Senza categoria, Territori

Bulgaria e Turchia sempre più unite (dal Turkish Stream)

gas

Sofia realizza un nuovo collegamento di 20 km nella zona sud orientale del paese per incrementare i flussi di gas dai 14 miliardi di metri cubi attuali a 15,7

Il Turkish Stream ha a disposizione una nuova linea in Bulgaria per le forniture di gas. Sofia ha realizzato, infatti, un nuovo collegamento di 20 km che si estende nella zona sud orientale del paese, in grado di ricevere i flussi di combustibile dal gasdotto turco ma anche, volendo, di immettere gas grazie alla bidirezionalità prevista dalla nuova condotta.

IL NUOVO GASDOTTO AUMENTERÀ LA CAPACITÀ DELL’INFRASTRUTTURA BALCANICA A 15,7 MILIARDI DI METRI CUBI

Il nuovo gasdotto aumenterà la capacità dell’infrastruttura balcanica a 15,7 miliardi di metri cubi di gas rispetto ai 14 attuali contribuendo ad incrementare la sicurezza negli approvvigionamenti bulgari. “Abbiamo realizzato un gasdotto che consentirà flussi reversibili, in modo da poter ottenere gas dalla Turchia, dall’Azerbaigian e dalla Russia”, ha detto il primo ministro Boyko Borissov alla cerimonia ufficiale, alla quale ha partecipato anche il ministro turco dell’Energia Fatih Donmez. Sofia ha inoltre indetto una gara d’appalto per un gasdotto di 11 km per fornire un collegamento di maggiore capacità tra il nuovo tratto e il confine turco. La procedura è stata tuttavia sospesa in quanto un’impresa bulgara sta facendo ricorso alle condizioni di gara.

ATTUALMENTE GAZPROM TRASPORTA CIRCA 13 MILIARDI DI METRI CUBI ANNUI DI GAS ATTRAVERSO L’UCRAINA E LA BULGARIA VERSO LA TURCHIA

Attualmente, la russa Gazprom trasporta circa 13 miliardi di metri cubi annui di gas attraverso l’Ucraina e la Bulgaria verso la Turchia. Le spedizioni potrebbero tuttavia cessare l’anno prossimo, quando Mosca prevede che la prima linea del Turkish Stream diventi operativa. Turkish Stream fa parte dei piani del Cremlino per aggirare l’Ucraina, attualmente la principale via di transito del gas russo verso l’Europa, e di rafforzare la sua posizione nel mercato europeo del gas.

RUSSI ANCORA INDECISI SE UTILIZZARE GRECIA O BULGARIA COME PUNTO DI TRANSITO IN EUROPA Nord Stream Russia

Il Turkish Stream si compone di due linee con una capacità annua di 15,7 miliardi di metri cubi ciascuna che passeranno sotto il Mar Nero in direzione della Turchia. La prima linea, già completata, sarà utilizzata per il consumo locale. La seconda linea dovrebbe attraversare la Turchia fino all’Europa sudorientale e centrale. La Bulgaria ha dichiarato di voler fungere da punto di ingresso in Europa, ma la Russia deve ancora decidere se il gasdotto passerà attraverso la Bulgaria o la Grecia. Sofia spera di raggiungere un accordo con Mosca, Ankara e Bruxelles per il trasporto di parte del gas russo attraverso la Bulgaria verso Serbia, Ungheria e Austria.