Efficienza energetica e innovazione, Senza categoria

La Cina si prepara per l’inverno. CNPC incrementa gas

CHINA

La China National Petroleum Corp ha dichiarato di voler implementare il già esistente gasdotto che connette la Cina ad alcuni paesi dell’Asia Centrale

 

 

Il gasdotto Asia Centrale – Cina,  in funzione dal dicembre 2009, che passa attraverso Cina, Turkmenistan, Kazakistan e Uzbekistan,  trasporterà 200 miliardi di gas naturale da novembre, equivalente del consumo annuo di gas in Cina o di fornitura di gas per Pechino in 11 anni: questo è quanto dichiara la China National Petroleum Corp, il più grande produttore cinese di forniture di gas e petrolio.

La fornitura di gas proveniente dai paesi dell’Asia centrale ha avuto un ruolo significativo nel garantire le forniture di gas naturale durante la stagione invernale nella Cina settentrionale, quando la domanda diventa quasi tre volte maggiore rispetto a quella delle stagioni non riscaldate.

Qu Guangxue, portavoce del CNPC, ha affermato che CNPC, che rappresenta oltre il 70% del gas naturale fornito in Cina, prevede che la domanda di gas naturale raggiungerà quest’anno 81,3 miliardi di dollari per l’azienda, in crescita del 11,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Secondo Qu, la domanda di gas naturale ha registrato un lieve aumento quest’anno, con vendite di energia pulita in crescita del 20% annui. Gli analisti hanno assicurato che il gasdotto Cina-Asia centrale ha ben soddisfatto la domanda di gas naturale della Cina e ha diversificato le fonti nazionali di importazioni di gas naturale.  “Negli ultimi anni il gas naturale è diventato il carburante in più rapida crescita in Cina e le forniture stabili e le infrastrutture relativamente ben sviluppate hanno contribuito a stimolare la crescita” ha dichiarato Li Li, direttore di ricerca sull’energia presso la ICIS China.

Secondo la Commissione Nazionale per lo Sviluppo e la Riforma, l’approvvigionamento di gas naturale della Cina supererà i 360 miliardi di metri cubici entro il 2020, e rappresenterà il 10% della produzione energetica cinese, rispetto al 7% attuale. L’output del gas naturale è salito da 50 miliardi di metri cubici nel 2005 a 135 miliardi di metri cubici nel 2016.

Per soddisfare la rapida crescita della domanda, la Commissione si è impegnata a rafforzare la propria rete di condotte nel corso del prossimo decennio. La rete petrolifera e gas naturale del Paese dovrebbe raggiungere i 240.000 chilometri entro il 2025 dagli attuali 112.000 chilometri, il che significa che il paese dovrà costruire altri 128.000 chilometri di gasdotti nei prossimi anni.

Wang Lu, analista di petrolio e gas in Asia e Pacifico per Bloomberg Intelligence, ha dichiarato che “La crescita della lunghezza delle tubazioni e la capacità di trasmissione totale consentiranno alla Cina di aumentare la quota di gas nel mix di consumo di energia primaria”.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>