Scenari

Chi vince e chi perde tra le Big Oil con gli aumenti dei prezzi del greggio

Nonostante la ripresa del mercato i rendimenti medi degli azionisti delle compagnie petrolifere sono appena superiori e, in alcuni casi, molto inferiori a quelli del mercato in generale I prezzi del greggio hanno raggiunto, nel periodo recente, i valori più alti degli ultimi tre anni. Ciò all’interno di un quadro che ha visto l’industria petrolifera tagliare i costi operativi e aumentare i profitti con crescite, in alcuni casi, a tre cifre. Nonostante ciò gli investitori hanno trovato lo stesso molto

Read More...

Scenari

Il futuro dello Big Oil? Sempre più legato al gas

Si prevede che la domanda di Gnl cresca più rapidamente di tutti i combustibili fossili Le dinamiche riguardanti il settore gas saranno al centro della 27esima Conferenza mondiale  prevista a Washington a partire da oggi (The 27th World Gas Conference). Si tratta della prima volta che la kermesse si sposta negli Usa da oltre trent’anni, a dimostrazione dell’importanza ormai acquisita nel settore dallo shale statunitense che ha trasformato il paese nel primo produttore mondiale di combustibile. Assieme ai padroni di

Read More...

Sostenibilità

Clima: cambia la strategia dei grandi investitori

Lettera aperta di sessanta azienda sul Financial Times per chiedere più sforzi alle Big Oil Sessanta aziende attive nel settore investimenti hanno chiesto ai gruppi petroliferi e del gas di intensificare gli sforzi in materia di cambiamenti climatici in una lettera aperta pubblicata dal Financial Times. INDUSTRIA GAS E PETROLIO SIA PIÙ TRASPARENTE E SI ASSUMA LA RESPONSABILITÀ DELLE EMISSIONI Tra loro figurano società del calibro di Aberdeen Standard Investments e Axa Investment Managers, sempre più preoccupati per l’impatto finanziario

Read More...

Scenari

Ecco perché si infiammano le quotazioni del greggio. E perché non è finita

Il Brent spinto ai massimi dal novembre 2014 potrebbe proseguire la sua corsa. Spinto da una serie di fattori non geopolitici. Gli esperti vedono problemi per le banche centrali dei paesi inflazionati Le quotazioni del petrolio tornano a salire con il Brent, spinto dai timori di un possibile calo delle esportazioni iraniane e dalle turbolenze sul mercato venezuelano, che ha brevemente superato la soglia degli 80 dollari al barile, ai massimi da novembre 2014. E il Wti in rialzo a

Read More...

Fact checking e fake news

S&P: La produzione delle Big Oil cresce malgrado i tagli di bilancio

L’analisi di Standards&Poors evidenzia come i timori di scarsi investimenti causati dai tagli aggressivi alla spesa effettuati a partire dal 2014 fossero infondati La produzione delle Big Oil sta ancora crescendo, nonostante i tagli agli investimenti. È quanto rivela un rapporto di Standards&Poors nel quale l’agenzia di rating evidenzia come i timori di scarsi investimenti causati dai tagli aggressivi alla spesa effettuati a partire dal 2014 fossero infondati. NONOSTANTE TAGLI CAPEX E RINVIO INVESTIMENTO NESSUN EFFETTO SU PRODUZIONE “Una delle

Read More...

Energie del futuro

Norvegia “ignorata” dalle Big Oil del petrolio

Per il settore gas il 2017 della Norvegia verrà ricordato invece come un anno record con un +7% rispetto all’anno precedente. Il secondo maggiore fornitore di gas in Europa dopo la Russia ha esportato 116 miliardi di metri cubi verso i terminali di Gran Bretagna, Germania, Francia e Belgio.   A rischio il ruolo da protagonista della Norvegia come maggior produttore petrolifero dell’Europa occidentale e terzo principale esportatore a livello mondiale. Oslo si sta rendendo conto, infatti, che in futuro

Read More...

Fact checking e fake news

Energia, Big Oil sempre più attente all’ambiente

Investono sempre di più in rinnovabili, stoccaggio di energia, tecnologie digitali e mobilità avanzata. Ma secondo il ministro dell’Energia dell’Arabia Saudita Khalid al-Falih crescita demografica e innalzamento del tenore di vita in vedrà aumentare la domanda di energia del 45% entro il 2050 con petrolio, gas e carbone che continueranno a rappresentare circa il 75% delle forniture di energia   L’inquinamento? Colpa delle grandi compagnie petrolifere. Un facile luogo comune nella testa di molti. Eppure, le più grandi major del

Read More...