Scenari

Co2, il mondo ha bisogno della tecnologia Ccus. Il report Aie

Co2

Il nuovo rapporto dell’Aie, lanciato in occasione dell’evento inaugurato dal Primo Ministro norvegese Erna Solberg, mostra che la tecnologia della cattura e dello stoccaggio della Co2 può svolgere un ruolo vitale sia per la riduzione delle emissioni che per la rimozione del carbonio dall’atmosfera

Dopo anni di lenti progressi, le tecnologie per catturare le emissioni di carbonio e immagazzinarle o riutilizzarle stanno acquistando slancio: una tendenza che dovrà accelerare in modo significativo affinché il mondo raggiunga i suoi obiettivi energetici e climatici, secondo un nuovo rapporto speciale pubblicato oggi dall’AIE.

IL REPORT

Il rapporto, “CCUS in Clean Energy Transitions”, è stato lanciato in occasione di un evento online dell’AIE aperto dal Primo Ministro norvegese Erna Solberg, il cui governo ha annunciato questa settimana un importante impegno di finanziamento per un nuovo progetto di cattura del carbonio che può aiutare ad affrontare le emissioni della Norvegia e dei paesi vicini.

La cattura, l’utilizzo e lo stoccaggio del carbonio (CCUS) è l’unico gruppo di tecnologie che contribuisce sia a ridurre direttamente le emissioni nei settori chiave, sia a rimuovere la CO2 dall’atmosfera per bilanciare le emissioni più difficili da prevenire – una parte cruciale per raggiungere gli obiettivi di emissioni nette a zero che un numero crescente di governi e aziende si è prefissato.

Parte della serie Energy Technology Perspectives Series, il nuovo rapporto dell’AIE è il più completo studio globale su CCUS ad oggi. Esso valuta lo stato di avanzamento delle tecnologie CCUS e delinea il ruolo in evoluzione e in espansione che dovranno svolgere per mettere le emissioni globali su una traiettoria sostenibile. Include un’analisi dettagliata delle emissioni di CO2 provenienti da impianti elettrici e industriali in Cina, Europa e Stati Uniti e del loro potenziale di stoccaggio.

LE DICHIARAZIONI

“La portata della sfida climatica ci impone di agire attraverso un’ampia gamma di tecnologie energetiche. La cattura del carbonio è fondamentale per garantire che il nostro passaggio all’energia pulita sia sicuro e sostenibile”, ha dichiarato Fatih Birol, Direttore Esecutivo dell’AIE.

“Per sviluppare e implementare la cattura e lo stoccaggio del carbonio come tecnologia per il futuro abbiamo bisogno di investimenti in soluzioni e strutture in molte regioni e paesi – ha detto il Primo Ministro Solberg -. La CCUS sarà necessaria su scala globale se vogliamo rispettare l’Accordo di Parigi. E dobbiamo iniziare subito”.

“La Norvegia è stata un leader globale nella ricerca, nello sviluppo e nell’implementazione di tecnologie per la cattura del carbonio, come dimostra il suo importante impegno di finanziamento di questa settimana per l’imponente progetto Longship, che può aiutare non solo la Norvegia ma anche altri paesi europei a ridurre le loro emissioni – ha detto Birol -. L’AIE è lieta e onorata che il Primo Ministro Solberg stia partecipando al lancio del nostro nuovo rapporto che contribuirà a informare il processo decisionale sulla CCUS in tutto il mondo”.

Negli ultimi tre anni sono stati annunciati i piani per oltre 30 strutture commerciali di CCUS a livello globale. E i progetti che si stanno avvicinando alla decisione finale di investimento rappresentano un investimento potenziale stimato di circa 27 miliardi di dollari, più del doppio dell’investimento previsto per il 2017. Questo portafoglio di progetti è sempre più diversificato e raddoppierebbe la quantità di CO2 catturata a livello globale.

QUATTRO MODI IN CUI LA CCUS CONTRIBUISCE ALLA TRANSIZIONE

Il rapporto illustra i quattro principali modi in cui le tecnologie CCUS contribuiscono alle transizioni di energia pulita: Affrontare le emissioni provenienti dalle infrastrutture energetiche esistenti, come le centrali elettriche e gli impianti industriali; Fornire una soluzione per alcune delle emissioni più impegnative provenienti dalle industrie pesanti come quelle del cemento e dei prodotti chimici, oltre che dall’aviazione; Offrire un percorso economico per la produzione di idrogeno a basse emissioni di carbonio in molte regioni; rimuovere CO2 dall’atmosfera.

Sebbene gli impianti CCUS siano operativi da decenni in alcune industrie come il gas naturale e i fertilizzanti, sono ancora in una fase iniziale di sviluppo in settori chiave come quello del cemento. Queste sono le aree in cui le tecnologie CCUS sono particolarmente importanti per affrontare le emissioni a causa della mancanza di alternative.

“L’azione dei governi sarà essenziale per creare un mercato sostenibile e vitale per CCUS – ha detto Birol -. Ma anche l’industria deve cogliere questa opportunità”. Nessun settore non sarà influenzato dalle transizioni di energia pulita – e per alcuni, inclusa l’industria pesante, il valore di CCUS è ineludibile. Come dimostra il nostro nuovo rapporto, l’AIE è impegnata a guidare l’analisi e la consulenza politica di CCUS in tutto il mondo – e a riunire governi, aziende e altri attori chiave per lavorare insieme al fine di raggiungere i nostri obiettivi energetici e climatici condivisi”.