiche riportano una vendita di 8,9% di veicoli alimentati a gpl e metano nell’ottobre 2017.

L’accordo è detto “low carbon” proprio perché non prevede l’abolizione totale dei combustibili fossili. Secondo Marchionne “in alcuni paesi si stanno favorendo determinate tecnologie a discapito di altre”, in altre parole il costo ambientale delle auto elettriche non è direttamente zero bensì dipende dalla modalità di produzione di elettricità. Se essa viene da centrali a petrolio o a carbone, avrà un costo più alto per l’ambiente di quello che avrebbe se fosse un risultato del metano o altri combustibili fossili alternativi.

Questa alleanza tra Eni ed Fca “fa leva sulle competenze specifiche e il know-how di entrambe le società lungo tutta la catena, che parte dalla realizzazione di motori efficienti, passando alla formulazione di carburanti innovativi fino alla riduzione delle emissioni e al riutilizzo della CO2 emessa a valle.” dice Starace, impegnandosi a “continuare la ricerca delle migliori soluzioni e a testarle insieme, per dare spazio all’uso del gas nei trasporti ed ai combustibili alternativi con l’obiettivo di traguardare importanti riduzioni in termini di emissioni“. Eni, infatti, dal canto suo, oltre ad avere un buon mercato di elettrico e ibrido sopratutto in Cina, ha già sviluppato una benzina contenente solo il 20% di combustibili fossili che sarà utile all’alimentazione di qualsiasi tipo di veicolo.

 

Giovanni Malaspina

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>