Efficienza energetica e innovazione

Quanto vale l’efficienza energetica?

efficienza energetica

Il settore dell’efficienza energetica continua ad attrarre investimenti. I dati dell’Energy Efficiency Report del Politecnico di Milano

 

Nonostante la crisi generalizzata in cui attualmente il nostro sistema economico è avviluppato, c’è un settore che continua a dare segnali positivi: l’efficienza energetica. Questo è quanto si legge nell’Energy Efficiency Report redatto dall’Energy&Strategy Group del Politecnico di Milano.

efficienza energeticaA partire dal 2012 la crescita media degli investimenti è stata del 14% arrivando anche – nel 2014 – a toccare un +30% passando da 4 a 5,2 miliardi. Il comparto residenziale che ha fatto la parte del leone raccogliendo investimenti per 3 miliardi di euro – 53% del totale, seguito dalla parte dell’industria che ha attirato circa 1,8 miliardi di euro corrispondenti al 32%, mentre il terziario ha raggiunto solo il 14%.

Il report del Politecnico si è soffermato sulle parole chiave attraverso cui si è sviluppata l’efficienza energetica italiana e in cui è possibile inglobarla: coibentazione, generazione e illuminazione.

Secondo la Sen (Strategia Energetica Nazionale) i consumi di energia primaria al 2020 dovranno attestarsi a 158 Mtep (1 Mtep equivale alla quantità di energia rilasciata dalla combustione di una tonnellata di petrolio grezzo), per un risparmio di poco superiore a quanto previsto nel Pacchetto 20-20-20 che fissa un valore pari a 167 Mtep.

Se confrontiamo il consumo energetico effettivo, in Italia si osserva il raggiungimento di circa 165 Mtep: obiettivo raggiunto?

Secondo diversi analisti la risposta è no. A parer loro, il risultato è stato raggiunto non grazie all’efficienza energetica ma grazie alla crisi economica: ciò significherebbe un raggiungimento solo temporaneo del risultato. La prova sta nel fatto che nello scenario a cui fanno riferimento Sen e Pacchetto 20-20-20, i consumi previsti per il 2015 erano 197,5 Mtep, quasi il 20% in più rispetto ai consumi registrati. “E’ necessario – dichiara Vittorio Chiesa, responsabile Energy&Strategy Group della School of Management del Politecnico di Milano – che gli operatori e gli stakeholder dell’efficienza energetica nel nostro Paese si diano dei nuovi obiettivi, concreti e raggiungibili”.

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>