Efficienza energetica e innovazione

Renewable Energy Mediterranean 2018 a Ravenna, tutti i dettagli

La conferenza riunirà molti attori dell’industria digitale, del settore dell’Oil&Gas, dei contraenti e fornitori di servizi per l´energia, per discutere delle applicazioni correnti di queste tecnologie

Prende il via il 14 marzo a Ravenna (al Grand Hotel Mattei) la due giorni di Rem 2018 (Renewable energy Mediterranean), la Conferenza del Mediterraneo dedicata all’energia rinnovabile, con il patrocinio del ministero dello Sviluppo Economico, sul tema ‘Industria 4.0 – Verso una transizione energetica sostenibile’. La conferenza riunirà molti attori dell’industria digitale, del settore dell’Oil&Gas, dei contraenti e fornitori di servizi per l´energia, per discutere delle applicazioni correnti di queste tecnologie, delle maggiori barriere tecnologiche e organizzative, delle prospettive per un’implementazione su larga scala a livello industriale. Le tecnologie digitali e l’innovazione saranno dunque il tema comune e centrale delle due giornate, mentre la seconda giornata approfondirà il ruolo delle associazioni e dell’Università nel programma “industria 4.0”.

La kermesse ruota attorno alla terza rivoluzione industriale con l’Internet delle cose che sta producendo grandi volumi di dati non strutturati, in grado di essere prodotto molto velocemente e con diversi livelli di affidabilità su base giornaliera. Ciò genera la cosiddetta era dei Big Data che rappresenta una sfida ai tradizionali modelli di business. Per affrontare questa sfida, l’Industria 4.0 ha bisogno di un approccio nuovo e proattivo alla gestione dei Big Data, attraverso hub in grado di archiviare, elaborare e analizzare in tempo reale enormi quantità di dati provenienti da diverse fonti e in tutte le forme e dimensioni. Queste innovazioni potrebbero contribuire al taglio dei costi e dei consumi e quindi portare ad una maggiore competitività, garantendo al tempo stesso standard di qualità, sicurezza e protezione ambientale anche negli ambiti delle energie rinnovabili e della sostenibilità ambientale.

Tra i temi della conferenza “L’innovazione tecnologica nell’industria energetica per governare il delicato equilibrio tra energia e ambiente e per contrastare le fake news”. “La nuova rivoluzione industriale digitale – spiega Innocenzo Titone, Chairman di Rem 2018 – è imprescindibile per assicurare il pieno svolgimento delle attività di vigilanza e di controllo della sicurezza anche ambientale, nel settore della ricerca e coltivazione di idrocarburi, verso la transizione energetica sostenibile. Un percorso in cui è decisiva la scelta di fare rete mettendo insieme più professionalità anche per contrastare le fake news e puntare sulla sicurezza come valore economico e ambientale nel rispetto del territorio e della salute”.

Rem 2018 sarà un’occasione unica, come detto, anche per comprendere l’importanza del cambiamento misenel settore energetico a partire dalla presentazione del Piano nazionale Industria 4.0 e delle opportunità alle aziende italiane. Una strada già avviata dalla Dgs Unmig del Mise che passa anche attraverso Clypea, il network per la sicurezza offshore che coinvolge 14 enti tra centri di ricerca, università, Marina e Capitanerie di Porto. “Si tratta – spiega Franco Terlizzese, Direttore Generale per la sicurezza delle attività minerarie ed energetiche del Mise – di un nuovo sistema informativo integrato relativo al potenziale delle risorse rinnovabili offshore, al riuso ambientalmente compatibile delle piattaforme di produzione di idrocarburi, alle caratteristiche chimico fisiche del fondale e del sottofondo marino e delle sue alterazioni. Questo sistema assicura, a beneficio del settore energetico, la sinergia di informazioni ad alto contenuto specialistico provenienti da diversi settori tecnici e scientifici, rappresentando non solo uno strumento di analisi e di studio, ma soprattutto un mezzo di comunicazione trasparente di cui tutte le persone e gli enti interessati si possono servire. I dati del sistema informativo sono consultabili sul sito della DGS UNMIG nella sezione dedicata al Network”.

REM 2018 si articola in due giorni: nel primo saranno presentati gli incentivi del Mise e le ricadute economiche del Piano nazionale Industria 4.0, le esperienze dei big player e di alcune start up. Nel secondo, si punterà sul ruolo del mondo accademico, con l’Università di Bologna, il Politecnico di Milano e l’Università della Basilicata.