skip to Main Content

Bollette, Crippa (M5s): nuovi aiuti contro i rincari. Utilizzare risorse in eccesso da copertura oneri sistema

Crippa

Visti gli elevati incrementi di prezzo registrati nell’ultimo periodo sui mercati dell’energia, è ragionevole ipotizzare che il fabbisogno economico per azzerare tali oneri sia notevolmente diminuito”

“La lotta al caro bollette non è finita e nei prossimi mesi dovremo continuare a sostenere l’economia italiana con nuovi aiuti. L’eccezionalità della situazione impone l’utilizzo di un sistema di sostegni efficiente e che sia in grado di non sprecare neppure un euro. In questo contesto è importante verificare e quantificare l’importo derivante dalle misure già adottate contro i rincari che hanno generato riserve superiori a quelle necessarie a coprire il costo degli oneri generali di sistema. Quel tesoretto va rendicontato e utilizzato per sostenere famiglie e imprese”. Lo afferma Davide Crippa, capogruppo del MoVimento 5 Stelle alla Camera.
“Gli interventi adottati fino ad ora hanno annullato gli oneri di sistema e va tenuto conto – prosegue – che l’aumento dei prezzi di mercato ha comportato una corrispondente riduzione del fabbisogno dell’onere Asos (oneri per il finanziamento alle rinnovabili). Aggiungiamo che una parte degli incentivi alle rinnovabili si riduce se si alza il Pun (prezzo di riferimento dell’energia elettrica rilevato sulla borsa elettrica). Intanto sono già stati stanziati 6 miliardi di euro per l’azzeramento degli oneri generali nei primi due trimestri del 2022, tali fondi sono stati trasferiti sui conti della Csea. A questo punto, visti gli elevati incrementi di prezzo registrati nell’ultimo periodo sui mercati dell’energia, è ragionevole ipotizzare che il fabbisogno economico per azzerare tali oneri sia notevolmente diminuito”.
“Nel dettaglio un aumento dei prezzi stimati nel 2022 di 50 €/MWh ha comportato una riduzione di circa 2,4 miliardi nella stima del fabbisogno per gli oneri del 2022. Dato che lo Stato ha erogato 6 miliardi è ipotizzabile che ci siano risorse disponibili non utilizzate di circa 800 milioni. Un aumento dei prezzi reali nel primo trimestre 2022 di circa 75 €/MWh dovrebbe aver ridotto di ulteriori 2,5 miliardi il fabbisogno per gli oneri stimato sul 2022, e quindi di circa 1,2 miliardi nei primi due trimestri dell’anno in corso. Possiamo quindi ipotizzare un avanzo di risorse incassate dalla Csea e non utilizzate di almeno di 2 miliardi per i primi due trimestri del 2022”, conclude.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore