Ecco perché il rialzo del prezzo del greggio si è fermato. Report Aie

Secondo l’Aie la rapida crescita della produzione nei paesi non Opec, guidati dagli Stati Uniti, destinata a crescere più della domanda. Nel mirino Arabia Saudita e Russia. Ma sul futuro molto dipende dalle dinamiche mondiali L’offerta petrolifera mondiale nel mese di gennaio è scesa a 97,7 milioni di barili al giorno ma è stata superiore di 1,5 mb/d rispetto all’anno scorso grazie alla ripresa della produzione statunitense che ha sostenuto la crescita della produzione non Opec. È quanto rileva l’Agenzia

Rinnovabili, il ruolo dei biocarburanti nella nuova direttiva

“State of play dei biocarburanti nella nuova direttiva sulle fonti rinnovabili di Energia. Le posizioni delle industrie Europee ed Italiane” è il titolo dell’appuntamento organizzato dal Coordinamento Free per Venerdì, 16 Febbraio, ore 9,30-13,30 presso Sala del Parlamentino del Ministero dello Sviluppo Economico – Via Molise 2, Roma. Intervengono Giacomo Rispoli (ENI); Massimo Ferrera (Fiat/FCA); Piero Gattoni (Presidente CIB ); Francesco Ferrante (Vice Presidente Kyoto Club); Vito Pignatelli (Presidente ITABIA); Sandro Cobror (Direttore Generale Assodistil); Giovanni Barraco (ENAC); Pippo Onufrio

Ecco perché la Turchia ha bloccato la nave Saipem 12000 di Eni

I dettagli del blocco della nave italiana Saipem 12000 da parte della Turchia    Sabato un’unità militare turca ha bloccato la nave Saipem 12000 dell’Eni impegnata in attività di perforazione all’interno della Zona economica esclusiva (Zee) di Nicosia. Il problema, è sempre lo stesso da qualche anno: qualsiasi nuovo giacimento scoperto nelle acque di Cipro, secondo le politiche di Erdogan, andrebbe condiviso con il governo filo-turco al potere nel settore settentrionale dell’isola di Cipro (la Turchia occupa militarmente la zona nord

Come cambierà l’Arera con la nuova divisione Ambiente

La principale novità riguarda la creazione di una divisione Ambiente che sostituirà l’attuale Area Ambiente e si andrà ad affiancare alla divisione Energia. Al suo interno, accanto alle direzione Sistemi idrici e direzione Teleriscaldamento, è stata istituita inoltre una specifica direzione “Ciclo dei rifiuti urbani e assimilati”.   È scattata ufficialmente dalla mezzanotte la proroga del Collegio dell’Autorità per l’energia o meglio di Arera, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, così come è stata rinominata alla luce delle

Perché l’industria statunitense arranca sul solare

Lo scorso anno l’industria del solare americana ha perso 9.800 posti di lavoro. E in futuro potrebbe andare ancora peggio   Un 2017 davvero negativo per l’industria del solare americana, che nell’ultimo anno ha perso, come denuncia la National Solar Jobs della Solar Foundation, circa 10mila posti di lavoro. Si tratta del primo anno di calo dal 2010, anno in cui la Fondazione ha avviato i censimenti del comparto. UN 2016 POSITIVO Numeri e scenari che preoccupano e che soprattutto deludono:

Tutti i piani della Giordania per crescere nelle rinnovabili

Il paese si classifica al primo posto invece in Medio Oriente e Nord Africa secondo quanto emerge da un rapporto di Bloomberg La Giordania si è classificata al primo posto in Medio Oriente e Nord Africa per la crescita delle energie rinnovabili e pulite, e terza su 71 paesi in tutto il mondo, dopo Cina e Brasile. È quanto emerge da un rapporto di Bloomberg. Nel corso di un incontro con il personale del ministero, il ministro dell’Energia e delle

Come e perché la Turchia svetta nel solare

Superata anche la Germania che si è fermata a 1,75GW. Dal 2016 crescita del 213% per Ankara   La crescita della capacità di produzione di energia solare in Turchia nel 2017 è stata quasi un quarto della crescita totale in Europa, superando perfino la Germania. Lo ha certificato SolarPower Europe in un rapporto sottolineando che la capacità fotovoltaica totale in Europa è aumentata di 8,61GW nel 2017, pari ad un aumento del 28 per cento rispetto al 2016, mentre Ankara