Territori

Gas, ecco quanto calerà il flusso in Ucraina con Nord Stream 2 e Turkish Stream

nord stream 2

Ne ha parlato il numero uno di Gazprom Alexej Miller. Lo scorso anno il transito di gas russo attraverso l’Ucraina è stato stimato in 93,5 miliardi di metri cubi, il risultato maggiore degli ultimi otto anni.

Il transito del gas russo attraverso l’Ucraina sarà ridotto in modo massiccio con la messa in funzione dei gasdotti Turkish Stream e Nord Stream 2. Lo ha dichiarato – secondo quanto riferisce l’agenzia Ria Novosti – l’amministratore delegato della società russa Gazprom, Alexej Miller, parlando di un calo del 90 per cento rispetto alle attuali forniture, con un flusso massimo stimato attorno ai 10-15 miliardi di metri cubi all’anno.

IN CORSO NEGOZIATI PER UN NUOVO CONTRATTO CON NAFTOGAZ

Miller ha ammesso che le forniture di gas verso paesi e regioni confinanti con l’Ucraina dalla parte europea continueranno a essere effettuate attraverso il territorio ucraino. Sono in corso, inoltre, negoziati per concludere un nuovo contratto di transito gas con Naftogaz, ha aggiunto l’amministratore delegato di Gazprom, sottolineando che le clausole contrattuali saranno diverse da quelle stabilite dall’arbitrato di Stoccolma in riferimento all’accordo attualmente esistente. Lo scorso anno il transito di gas russo attraverso l’Ucraina è stato stimato in 93,5 miliardi di metri cubi, il risultato maggiore degli ultimi otto anni.