Advertisement Advertisement Skip to content
Carburanti

Ancora rincari per i carburanti: si studia ipotesi social card

Per i consumatori invece il bonus benzina è una misura tampone che non risolve problema. “Governo deve tagliare accise carburanti con prezzi sopra i 2 euro al litro”

Secondo i dati settimanali del ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (Mase), appena pubblicati, il prezzo della benzina in modalità self service sale attestandosi a 1,948 euro al litro, il gasolio a 1,847 euro al litro.

ASSOUTENTI: ANCORA RINCARI SU RIENTRO DALLE VACANZE. IN TRE MESI VERDE +7,7%, GASOLIO +12%

Un incremento in appena tre mesi del +7,7% per la verde e addirittura del +12% per il diesel – analizza Assoutenti –. Rispetto a maggio un pieno di benzina costa oggi agli automobilisti 7 euro in più, mentre per un pieno di gasolio la maggiore spesa raggiunge quota 10 euro.

UNC: COSTO RIENTRO VACANZE +2,6% PER AUTO A BENZINA, +5,8% PER AUTO A GASOLIO

Diverso il calcolo per Unione nazionale consumatori, che comunque registra i rincari: “Anche se nell’ultima settimana i prezzi sono saliti solo dello 0,1%, avendo già raggiunto nelle settimane passate livelli stratosferici, dalla fine di luglio un litro di benzina è rincarato di quasi 5 cent (4,977 cent), pari a 2 euro e 49 cent per un pieno di 50 litri, mentre per il gasolio il rialzo è di oltre 10 cent al litro (10,125 cent), pari a 5 euro e 6 cent a rifornimento. Insomma, il rientro dalle vacanze è costato agli italiani il 2,6% in più per chi ha un’auto a benzina e il 5,8% per chi ha una vettura a gasolio. Secondo i dati di oggi del Mimit, invece, in autostrada dal 1° agosto l’incremento è stato del 2% per la benzina e del 4,5% per il gasolio. Dati, però, che, pur considerando le differenti metodologie, anche temporali, non collimano con quelli ben più alti e verosimili del Mase, che da decenni pubblica le medie settimanali” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

LOLLOBRIGIDA LANCIA L’IDEA: SOCIAL CARD PUÒ ESSERE UTILIZZATA ANCHE PER I BONUS BENZINA

Intanto il ministro dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida in un’intervista al Sole 24 Ore esorta a utilizzare la Social Card, circa 1,1 mln distribuite per contrastare il caro-carrello anche per la benzina: “Assieme al collega dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, lavoreremo per confermare l’intervento nella prossima manovra. Anzi – le aggiungo – la carta potrebbe coinvolgere anche l’iniziativa a cui sta pensando il ministro delle Imprese e del made in Italy Adolfo Urso sui buoni carburanti'”.

“Abbiamo affrontato il tema al margine del Cdm (ieri, ndr). Con il collega Giorgetti lavoreremo per confermare “Dedicata a te” in manovra. La carta potrà essere utilizzata anche per il bonus carburante a cui sta pensando il ministro Adolfo Urso, e qui suggerirei, come platea, una particolare attenzione a studenti e pendolari. La carta, che è una classica ricaricabile, si potrebbe poi implementare con altri benefici per favorire sport e cultura. Ecco le potenzialità sono molte, è un ragionamento che faremo come governo nelle prossime settimane'”, ha concluso il quotidiano ministro.

I CONSUMATORI CHIEDONO INTERVENTI AL GOVERNO

Sul piede di guerra i consumatori che si aspettavano un intervento concreto del governo: “Ci aspettavamo dal Consiglio dei ministri di ieri misure sui carburanti, a partire dal taglio delle accise in caso di prezzi superiori ai 2 euro al litro, ma per adesso sul tema il Governo sembra rimanere silente. Di certo la possibilità di un bonus benzina per i nuclei meno abbienti, provvedimento che sarebbe allo studio dell’esecutivo, non appare la soluzione al problema: infatti i listini dei carburanti devono scendere per tutti, in particolare per il trasporto merci, in considerazione degli effetti disastrosi dei rialzi alla pompa sui prezzi dei prodotti trasportati, a partire dagli alimentari che stanno già subendo le conseguenze del caro-benzina. E’ per questo che il Governo deve tagliare automaticamente le accise quando i listini dei carburanti superano i 2 euro al litro” ha spiegato il presidente di Assoutenti Furio Truzzi.

Stesso discorso per Dona: “Ci aspettavamo che il Governo ieri prendesse provvedimenti contro il caro carburanti e invece continua a lavarsene le mani, preferendo continuare a incassare miliardi, visto che il 55,4% del prezzo della benzina e il 51,5% di quello del gasolio dipendono da accise e Iva. Basterebbe una riduzione di 5 cent sulle accise, un quinto dello sconto di Draghi, per riportare la benzina sotto 1,9 euro al litro (1,887) e il gasolio sotto 1,8 euro (1,786), con un costo di 200 milioni al mese per l’Erario. Evidentemente il ministro Giorgetti quei soldi preferisce incassarli, considerando gli automobilisti dei polli da spennare”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su