Energie del futuro

Africa orientale, il Ruanda, la nuova frontiera per i metalli tecnologici

metalli

La geopolitica e la possibile nascita di una nuova guerra fredda potrebbero creare una “lotta per il dominio” tra i cinesi e le altre parti dell’Africa orientale per il dominio delle ricchezze minerarie di queste terre

L’Africa orientale è la nuova frontiera per la scoperta e lo sfruttamento dei cosiddetti “metalli tecnologici”, tra cui lo stagno, il cobalto di litio e l’oro. Ma lo sfruttamento di queste risorse richiederà investimenti a livello di manifattura locale così come norme chiare a beneficio delle comunità, dei governi e degli sviluppatori.

RUANDA IN PRIMA FILA

In tale contesto, il Ruanda, uno dei maggiori produttori mondiali di stagno, tungsteno e tantalio, si è classificato ai primi posti come località mineraria regionale grazie alla sua stabilità e alla sua chiarezza legislativa per gli investitori, a differenza di Tanzania ed Etiopia in ritardo, soprattutto sul fronte normativo, secondo un sondaggio effettuato tra i relatori e i partecipanti ad un webinar del 6 agosto ospitato da Mining Review Africa and Africa Mining Forum di cui dà conto S&P Global Platts.

“Siamo all’inizio di una rivoluzione energetica che ha un’enorme rilevanza per i metalli tecnologici, e anche all’inizio di una grande dislocazione dell’offerta e della domanda nei minerali e nei metalli richiesti”, ha detto Brian Menell, presidente e CEO di TechMet, con sede in Irlanda, che possiede il 25% di Tinco, il più grande produttore di stagno e tungsteno in Ruanda, con quattro miniere di stagno e una di tungsteno.

Secondo Menell, nei prossimi anni i metalli tecnologici “supereranno costantemente le altre materie prime”.
La geopolitica e la possibile nascita di una nuova guerra fredda potrebbero creare una “lotta per il dominio” tra i cinesi e le altre parti dell’Africa orientale per il dominio delle ricchezze minerarie di questa terra “di frontiera”, ha detto Menell.

LO STAGNO IL METALLO PIU’ IMPATTANTE SULLE NUOVE TECNOLOGIE

Secondo TechMet, lo stagno è stato classificato al primo posto in un rapporto del Massachusetts Institute of Technology sui metalli con più impatto sulle nuove tecnologie. Utilizzato principalmente per saldare, è un ingrediente fondamentale per i veicoli elettrici, l’immagazzinamento dell’energia, le energie rinnovabili, la robotica avanzata e l’informatica.

“Ci sono sette volte la quantità di stagno in un veicolo elettrico rispetto a un veicolo con motore a combustione interna”, ha detto Menell.

NUOVE DIRETTIVE SULLE MINIERE DEL RUANDA

Il Rwanda Mines, Petroleum and Gas Board (RMB) ha presentato a giugno nuove strategie per aiutare il settore minerario a riprendersi dalla pandemia di coronavirus, ha riferito Mining Review Africa.

Il Ruanda punta ora a diventare un polo minerario regionale, concentrandosi sulla lavorazione a valle e sul commercio. L’oratore del webinar Marcus Courage, CEO di Africa Practice con sede a Londra, una società di consulenza strategica focalizzata sull’Africa, ha osservato che i progressi sull’integrazione regionale si sono spostati più velocemente nell’Africa orientale che nel resto del continente.

Il Ruanda ha fondato la sua prima raffineria d’oro in assoluto l’anno scorso, con la capacità di lavorare l’oro di tutto il continente, dando impulso agli sforzi africani per aggiungere valore ai minerali prima dell’esportazione. C’è una fonderia di proprietà ruandese a Kigali, l’unica fonderia di stagno dell’Africa orientale, recentemente certificata come “conflict-free”, ed è prevista la creazione di una fonderia di tantalio.

Le strategie di RMB prevedono anche la riorganizzazione degli operatori minerari su piccola scala in società collettive con licenza per essere sostenuti con investimenti internazionali.

Le attrezzature minerarie e gli esplosivi devono ora essere realizzati a livello locale; l’attività mineraria e l’esplorazione mineraria sono definite come una priorità nel codice degli investimenti ed è stato istituito un fondo di sostegno per l’esplorazione mineraria.

“L’obiettivo è quello di attrarre le società internazionali di esplorazione mineraria e gli investimenti di esplorazione a rischio, fondamentali per realizzare operazioni minerarie su scala industriale”, ha detto Mining Review Africa.
Menell ha detto che Tinco sta cercando di stabilire operazioni di fusione dello stagno in Ruanda per produrre lingotti, ma che il tungsteno è più difficile da sfruttare a livello locale in quanto è più energivoro.
Il Ruanda ha anche “un interessante potenziale sul litio”, ha detto. “È una merce di basso valore nella sua forma grezza e sarebbe interessante considerare la lavorazione a livello locale”.

ETIOPIA

Courage ha notato che anche l’Etiopia sta anche enfatizzando la manifattura locale, con un “programma economico di 10 anni che porta più chiarezza di aspettative in termini di industria manifatturiera e di altre industrie correlate”.
La pandemia di coronavirus dovrebbe comunque deprimere i livelli di esplorazione e di investimenti per un triennio in tutta la regione, ha detto Courage.

Andrew Smith, presidente e CEO di East Africa Metals, industria di esplorazione mineraria canadese, ha osservato che il governo etiope punta a far sì che le entrate minerarie rappresentino il 10% del PIL del Paese entro il 2025, in crescita rispetto al 3% del 2010.

Smith ha evidenziato il “grande potenziale” dell’Etiopia sia nel carbone che nell’oro. L’East Africa Metals ha speso 30 milioni di dollari in esplorazione nel Paese negli ultimi anni e ha prospettive auree “robuste economicamente a prezzi correnti”. Ha firmato, inoltre, accordi con gli sviluppatori cinesi su due dei suoi tre progetti nell’area, che dovrebbero procedere nel quarto trimestre di quest’anno, ed è ottimista sul fatto che inizierà a portare il suo terzo progetto in Etiopia e un progetto in Tanzania – progetti con un potenziale di 2,8 milioni di once d’oro – in funzione nel 2021.

IL GOVERNO DELLA TANZANIA HA UNA POSIZIONE MODERATA

Rocky Smith, CEO di Peak Resources, un esploratore minerario con sede in Australia che si occupa di terre rare, ha dichiarato che i cambiamenti della legge mineraria della Tanzania del 2017 hanno “riorientato i processi e ridotto la chiarezza” che da allora non ha portato allo sviluppo di nuove miniere.

Tuttavia, Smith vede i recenti sviluppi positivi con un accordo quadro di 300 milioni di dollari di pagamenti tra la Barrick Gold canadese e il governo della Tanzania per il riavvio della miniera d’oro di Acacia, che ha ripreso le esportazioni a maggio, e un accordo finanziario separato siglato tra la Black Rock Mining e il governo. Peak ritiene che questi favoriranno la sua capacità di ottenere finanziamenti per i suoi vari progetti che finora “hanno richiesto molto più tempo del previsto”.

C’è stata “una significativa mancanza di fiducia tra operatori e regolatori” in Tanzania negli ultimi anni, ha detto Courage, prendendo atto che i ministeri minerari sia in Etiopia che in Ruanda hanno fatto sforzi per migliorare la trasparenza degli investimenti.