Efficienza energetica e innovazione

Gentiloni, Sen: “grande scommessa economica”

Gentiloni

Il presidente del Consiglio Gentiloni ha commentato le implicazioni positive generate dalla Sen per numero di investimenti e fattore occupazionale

 

Paolo Gentiloni, il presidente del Consiglio, intervenendo a Roma al convegno “L’Italia e le energie rinnovabili”,  ha parlato della necessità di non perdere di vista la grande scommessa economica per la nostra economia, che è la Sen, che muove investimenti per 175 miliardi, di cui 30mld per reti e infrastrutture di gas, 35mld per le rinnovabili e 110mld destinati all’efficienza energetica. L’80% della strategia è orientata all’incremento della sostenibilità del nostro sistema energetico.

Gentiloni“Con la strategia energetica nazionale puntiamo a raggiungere una quota di produzione attraverso le fonti rinnovabili del 28% nel 2030; del 28% sui consumi complessivi e del 55% su quelli elettrici, superando quindi gli obiettivi fissati dall’Unione europea. Questo è un settore attraverso il quale fissiamo un target di investimenti e che a questo target possano corrispondere scelte, comportamenti e investitori che danno sicurezza”, ha aggiunto il presidente del Consiglio.

Il Premier ha concluso il suo intervento ponendo l’accento sulla dinamica occupazionale, sottolineando la positività della transizione economica da questo punto di vista, in quanto garantisce la creazione di un numero significativo di posti di lavoro. “Nel settore – ha proseguito – l’occupazione sta già aumentando e potrebbero passare dai 10 mld del 2016 ai 24 mln del 2030, secondo le stime a livello globale: non ci troviamo di certo a una transizione senza lavoro, a una sostituzione di tecnologie nella quale andranno persi posti di lavoro”.

 

Giovanni Malaspina

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>