Fact checking e fake news

Petrolio, Up: salgono i prezzi del greggio importati in Italia nel 2017 (+24,2%)

L’Italia si conferma ai vertici della classifica dei paesi dell’Area euro con i carburanti più tassati. La benzina più cara è in Olanda, il gasolio invece in Svezia, mentre il Gpl auto in Francia.

Nei primi undici mesi 2017 il costo del greggio importato in Italia ha subito un aumento del 24,2% rispetto al 2016. È quanto rileva Unione petrolifera (Up) nel bollettino di aggiornamento mensile. Sempre nei primi undici mesi dello scorso anno sono aumentati dell’8,9% le importazioni di petrolio dall’estero, con un forte incremento registrato soprattutto da Iran e America. Nel corso del 2017, secondo quanto emerge dai dati provvisori, si è invece verificato un calo dell’1,6% rispetto allo stesso periodo 2016 dei consumi petroliferi complessivi.

petrolio brentPassando alla vendita di carburanti, nel 2017, dai dati provvisori, si evince un calo dell’1,8% rispetto allo stesso periodo 2016 mentre guardando ai prezzi, la benzina si è collocata lo scorso mese in media a 1,547 €/litro e il diesel a 1,417 €/litro con una stacco ponderato (benzina + gasolio) che nel corso del 2017 si è attestato in media a 0,006 euro/litro. L’Italia si conferma, secondo Up, ai vertici della classifica dei paesi dell’Area euro con i carburanti più tassati (3° sulla benzina e sul gasolio auto). Dal confronto dei prezzi al consumo di tutti i paesi dell’Unione europea, la benzina più cara è in Olanda, il gasolio invece in Svezia, mentre il Gpl auto in Francia.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>