Advertisement Skip to content
Mercato Petrolio

Cresce l’appetito della Cina per il petrolio saudita

Le importazioni della Cina di petrolio greggio dall’Arabia Saudita hanno registrato un leggero aumento all’inizio di agosto, ma si prevede che rimarranno depresse nel terzo trimestre

Secondo gli analisti, è improbabile che le importazioni cinesi di petrolio greggio dall’Arabia Saudita aumentino in modo significativo nel breve termine, nonostante le prove del monitoraggio delle navi cisterna che gli arrivi siano aumentati nella prima metà di agosto.

SEGNALI DI RIPRESA PER LE IMPORTAZIONI DI GREGGIO SAUDITA

All’inizio di questo mese, le importazioni globali di greggio saudita hanno mostrato segnali di ripresa, dopo aver toccato nuovi minimi a luglio, ha scritto in una nota la scorsa settimana Jay Maroo, responsabile Market Intelligence & Analysis (MENA) di Vortexa.

Gran parte dell’aumento mensile delle importazioni di greggio saudita – secondo quanto riporta Oilprice – è dovuto all’aumento delle importazioni da parte dei principali acquirenti in Asia: Cina, Giappone, India e Taiwan. Secondo le stime di Vortexa, i principali importatori di petrolio sono sulla buona strada per aumentare collettivamente le importazioni di greggio saudita di 1,2 milioni di barili al giorno (bpd), portando i totali ai livelli massimi storici.

“Per Cina e India, l’aumento delle importazioni di greggio saudita si sovrappone anche allo scenario degli Urali russi che diventano sempre più scarsi e meno favorevoli in termini di prezzi”, ha affermato Maroo.

GLI ACQUISTI CINESI (NON) CONTINUERANNO A CRESCERE?

Nonostante l’aumento delle importazioni cinesi di greggio saudita osservato all’inizio di agosto – scrive Oilprice – gli acquisti cinesi di petrolio saudita rimarranno depressi per tutto il terzo trimestre, che comprende i mesi di luglio, agosto e settembre, hanno detto gli analisti a Reuters all’inizio di questa settimana .

“Prevediamo che le importazioni cinesi di greggio saudita manterranno una leggera tendenza al ribasso nel terzo trimestre di quest’anno”, ha detto a Reuters Xi Jiarui, analista di petrolio greggio presso JLC, società di consulenza sulle materie prime con sede in Cina.

IL PRINCIPALE FORNITORE DI GREGGIO RIMANE LA RUSSIA

Nonostante l’aumento dei prezzi del petrolio e gli sconti più ridotti del greggio russo rispetto ai parametri di riferimento internazionali, la Russia è rimasta il principale fornitore di greggio alla Cina a luglio, davanti all’Arabia Saudita, secondo i dati doganali cinesi.

Le importazioni cinesi di greggio dalla Russia – secondo quanto riportato da Reuters – sono state in media di 1,9 milioni di barili al giorno il mese scorso, un aumento del 13% rispetto a luglio 2022, sebbene gli arrivi dalla Russia siano stati inferiori al record di giugno, secondo i dati rilasciati dall’Amministrazione generale delle dogane cinese. A luglio, le importazioni cinesi di greggio dalla Russia hanno nuovamente superato quelle dall’Arabia Saudita, che sono diminuite del 14% rispetto a luglio dello scorso anno e del 31% rispetto a giugno 2023, secondo i calcoli Reuters basati sui dati ufficiali della Cina.

Mentre è probabile che la domanda cinese di petrolio saudita rimanga depressa nel breve termine, gli analisti si aspettano una ripresa nel lungo termine.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su