Short News

Cipro, Eni conferma il suo impegno Offshore

L’azienda italiana Eni, conferma in un incontro con il Presidente Anastasiadis il suo impegno nell’esplorazione delle acque di Eez   In una nota pubblicata il 24 novembre da Eni si legge che Claudio Descalzi, amministratore delegato dell’azienda, ha incontrato a Nicosia il Presidente della Repubblica di Cipro, Nikos Anastasiadis. L’incontro è stato occasione per confermare e “illustrare al presidente Anastasiadis un aggiornamento sulle attività di Eni nel Paese e per discutere di eventuali future opportunità congiunte”. Eni e Total, suo

Read More...

Efficienza energetica e innovazione

Energia: 8 big si alleano in nome dell’innovazione

Eni, Enel, Terna, General Electric, CNR, RSE, Consorzio interuniversitario EnSIEL ed ENEA si alleano per favorire innovazione nel settore energia   Otto big dell’industria, della ricerca e dell’innovazione si alleano per favorire innovazione made in Italy. Eni, Enel, Terna, General Electric, CNR, RSE, Consorzio interuniversitario EnSIEL ed ENEA lavoreranno fianco a fianco nel ‘Cluster tecnologico nazionale energia’. con l’obiettivo di fare dell’innovazione tecnologica un fattore di riduzione dei costi, di aumento della sicurezza nazionale e di maggiore competitività delle nostre imprese

Read More...

Territori

Eni, accordo per esplorazione e produzione per offshore in Oman

L’azienda italiana sigla un nuovo accordo con il Governo del Sultanato dell’Oman e OOC per il Blocco 52, sito nell’offshore meridionale dello Stato   Il Governo del Sultanato dell’Oman, la controllata dalla società di Stato Oman Oil Company SAOC (OOC), Oman Oil Company Exploration and Production (OOCEP), e l’azienda Eni hanno firmato oggi un Exploration and Production Sharing Agreement (EPSA) per il Blocco 52. Localizzato nell’offshore della regione meridionale dell’Oman, con estensione di circa 90.000 Km2 e una profondità d’acqua che varia da 10

Read More...

Sostenibilità

Ogci investe sulla tecnologia a bassa emissione

Tre investimenti dell’associazione Ogci, con l’obiettivo di contrastare il cambiamento climatico  L’associazione Ogci – Oil and gas climate initiative, fondata da dieci grandi multinazionali energetiche, in cui sono comprese Eni, Bp, Cnpc, Pemex, Reliance, Repsol, Saudi Aramco, Shell, Statoil e Total, ha annunciato tre investimenti in tecnologie a basse emissioni, per contrastare il cambiamento climatico. Il primo investimento è stato fatto in favore di Solidia Technologies, azienda statunitense che – tramite processi a bassa emissione e una tecnologia innovativa- produce calcestruzzo e

Read More...

Sostenibilità

Il biocarburante si estrae dalle alghe, nutrite di Co2 e sole

Estrarre bio-carburante dalle alghe è l’obiettivo di Eni, che ha avviato un impianto sperimentale di nuova generazione di Biofissazione Intensificata della Co2 per la produzione di bio-olio algale Produrre bio-carburante a partire dalle alghe, ecco il progetto a firma Eni avviato a Ragusa, dove la società ha inaugurato un impianto sperimentale di nuova generazione di Biofissazione Intensificata della Co2 per la produzione di bio-carburante algale che potrà essere utilizzato dalla nuova bio-raffineria di Gela. Ci spieghiamo: la Co2 prodotta dai

Read More...

Efficienza energetica e innovazione

Energia e FinTech, rivoluzione in vista grazie alla Blockchain

Sviluppo del trading attraverso Bitcoin, vendita di elettricità mirata per zone, tariffazione a tassi variabili all’interno degli stessi mercati. Tante le novità con cui potremo fare i conti in futuro   Anche se molte imprese rischiano di essere spazzate via dagli sconvolgimenti causati dall’innovazione, l’industria energetica, che ha tardato ad abbracciare il cambiamento, si sta rapidamente ricredendo grazie all’utilizzo sempre più convinto della tecnologia del “Blockchain”. L’applicazione di questo strumento, pensato inizialmente per far circolare in sicurezza le criptovalute, promette

Read More...

Territori

Gas, Rosneft chiude accordo da 1,1 mld per acquisto 30% Zohr

Il Ceo Sechin: Opportunità per rafforzare le posizioni dell’azienda in un’area promettente e strategica Rosneft ha chiuso l’accordo siglato con Eni per l’acquisto di una quota del 30% del giacimento di gas ‘Zohr’, in Egitto, “il più grande del Mar Mediterraneo”. Lo ha comunicato la stessa azienda russa in una nota precisando che il costo di acquisizione della partecipazione di Rosneft è di 1,125 miliardi di dollari Usa a cui vanno aggiunti i rimborsi a Eni per la quota dei

Read More...