Ecco come Enel aiuterà Facebook e Adobe sulle rinnovabili

Cosa dice l’accordo tra le tre aziende, a quanto ammonta l’investimento e quali sono gli obiettivi da raggiungere Due colossi statunitensi dell’informatica come Facebook e Adobe riceveranno energia pulita per le loro attività grazie ad un accordo con Enel Green Power North America, la controllata statunitense del gruppo italiano, con impianti operativi e in fase di costruzione in 23 Stati Usa e due province canadesi per una capacità gestita superiore a 4,2 GW. Il nuovo accordo di fornitura energetica siglato

Come Terna rafforzerà con Prysmian la rete elettrica nazionale

Il valore del progetto “chiavi in mano” è di circa 50 milioni di euro per una durata di tre anni, con l’opzione di estensione temporale e di valore

Perché i big dell’energia sono costretti ad adattarsi alle rinnovabili

Le aziende si confrontano con un mondo in cui il calo dei costi dell’energia solare ed eolica fa scendere i prezzi ma non solo Sette anni dopo il terremoto che ha colpito al largo della costa orientale del Giappone causando la distruzione della centrale nucleare di Fukushima Daiichi, le scosse di assestamento si stanno facendo ancora sentire in tutto il mondo. L’ultima è arrivata la settimana scorsa quando le tedesche E.On e RWE hanno annunciato un enorme scatto dell’industria energetica

Snam alza l’asticella sul futuro. Ecco il piano industriale al 2021

Alverà: Tap operativo al 2020 e si valuta il Turkish Stream. Ci interessa molto il biometano.  Articolo Sebastiano Torrini

Storico traguardo di produzione in Egitto per Eni

Conferma il successo della strategia di concentrarsi su attività di esplorazione che offrono alto valore e rapido sviluppo

Ecco le prime conseguenze (energetiche) dello scontro diplomatico fra Gran Bretagna e Russia

Le conseguenze dello scontro diplomatico tra Gran Bretagna e Russia si propagano fino al settore dell’energia, in particolare a quello del Gnl, il gas naturale liquefatto. L’articolo di Giampaolo Tarantino

Non solo Zohr. Eni consolida la produzione di gas in Egitto

Lo sviluppo del giacimento sarà ottimizzato a medio termine grazie all’estensione della licenza che consentirà nuovi investimenti