Efficienza energetica e innovazione, Short News

L’energia solare sarà più conveniente del carbone

Il costo dell’energia solare ha iniziato un trend al ribasso che la porterà ad essere anche più conveniente del carbone

L’energia solare è più conveniente del carbone, in alcune parti del mondo. E in meno di un decennio, è probabile che sia l’opzione più basso costo in tutto il mondo.

Come scrive Bloomberg, alcuni Paesi, come Cile e Emirati Arabi Uniti, hanno generato energia elettrica dal sole per meno di 3 centesimi a kilowatt-ora, la metà del costo medio globale delle centrali a carbone. Arabia Saudita, Giordania e Messico stanno lanciando aste e gare d’appalto, con l’obiettivo di abbattere i prezzi.

C’è da dire, comunque, che dal 2009, i prezzi del solare sono scesi del 62%, spinto da una produzione a livelli record. Se il trend continua ad esser questo, entro il 2025, l’energia solare si rivelerà più conveniente per la produzione di elettricità, rispetto al carbone, secondo Bloomberg New Energy Finance.

solareIl calo dei prezzi “sta diventando normale nella maggior parte dei mercati” ha dichiarato Adnan Amin, Direttore Generale International Renewable Energy Agency, un gruppo intergovernativo di Abu Dhabi. “Ogni volta che raddoppia la capacità di produzione, si riduce il prezzo del 20%”.

Convinto del crollo del prezzo del solare è anche Jenny Chase, capo degli analisti di settore per New Energy Finance, secondo cui, in media, il costo dell’energia solare installata sarà 73 centesimi a watt entro il 2025 rispetto agli 1,14 dollari di oggi. Secondo MJ Shiao, analista di GTM Research oggi, il costo è di 1 dollaro a watt e può scendere fino a 75 centesimi nel 2021.

Anche le previsioni dell’U.S. Energy Department’s National Renewable Energy Lab mostrano che in futuro prossimo, in quasi tutto il mondo, il solare sarà più conveniente del carbone: secondo gli esperti, i costi attuali di circa 1,20 dollari watt, scendano ad 1 dollaro entro il 2020.Secondo l’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili, ci sarà da qui al 2015 un ulteriore calo dei costi del 43%, portando all’84% il calo totale dei prezzi dal 2009 ad oggi.

Se è vero che il trend è questo, è anche vero che la velocità con cui il prezzo del solare scenderà non sarà omogenea e varia da Paese a Paese. Nei paesi con grandi riserve di carbone nazionale, come l’India e la Cina, probabilmente ci vorrà più tempo perchè il solari risulti più conveniente del carbone. La Cina, il più grande mercato dell’energia solare, vedrà i costi della tecnologia scendere al di sotto di quelli del carbone entro il 2030, secondo il New Energy Finance.

One comment

  1. 1

    Che dire? Bene.

    Logica quindi vorrebbe che si attendesse quella futura data per spendere soldi per queste tecnologie che oggi sono ancora molto, ma molto più costose, oltre al fatto che essendo una Fonte “INTERMITTENTE” e non programmabile, occorre spendere altri soldi per tenere accesi impianti convenzionali fossili per agarantire la disponibilità di elettricità sempre e soprattutto quanto serve.

    I “ricchi e furbi” italiani, invece, hanno speso una fortuna negli ultimi 10 anni per correre assurdamente in avanti e così hanno installato a costi faraonici Solare FV con tecnologie già ampiamente superate e quindi ben poco efficaci, ma con un costo di produzione che infine è circa 10 volte maggiore rispetto al Carbone ed al Nucleare.

    Speriamo almeno che la lezione serva a riflettere e a fermarsi in attesa che tale realtà si concretizzi davvero!

Comments are closed.