skip to Main Content

Cipro potrebbe aiutare l’Europa a sostituire il gas naturale russo?

Gas

Il piccolo Paese del Mediterraneo è un nuovo arrivato sulla scena del gas, in cui è entrato nel 2011 con la scoperta di gas nel giacimento offshore di Aphrodite

La corsa dell’Unione Europea a sostituire il gas naturale russo con fonti alternative ha acceso i riflettori su vari produttori di gas, sia nelle regioni produttrici consolidate che in quelle emergenti. A Cipro, ha reso l’esplorazione del gas una priorità strategica.

Il piccolo Paese insulare del Mediterraneo è un nuovo arrivato sulla scena del gas, in cui è entrato nel 2011 con la scoperta di gas nel giacimento offshore di Aphrodite, che si stima contenga circa 4,4 trilioni di piedi cubi di gas.

Gestito da Chevron e Shell insieme a una società israeliana, NewMed Energy, il giacimento di Aphrodite riceverà presto un altro pozzo di esplorazione e Chevron entro la fine dell’anno presenterà il suo piano di sviluppo finale per lo sviluppo del giacimento al governo cipriota.

IL GAS DI CIPRO VERSO L’EUROPA?

L’Europa è la destinazione naturale per quel gas che deve ancora essere sfruttato, ha dichiarato a Bloomberg il ministro dell’Energia di Cipro, Natasa Pilides. Il Paese consuma molto più gas di quanto possa teoricamente produrre, e l’Europa è il mercato più vicino e assetato.

“L’Europa è un buon potenziale cliente per il gas cipriota poiché l’UE ha confermato che il gas naturale rimarrà un combustibile ponte fino al 2049, come parte della transizione verde, così le aziende ora hanno la comodità di poter assicurarsi contratti a lungo termine”, ha spiegato Pilides a Bloomberg.

Il funzionario ha anche notato le intenzioni dell’Unione Europea di rimanere sulla rotta del gas russo una volta che la guerra in Ucraina finirà, il che certamente creerà un ambiente favorevole per i fornitori di gas non russi nel continente.

I GIACIMENTI DI GAS NELL’ISOLA

Il giacimento di Afrodite non è l’unico: a inizio 2022 l’italiana Eni e la francese TotalEnergies hanno iniziato a perforare il gas in un blocco offshore che alcuni anni fa ha prodotto una scoperta potenzialmente sostanziale. Il blocco 2 contiene il pozzo di valutazione Glaucus-2, che nel 2019 ha mostrato risorse in loco stimate tra 5 e 8 trilioni di piedi cubi. Il campo Glaucus è stato scoperto da Exxon, che ha collaborato con Qatar Petroleum, e adesso anche le due major europee lo stanno perforando.

Un terzo grande ritrovamento recente a Cipro, con risorse paragonabili a quelle stimate per Glaucus, è il giacimento di Calypso, scoperto da Eni e TotalEnergies. Eppure, la trasformazione di Cipro in un importante hub regionale del gas è rimasta indietro rispetto alle dinamiche della domanda e dell’offerta. Lo sviluppo del campo di Afrodite, secondo un rapporto Reuters del 2020, è stato ritardato perché i partner che lo gestiscono hanno rinegoziato il loro accordo di condivisione della produzione con il governo cipriota.

A Glaucus, il problema sembra essere stato l’insufficienza delle risorse per i piani che Exxon aveva per il campo. “C’è spazio limitato nei mercati locali e nelle infrastrutture di esportazione esistenti, e il volume è insufficiente per ExxonMobil e il suo partner Qatar Petroleum per alimentare un impianto di GNL a due treni, che era l’obiettivo della partnership”, aveva spiegato nel 2020 Robert Morris, analista senior di Wood Mac.

LE QUESTIONI IN SOSPESO

Di certo, da allora le cose sono cambiate. Le infrastrutture potrebbero essere carenti, ma la domanda di qualsiasi gas che non provenga dalla Russia è aumentata così drasticamente che potrebbe aver cambiato il caso economico del gas cipriota.

Tuttavia, restano delle sfide: la Turchia, ad esempio, è tutt’altro che felice che Cipro sviluppi le sue risorse di gas. La lunga disputa territoriale tra Cipro e la Turchia è una sorta di mal di testa cronico per il piccolo Paese.

C’è poi la questione delle infrastrutture di esportazione. Attualmente c’è un’idea di costruire un gasdotto dai giacimenti offshore israeliani a Cipro da parte dell’operatore dei giacimenti, Energean, e di collegare poi questo gasdotto ad una nave galleggiante per la produzione di GNL, utilizzando gas israeliano e cipriota.

Ci vorranno ancora alcuni anni prima che Cipro inizi a produrre gas da tutti questi reperti sostanziali.
Il primo gas dal giacimento di Aphrodite, ad esempio, è previsto nel 2027. Il gasdotto Energean potrebbe essere completato nel 2026. Fino ad allora, l’Europa dovrà accontentarsi di ciò che può trovare altrove.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore