Scenari

Navi metaniere cariche in mare, i Traders sono in attesa della stagione invernale

I traders scommettono che i prezzi aumenteranno con l’avvicinarsi della stagione invernale nell’emisfero settentrionale e utilizzano questa tecnica per stoccare il Gnl e venderlo al miglior offerente.

Le navi metaniere piene di Gnl stanno effettuando viaggi più lunghi del solito per consegnare i carichi e trascorrono sempre più tempo in mare, segno di una volontà ben precisa dei traders di utilizzare le navi per lo stoccaggio del gas. È quanto rileva Bloomberg in un articolo.

PERCHÉ MANTENERE UNA NAVE CARICA IN MARE

gnlSecondo Bloomberg ci possono essere altri motivi per mantenere i carichi in mare, compresi problemi logistici o meteorologici, come un monsone in India. Ma con i prezzi spot più bassi dall’aprile 2016, i traders potrebbero scommettere che aumenteranno con l’avvicinarsi della stagione invernale nell’emisfero settentrionale e utilizzare questa tecnica per stoccare il Gnl e venderlo al miglior offerente.

NESSUNA FRETTA PER I TEMPI DI SPEDIZIONE

“Le persone non sono troppo preoccupate per i tempi di spedizione – ha detto Jean-Christian Heintz, responsabile brker GNL presso la SCB Brokers SA di Nyon, Svizzera -. Sia che stiano aspettando per un problema logistico, commerciale o di prezzo, non si preoccupano del tempo che trascorrono in mare, il che significa che non c’è fretta di tornare indietro e prendere il prossimo carico”, scrive Bloomberg.

IL SEGNALE CHE IL MERCATO DEL GAS È CAMBIATO

“L’uso dello stoccaggio in mare così a lungo prima della stagione fredda è insolito a causa dei costi di mantenimento del gas naturale nella sua forma liquida e indica come il commercio di Gnl, il combustibile fossile in più rapida espansione, stia diventando sempre più simile al mercato del petrolio. E ciò è merito anche del boom dello shale gas che ha trasformato gli Stati Uniti nel terzo maggiore esportatore, all’aumento del commercio a pronti, ai prezzi legati sempre più a hub del gas piuttosto che al petrolio che hanno stimolato una spinta globale verso contratti più flessibili”, osserva Bloomberg.

AUMENTANO LE RICHIESTE DI INFORMAZIONI

I proprietari delle metaniere GasLog Ltd. e Flex LNG hanno dichiarato che stanno assistendo ad un aumento delle richieste di informazioni da parte dei trader per utilizzare le navi come deposito galleggiante. Questo fenomeno, probabilmente, si intensificherà a settembre e oltre per trattenere il carburante prima dell’inizio ufficiale della stagione di riscaldamento a ottobre.

UNA PRATICA RISCHIOSA

Cheniere Energy, il più grande esportatore di Gnl degli Stati Uniti, ha detto la scorsa settimana di vedere un premio nei prezzi invernali che incoraggia lo stoccaggio in mare. Tuttavia, avverte Bloomberg , l’uso dello stoccaggio galleggiante è un’attività rischiosa “perché la domanda di riscaldamento prevista potrebbe essere più morbida del prevista, come è successo lo scorso inverno, e i noli potrebbero raggiungere nuovi record, come già previsto dagli armatori”.

ALCUNI PUNTI DI VISTA SU DOVE ANDRANNO I PREZZI

“Dovremo aspettarci un mercato del GNL debole nei mesi di settembre-novembre”, ha ammesso Nick Boyes, analista senior di gas e GNL presso il fornitore e trader svizzero Axpo, in una dichiarazione raccolta da Bloomberg. “C’è ancora un potenziale svantaggio a breve termine sia per i prezzi dell’Henry Hub americano vicino a $2/mmbtu che per i prezzi spot asiatici record del GNL vicino a $4/mmbtu – ha ammesso Muqsit Ashraf, espertp nel settore energia globale per Accenture -. I prezzi spot a lungo termine in Asia dovrebbero, tuttavia, sulla base dei fondamentali, superare i $5, ma rimanere al di sotto della doppia cifra”.