Territori

Bulgaria e Serbia vogliono diversificare le forniture di gas. Bruxelles d’accordo

Firmato un accordo a Sofia tra il ministro bulgaro dell’Energia Temenuzhka Petkova e dal suo omologo serbo Aleksandar Antic Bulgaria e Serbia sono intenzionate a portare avanti il progetto di un interconnettore gas tra i due paesi nel tentativo di diversificare le forniture e migliorare l’infrastrutturazione nell’Europa sudorientale. BRUXELLES SOSTIENE IL PROGETTO Entrambi fortemente dipendenti dalle importazioni di gas russo, i due paesi dell’Est europeo stanno pensando da anni a progetti in grado di diversificare le loro forniture. Sul punto

Read More...

Territori

Cosa deve fare l’Europa dell’Est per scongiurare una crisi energetica

Troppi nodi irrisolti tra i paesi dell’ex blocco sovietico alle prese con indipendenza e sicurezza energetica e decarbonizzazione Scarsi investimenti, impianti datati e inquinanti. Dalla caduta del muro di Berlino, la produzione di energia nell’Europa sudorientale sta continuamente lottando con il suo passato ma anche con il presente per soddisfare la domanda richiesta da imprese e cittadini da un lato e la necessità di essere in regola con le normative europee in materia di clima e di qualità dell’aria dall’altro.

Read More...

Scenari

Perché anche la Bulgaria vuole diventare un hub del gas

Le mosse di Sofia e dell’Unione europea, il ruolo della Russia e le esplorazioni delle compagnie straniere nel Mar Nero per trovare petrolio e gas La Bulgaria potrebbe diventare a stretto giro, un crocevia fondamentale delle forniture di gas europee. Sofia ha avviato, infatti, uno studio di fattibilità per verificare la possibilità di trasformare il paese in un hub di transito per il gas russo diretto in Europa concentrandosi, in particolare, sulla nascita di un polo commerciale per il combustibile

Read More...

Sostenibilità

Da Ue ok a riforma mercato emissioni: ma quanto guadagna l’Italia?

Arrivano misure per favorire gli investimenti “puliti” e proteggere l’industria dal carbon leakage. Il via libera definitivo è del Consiglio Ue. L’approfondimento di Energia Oltre

Read More...

Scenari

Perché il Mediterraneo Orientale è l’ago della bilancia della politica energetica Ue

Come mai l’Europa è ai margini del grande risiko del gas stretta tra la morsa russa e dei paesi emergenti della sponda est del Mare Nostrum I giacimenti di gas del Mediterraneo orientale si candidano a essere sempre più ago della bilancia della politica energetica europea. A scapito della Russia e della sua eccessiva predominanza nelle forniture al Vecchio Continente. L’ultimo paese che sta cercando di allentare la morsa da Mosca è la Bulgaria. Il ministro bulgaro dell’Energia Temenuzhka Petkova

Read More...

Territori

Rischio ritardo per l’Interconnector Grecia-Bulgaria, tutti i dettagli

La commissione bulgara per la tutela della concorrenza, CPC, ha infatti bloccato due gare d’appalto pubbliche sul progetto dopo la presentazione di alcuni ricorsi L’Interconnector Grecia-Bulgaria (Igb), il collegamento al Corridoio meridionale del gas pensato per rifornire Sofia, è in ritardo a causa dei ricorsi presentati sui lavori. Vladislava Tsekova, della ICGB Investment, incaricata di completare la costruzione dell’interconnettore, ha ammesso che l’azienda auspica di tornare presto in pista con i lavori. “Abbiamo motivo per ritenere che sono in gioco

Read More...