skip to Main Content

Clima, OCSE: nel 2020 finanziamenti per Paesi in via di sviluppo per 83,3 mld dollari

Clima Energia

Tuttavia, non è ancora all’altezza dell’obiettivo per i Paesi sviluppati di fornire e mobilitare 100 miliardi di dollari all’anno per i Paesi in via di sviluppo entro il 2020

Secondo una nuova analisi dell’OCSE, nel 2020 i finanziamenti per il clima forniti e mobilitati dai Paesi sviluppati per l’azione per il clima nei Paesi in via di sviluppo hanno raggiunto gli 83,3 miliardi di dollari. Lo si legge sul sito dell’OCSE.

Si tratta di un ulteriore aumento del 4% rispetto al 2019, che è seguito ad un aumento dell’1% dal 2018 al 2019. Tuttavia, non è ancora all’altezza dell’obiettivo per i Paesi sviluppati di fornire e mobilitare 100 miliardi di dollari all’anno per i Paesi in via di sviluppo entro il 2020. L’aumento della finanza per il clima nel 2020 è stato trainato principalmente da un incremento dei flussi pubblici.

L’“Aggregate Trends of Climate Finance Report and Mobilised by Developed Countries in 2013-2020” è la quinta valutazione annuale dell’OCSE sui progressi verso l’obiettivo dell’UNFCCC. Il report di quest’anno è stato pubblicato prima rispetto agli anni precedenti, per contribuire al rapporto del Comitato permanente dell’UNFCCC sulla finanza sui progressi verso il raggiungimento dell’obiettivo, in preparazione per la COP27.

“Sappiamo che bisogna fare di più. I finanziamenti per il clima sono cresciuti tra il 2019 e il 2020, ma, come ci aspettavamo, sono rimasti al di sotto dell’aumento necessario per raggiungere l’obiettivo di 100 miliardi di dollari entro il 2020″, ha affermato il segretario generale dell’OCSE, Mathias Cormann. “Mentre i Paesi continuano a confrontarsi con le implicazioni economiche e sociali della pandemia Covid e della guerra in Ucraina, stiamo assistendo al cambiamento climatico, che causa impatti negativi diffusi e relative perdite e danni alla natura e alle persone”.

“I Paesi sviluppati devono continuare a intensificare i loro sforzi in linea con gli impegni dichiarati alla COP26, il che significa il raggiungimento dell’obiettivo di 100 miliardi di dollari a partire dal prossimo anno. Questo è fondamentale per creare fiducia, mentre continuiamo ad approfondire la nostra risposta multilaterale al cambiamento climatico”.

FOCUS PRINCIPALE SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Nel periodo 2013-2020, la finanza pubblica per il clima ha rappresentato la maggior parte del totale, passando da 38 miliardi di dollari nel 2013 a 68,3 miliardi di dollari nel 2020. All’interno di tale importo complessivo, i flussi multilaterali sono cresciuti del 138% nel periodo 2013-2020, mentre i flussi bilaterali sono aumentati del 40%. I finanziamenti mobilitati privati ​​per il clima, per i quali sono disponibili dati comparabili solo dal 2016, sono aumentati di quasi il 30% nel periodo 2016-2020, nonostante un calo tra il 2019 e il 2020. La quota dei crediti all’esportazione legati al clima sul totale rimane modesta.

La maggior parte dei finanziamenti per il clima nel 2020 è stata destinata agli sforzi di mitigazione dei cambiamenti climatici, ma i finanziamenti previsti per le azioni di adattamento hanno continuato a crescere, rappresentando un terzo del totale. Il finanziamento della mitigazione si è concentrato principalmente sulle attività energetiche e di trasporto, mentre il finanziamento dell’adattamento si è concentrato sulle attività nell’approvvigionamento idrico e nei servizi igienico-sanitari e in agricoltura, silvicoltura e pesca.

Come negli anni precedenti, nel 2020 i finanziamenti pubblici per il clima hanno assunto principalmente la forma di prestiti, rappresentando il 71% del totale, con un aumento dell’8% in termini di volume rispetto al 2019. È cresciuto anche il volume dei finanziamenti pubblici per il clima erogati sotto forma di sovvenzioni in termini assoluti, che rappresenta il 26% del totale.

DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA DEI FINANZIAMENTI

I Paesi in via di sviluppo in Asia sono stati i principali beneficiari dei finanziamenti per il clima nel 2016-20, con il 42% del totale in media, seguiti dall’Africa (26%) e dalle Americhe (17%). Raggruppando i Paesi beneficiari per livello di reddito, il 43% dei finanziamenti per il clima 2020 forniti e mobilitati dai Paesi sviluppati per i Paesi in via di sviluppo è andato a Paesi a reddito medio-basso (LMIC), il 27% è andato a Paesi a reddito medio-alto (UMIC), 8% è andato ai Paesi a basso reddito (LIC) e il 3% è andato ai Paesi ad alto reddito (HIC).

L’obiettivo per i Paesi sviluppati di fornire e mobilitare 100 miliardi di dollari di finanziamenti per il clima all’anno per l’azione per il clima nei Paesi in via di sviluppo doveva essere raggiunto nel 2020 e mantenuto fino al 2025. Gli scenari dell’OCSE pubblicati nell’ottobre 2021 hanno mostrato che, se tutti gli impegni presentati da fornitori bilaterali e multilaterali fino a quel momento verranno rispettati, il livello di 100 miliardi di dollari sarà raggiunto nel 2023 e superato nel periodo fino al 2025.

L’OCSE continuerà ad analizzare gli sviluppi dei finanziamenti per il clima nei prossimi mesi, con i risultati che saranno pubblicati a settembre.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore