skip to Main Content

BCE: prezzi energia al 45% sopra al livello 2021, continuano ad essere la ragione principale dell’alto tasso di inflazione

Bce Lagarde

Lagarde: “La guerra in Ucraina sta colpendo gravemente l’economia della zona euro e ha aumentato notevolmente l’incertezza”

“L’aggressione della Russia all’Ucraina sta causando enormi sofferenze. Sta colpendo anche l’economia, in Europa e oltre. Il conflitto e la relativa incertezza pesano pesantemente sulla fiducia delle imprese e dei consumatori”. Lo ha dichiarato oggi il presidente della BCE, Christine Lagarde, in conferenza stampa.

“Le interruzioni del commercio – ha spiegato Lagarde – stanno portando ad una nuova carenza di materiali e input. L’aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime sta riducendo la domanda e frenando la produzione. Lo sviluppo dell’economia dipenderà in modo cruciale dall’evoluzione del conflitto, dall’impatto delle sanzioni attuali e da eventuali ulteriori misure”.

Allo stesso tempo, “l’attività economica è ancora sostenuta dalla riapertura dell’economia dopo la fase di crisi della pandemia. L’inflazione è aumentata in modo significativo e rimarrà elevata nei prossimi mesi, principalmente a causa del forte aumento dei costi energetici. Le pressioni inflazionistiche si sono intensificate in molti settori”.

COSTO DELLA VITA E MISURE FISCALI

Con i prezzi dell’energia e delle materie prime in forte aumento, “le famiglie si trovano ad affrontare un costo della vita più elevato e le imprese devono far fronte a costi di produzione più alti.
La guerra ha creato nuovi colli di bottiglia, mentre una nuova serie di misure pandemiche in Asia sta contribuendo alle difficoltà della catena di approvvigionamento. Alcuni settori incontrano difficoltà crescenti nell’approvvigionamento dei loro input, il che sta interrompendo la produzione.

Tuttavia – ha proseguito Lagarde – ci sono anche fattori di compensazione alla base della ripresa in corso, come le misure fiscali compensative e la possibilità per le famiglie di attingere ai risparmi accumulati durante la pandemia. Inoltre, la riapertura dei settori più colpiti dalla pandemia e un mercato del lavoro forte con più persone occupate continueranno a sostenere le entrate e i consumi.

Il sostegno sulle politiche fiscale e monetaria resta fondamentale, soprattutto in questa difficile situazione geopolitica. Inoltre, la riuscita attuazione dei piani di investimento e di riforma nell’ambito del programma Next Generation EU accelererà la transizione energetica e verde. Ciò dovrebbe contribuire a rafforzare la crescita e la resilienza a lungo termine nella zona euro”.

GLI ALTI PREZZI DELL’ENERGIA SPINGONO L’INFLAZIONE

“L’inflazione è salita al 7,5% a marzo, dal 5,9% di febbraio. I prezzi dell’energia sono stati spinti verso l’alto dopo lo scoppio della guerra e ora sono del 45% al di sopra del livello di un anno fa. Continuano ad essere la ragione principale dell’alto tasso di inflazione. Gli indicatori di mercato suggeriscono che i prezzi dell’energia rimarranno elevati nel breve termine, ma poi si ridurranno in una certa misura.

Anche i prezzi dei generi alimentari sono aumentati notevolmente. Ciò è dovuto agli elevati costi di trasporto e produzione, in particolare il prezzo più elevato dei fertilizzanti, che sono in parte legati alla guerra in Ucraina”.

UNO SCENARIO ANCORA INCERTO

Per il numero uno della Banca Centrale Europea “gli aumenti dei prezzi sono diventati più diffusi: i costi energetici stanno facendo aumentare i prezzi in molti settori. Anche le strozzature dell’offerta e la normalizzazione della domanda con la riapertura dell’economia continuano ad esercitare pressioni al rialzo sui prezzi. Le misure dell’inflazione sottostante sono aumentate a livelli superiori al 2% negli ultimi mesi.

Non è chiaro quanto durerà l’aumento di questi indicatori, dato il ruolo dei fattori temporanei legati alla pandemia e gli effetti indiretti dell’aumento dei prezzi dell’energia. I costi energetici costantemente elevati, insieme ad una perdita di fiducia, potrebbero trascinare al ribasso la domanda e limitare i consumi e gli investimenti più del previsto”.

LE PREVISIONI SU ECONOMIA E INFLAZIONE

Riassumendo, la guerra in Ucraina “sta colpendo gravemente l’economia della zona euro e ha aumentato notevolmente l’incertezza. L’impatto della guerra sull’economia dipenderà dall’evoluzione del conflitto, dall’effetto delle sanzioni vigenti e da eventuali ulteriori misure.
L’inflazione è aumentata in modo significativo e rimarrà elevata nei prossimi mesi, principalmente a causa del forte aumento dei costi energetici.

Siamo molto attenti alle attuali incertezze e stiamo monitorando da vicino i dati in arrivo in relazione alle loro implicazioni per le prospettive di inflazione a medio termine.

La calibrazione delle nostre politiche rimarrà dipendente dai dati e rifletterà la nostra valutazione in evoluzione delle prospettive. Siamo pronti ad adeguare tutti i nostri strumenti nell’ambito del nostro mandato, incorporando flessibilità, se necessario, per garantire che l’inflazione si stabilizzi al nostro obiettivo del 2% nel medio termine”, ha concluso il presidente della BCE.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore