Sostenibilità

Eni, accordo con Utilitalia e Conoe per raccolta oli esausti

Eni sigla un accordo con Utilitalia e CONOE per la raccolta di oli vegetali esausti prodotti dai dipendenti della compagnia saranno raccolti e trasformati in biocarburanti di elevata qualità   La società italiana Eni firma un accordo di collaborazione con Utilitalia – Federazione delle imprese energetiche idriche e ambientali di proprietà pubblica – e CONOE – Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti – per incrementare la raccolta degli oli vegetali esausti prodotti

Read More...

Territori

UE, nessun obbligo di stoccaggio territoriale per GNL

La Corte UE ha dato ragione a Eni, Eni Gas&Power France e Uprigaz contro il decreto che obbligava  i fornitori di gas naturale a detenere scorte sufficienti a ottemperare gli obblighi sulla sicurezza dell’approvvigionamento esclusivamente nel territorio nazionale     Gli Stati membri dell’Unione Europea non potranno obbligare i fornitori di gas naturale a detenere scorte sufficienti per soddisfare gli obblighi sulla sicurezza dell’approvvigionamento esclusivamente nel territorio nazionale. Questa la decisione della Corte di Giustizia UE. La Corte ha dato dunque ragione a Eni,

Read More...

Energie del futuro

Gas, avviata produzione di Zohr

Come annunciato dal ministero al Petrolio egiziano, il giacimento di Zohr ha dato inizio alla produzione di gas    Il ministero del Petrolio egiziano ha annunciato che il maxigiacimento di gas di Zohr, scoperto da Eni, ha avviato la sua produzione di 10 mln mc/g, così come aveva annunciato già la compagnia italiana. Il giacimento di Zohr è il maggiore del Mediterraneo, avente riserve di 850 miliardi di mc ed è la più grande scoperta di Eni degli ultimi anni.“Con

Read More...

Energie del futuro

Descalzi, Eni pronta ad investire 21 miliardi in Italia

Eni prevede 21 miliardi di investimenti per lo sviluppo del settore chimico, raffinazione e rinnovabili in Italia   Claudio Descalzi, Amministratore delegato di Eni, ha affermato – alla trasmissione Circo Massimo su radio Capital, parlando della dipendenza energetica italiana dopo l’incidente al terminale di Baumgarten – di credere fortemente nell’Italia, tanto che nei prossimi quattro anni Eni arriveranno a 21 miliardi di euro gli investimenti in Italia. Gli investimenti effettuati negli ultimi tre anni ammontano a 15 miliardi di euro, focalizzati principalmente sugli

Read More...

Territori

Rientra l’allarme gas, ripartono i flussi dall’Austria

Il sistema gas italiano rimane comunque uno tra i più sicuri al mondo grazie alla diversificazione delle fonti di approvvigionamento, agli stoccaggi e ai piani di emergenza elaborati dal Mise   Rientra l’allarme per le forniture di gas italiane all’ingresso del Tarvisio dopo l’esplosione nell’impianto di distribuzione di Baumgarten an der March, in Austria, una cinquantina di chilometri a nord-est di Vienna. Nella notte sono ripartiti i flussi dal gasdotto Trans Austria Gasleitung (Tag) gestito dall’operatore Gas Connect dopo che

Read More...

Sostenibilità

Eni e Snam: accordo per mobilità sostenibile

Le aziende italiane hanno firmato un accordo per lo sviluppo di stazioni di rifornimento a metano in Italia   Eni e Snam, facendo seguito al quadro firmato a maggio 2017, hanno siglato il primo contratto applicativo per lo sviluppo di stazioni di rifornimento a metano in Italia, che rientra a pieno nelle operazioni di entrambi a favore della mobilità sostenibile. Il contratto ha una durata ventennale e ha come obiettivo la progettazione, realizzazione e manutenzione di Snam di un primo gruppo

Read More...

Energie del futuro

MED, Descalzi: bisogna colmare gap tra Nord e Sud Mediterraneo

L’intervento di Descalzi al Rome Med 2017 descrive la situazione di gap tra nord e sud del Mediterraneo   Claudio Descalzi, Amministratore Delegato di Eni, è intervenuto al Rome Med 2017 – il meeting globale per un dialogo di alto livello sul Mediterraneo, con l’obiettivo di ripensare gli approcci tradizionali e disegnare una nuova “agenda positiva”- parlando del gap tra l’area nord e sud del Mediterraneo. A detta sua, questo gap è cresciuto negli ultimi anni, supportato anche dalla crisi e

Read More...