Sostenibilità

ExxonMobil vuole “spingere” l’acceleratore sulla riduzione dei gas serra

exxon

Ecco tutti i dettagli del piano che l’azienda americana ha intenzione di mettere in atto al 2020

La ExxonMobil ha deciso di spingere l’acceleratore sulla riduzione dei gas a effetto serra annunciando una serie di misure che dovrebbero portare a significativi miglioramenti delle prestazioni in termini di emissioni entro il 2020. Nel piano è compresa una riduzione del 15% delle emissioni di metano e una riduzione del 25% del flaring. La società ha inoltre annunciato l’intenzione di migliorare la propria efficienza energetica, nella quale è leader di settore, per quanto riguarda gli impianti di raffinazione e di produzione di prodotti chimici.

WOODS: ABBIAMO UN IMPEGNO DI LUNGA DATA PER MIGLIORARE L’EFFICIENZA E RIDURRE LE EMISSIONI

La ExxonMobil investe in soluzioni energetiche a basse emissioni come la cogenerazione, la riduzione del flaring torce, l’efficienza energetica, i biocarburanti, la cattura e lo stoccaggio del carbonio e altre tecnologie. Dal 2000 la compagnia ha investito oltre 9 miliardi di dollari in soluzioni energetiche a basse emissioni. “Abbiamo un impegno di lunga data per migliorare l’efficienza e ridurre le emissioni di gas serra – ha dichiarato Darren W. Woods, presidente e amministratore delegato -. L’annuncio odierno si basa su questo impegno e contribuirà a migliorare ulteriormente la nostra attività”.

EMISSIONI DI METANO RIDOTTE GIÀ DEL 2% IN USA

Come detto la ExxonMobil sta intraprendendo una serie di iniziative per ridurre in modo significativo le emissioni di metano. Gli sforzi di XTO Energy per il rilevamento e la riparazione delle perdite e i miglioramenti operativi negli stabilimenti di produzione e nel midstream degli Stati Uniti hanno ridotto le emissioni di metano stimate nelle attività della ExxonMobil del 2% nell’ultimo anno. In combinazione con le misure aggiuntive al di fuori degli Stati Uniti, incentrate sulle principali fonti di metano, l’azienda prevede di ottenere una riduzione del 15% delle emissioni di metano entro il 2020 rispetto al 2016.

LE RIDUZIONI PIÙ SIGNIFICATIVE PER IL FLARING SONO PREVISTE IN AFRICA OCCIDENTALE

La ExxonMobil è anche una delle otto aziende energetiche mondiali che sostengono i principi guida per la riduzione del metano. I principi si concentrano sulla riduzione continua delle emissioni di metano, sull’aumento delle prestazioni nella catena di valore del gas, sul miglioramento dell’accuratezza dei dati sulle emissioni di metano e sulla promozione di politiche e normative valide in materia di emissioni di metano. La società, infatti, è membro fondatore della Environmental Partnership dell’API, che si concentra inizialmente sulla riduzione delle emissioni di metano e composti organici volatili. Gli sforzi associati alla produzione e al trattamento di petrolio e gas dovrebbero ridurre la combustione di gas naturale in tutte le attività della ExxonMobil di circa il 25% entro il 2020 rispetto al 2016. Le riduzioni più significative sono previste per le operazioni in Africa occidentale e comprendono l’utilizzo di infrastrutture di terzi.

DAL 2000 EFFICIENZA ENERGETICA MIGLIORATA DEL 10%

Al momento la ExxonMobil è l’azienda di raffinazione più efficiente dal punto di vista energetico negli Stati Uniti e a livello internazionale. La società ha ottenuto un miglioramento del 10% dell’efficienza energetica in tutte le sue attività di raffinazione a livello mondiale, in seguito a un piano lanciato nel 2000. Tecnologie e tecniche avanzate di efficienza hanno aiutato l’industria chimica della ExxonMobil a ridurre l’intensità netta delle emissioni di gas serra di quasi il 7% dal 2013.