Fact checking e fake news

Arabia Saudita: prezzi greggio in Asia invariati fino a ottobre

Intanto, per il ministro del Petrolio dell’Oman, i prezzi del greggio non dovrebbero superare gli 80 dollari al barile ma occorre fare attenzione alla guerra commerciale in atto tra Usa e Cina. L’Arabia Saudita, uno dei maggiori paesi esportatori di greggio a mondo, ha deciso di mantenere invariati ai livelli di settembre, i prezzi del greggio che venderà in Asia a ottobre per garantire competitività alle sue forniture rispetto a quelle di altri paesi. A rivelarlo è Reuters che cita

Read More...

Fact checking e fake news

Opec: Domanda greggio più debole del previsto nel 2018

L’Organizzazione dei paesi esportatori stima che il consumo mondiale raggiunga i 100,26 milioni di barili al giorno quest’anno Nel 2018, la crescita della domanda petrolifera mondiale è prevista in aumento di 1,64 milioni di barili al giorno, 20 mila barili al giorno in meno rispetto alle proiezioni del mese scorso, principalmente a causa di dati sulla domanda petrolifera più debole del previsto in America Latina e Medio Oriente nel secondo trimestre dell’anno. È quanto rileva l’Opec nel bollettino mensile di

Read More...

Fact checking e fake news

Petrolio, i dati di produzione e domanda nel 2017

È quanto emerge dalla 17esima edizione della World Oil, Gas and Renewables Review, la rassegna statistica mondiale su petrolio, gas naturale e fonti rinnovabili presentata da Eni   Nel 2017 le riserve di greggio sono leggermente diminuite (-0,2%), principalmente per la riduzione in alcuni paesi dell’Opec, mentre la produzione petrolifera mondiale è rimasta pressoché allo stesso livello del 2016 (+0,3%). È quanto emerge dalla 17esima edizione della World Oil, Gas and Renewables Review, la rassegna statistica mondiale su petrolio, gas

Read More...

Territori

Aie: Tensioni sul mercato pesano sull’offerta globale di petrolio

Nel suo ultimo bollettino mensile l’Agenzia internazionale per l’energia evidenzia un rallentamento della produzione La domanda è partita bene quest’anno con la crescita globale del primo trimestre 2018 a oltre 2 milioni di barili al giorno aiutata dal periodo particolarmente freddo nell’emisfero settentrionale. Dati recenti, tuttavia, indicano un rallentamento e un aumento dei prezzi. Lo ha affermato l’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) nel suo ultimo bollettino mensile. PESANO LE TENSIONI INTERNAZIONALI A pesare sul mercato sono ancora le tensioni sull’offerta

Read More...

Scenari

Petrolio, prezzi in calo. Pesano parole Trump, Libia e aumenti produzione Saudita

Per il prossimo anno Opec stima, invece, un rallentamento del consumo mondiale di petrolio L’Arabia Saudita ha aumentato la produzione petrolifera a giugno mentre il prezzo del greggio è attualmente in calo dopo il nuovo affondo dell’amministrazione Trump sui dazi e la notizia della ripresa dell’attività di produzione ed export in quattro terminal della Libia. ARABIA SAUDITA AUMENTA PRODUZIONE A GIUGNO: EFFETTO IRAN-USA Lo scorso mese l’Arabia Saudita ha aumentato la sua produzione di petrolio di 459mila barili al giorno.

Read More...

Territori

Dall’Opec accordo unanime per aumentare la produzione petrolifera

L’incremento sarà spalmato in modo proporzionale tra i vari paesi. Intanto il Congo entra nel cartello dei paesi esportatori “Abbiamo un accordo”. Così il ministro saudita dell’Energia dell’Arabia Saudita, Khalid Al-Falih, ha annunciato l’intesa tra Paesi Opec e non Opec per l’aumento della produzione “da un milione di barili al giorno nominali collettivamente”, secondo quanto riferisce l’agenzia Bloomberg. AUMENTO PRODUZIONE FISSATO A NON PIÙ DI 1 MILIONE DI BARILI AL GIORNO I 14 Paesi parte del cartello e quelli guidati

Read More...

Scenari

L’Iran minaccia di affondare l’accordo Opec sull’aumento della produzione

Fratture profonde con Arabia Saudita e Russia all’interno dell’Opec

Read More...