Scenari

Co2, perché il mercato Ue ingranerà la quarta nel 2021

Clima

La cosiddetta fase 4 vedrà innanzitutto un calo delle assegnazioni di quote Co2 gratuite a quei settori che storicamente hanno avuto difficoltà nel ridurre le emissioni

Il sistema di scambio di quote di emissione dell’Europa, meglio conosciuto come Ets (Emission Trade System), sta per ingranare la quarta a partire da gennaio quando comincerà una nuova fase per lo scambio di quote.

ETS COMPIE 16 ANNI

Il mercato della Co2, datato ormai 16 anni, ha iniziato a svolgere un ruolo significativo nella decarbonizzazione dell’economia europea negli ultimi anni, quando ha cominciato a stimolare il passaggio dal carbone ad alta intensità di emissioni al gas naturale e alle fonti rinnovabili per la generazione di elettricità.

Ma il sistema non è riuscito, nella sua forma attuale, a ridurre le emissioni di carbonio nei settori industriali a qualcosa che si può paragonare allo stesso livello di quanto accaduta per la generazione energetica. Ma questa fase potrebbe essere presto superata dal 2021 visto che le regole del mercato cominceranno a rafforzare l’offerta di quote disponibili per i settori industriale per i prossimi 10 anni.

LA FASE 4

La cosiddetta fase 4 vedrà innanzitutto un calo delle assegnazioni di quote gratuite a quei settori che storicamente hanno avuto difficoltà nel ridurre le emissioni: tra loro i comparti industriali dell’acciaio, del cemento e della raffinazione. Ciò significa che presto queste realtà dovranno fare i conti con il mercato delle quote di Co2.

L’Ets è uno dei principali motori della transizione energetica in Europa e il segnale del prezzo del carbonio che genera sarà di fondamentale importanza per gli investimenti nell’energia pulita e nei processi industriali. Questi investimenti aiuteranno a determinare il successo dell’Ue nel raggiungere il suo obiettivo di lungo termine di ‘emissioni nette zero’ entro il 2050.

LE MODIFICHE DELLA FASE 4

La maggior parte delle modifiche normative in arrivo nella fase 4 sono state concordate anni fa in base a una revisione della direttiva Ets, ma sono in arrivo cambiamenti importanti che devono ancora essere definiti: il più importante è forse il tasso di diminuzione dei massimali annuali sulle emissioni di carbonio che guiderà il ritmo di riduzione fino al 2030.

La Commissione europea a settembre ha presentato la sua proposta per aumentare l’obiettivo di riduzione delle emissioni dell’Ue per il 2030 ad almeno il 55% rispetto ai livelli del 1990, dal precedente 40%. Ciò si tradurrebbe in una riduzione annuale più netta dei limiti di Co2, il cosiddetto ‘fattore di riduzione lineare’.

IL FATTORE DI RIDUZIONE LINEARE

Tale fattore era dell’1,74% all’anno dal 2013-2020 ed è già destinato ad aumentare al 2,2% all’anno dal 2021-2030 al di sotto dell’obiettivo del 40% di emissioni. Nell’ambito di un obiettivo rinnovato del 55%, questa cifra dovrà aumentare ulteriormente e potrebbe raggiungere anche il 5% all’anno.

Alcuni analisti hanno affermato di aspettarsi un tasso inferiore di poco superiore al 3% all’anno, ma a partire dal 2025, per evitare un forte aumento nel corso del decennio.

LE REGOLE SULLE ASSEGNAZIONI GRATUITE

Altre importanti modifiche includono le regole sull’assegnazione gratuita di quote di carbonio e la revisione della riserva stabilizzatrice del mercato, un meccanismo per mantenere le quote in eccesso fuori dal mercato, per restringere efficacemente l’offerta disponibile per le imprese industriali europee.

Nell’Ets europeo le quote di carbonio sono fornite all’industria secondo un equilibrio tra il 57% di aste e il 43% di assegnazione gratuita. L’assegnazione gratuita di quote di carbonio continuerà dopo il 2020, ma sarà disponibile solo per un insieme molto più mirato di settori industriali.

IL RISCHIO DELOCALIZZAZIONE

L’assegnazione gratuita sarà disponibile per i settori del cosiddetto elenco di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio, un gruppo di settori e sottosettori ritenuti a più alto rischio di delocalizzazione fuori dai confini per evitare i costi della Co2 nell’Ue. L’elenco è stato ridotto da circa 180 settori nel periodo 2015-2020 a circa 60 settori nel periodo 2021-2030.

Le aziende contenute in questo elenco continueranno a ricevere l’assegnazione gratuita delle quote al 100% in base al benchmark specifico del prodotto di settore, mentre quelle non nell’elenco riceveranno il 30% del valore del benchmark, in calo progressivo dopo il 2025 per raggiungere lo zero nel 2030.

I benchmark di settore si basano sulle prestazioni degli impianti più efficienti del 10% in ciascun settore, il che significa che solo gli impianti più efficienti avranno il loro fabbisogno di carbonio pienamente soddisfatto attraverso l’assegnazione gratuita.

Sono state stabilite, inoltre, regole più flessibili per allineare meglio il livello di assegnazione gratuita ai livelli di produzione effettivi. Ciò dovrebbe significare che le assegnazioni alle singole installazioni potrebbero essere adeguate ogni anno per riflettere aumenti o diminuzioni della produzione.

Questo approccio più mirato all’assegnazione gratuita suggerisce che più settori industriali dovranno pagare per le loro emissioni di Co2 dopo il 2020, creando un maggiore incentivo a passare a processi a basse emissioni di carbonio o chiudere o ridurre i tempi di funzionamento degli impianti più vecchi e meno efficienti.

LA REVISIONE DELLA RISERVA PER LA STABILITÀ DEL MERCATO

La riserva per la stabilità del mercato (Msr), un cambiamento importante nel funzionamento dell’EU ETS, è entrata in funzione nel gennaio 2019 e funziona eliminando il 24% della fornitura di quote di carbonio in circolazione ogni anno. Questa percentuale continuerà ad essere applicata fino a dopo il 2023, quando scenderà al 12% all’anno. C’è però da considerare che la riserva per la stabilità del mercato è in fase di revisione nel 2021 e i suoi parametri potrebbero essere adeguati nel caso in cui si riterrà che il meccanismo non è più in grado di adempiere al suo dovere, e cioè di riportare l’Ets a un equilibrio funzionante tra domanda e offerta.

La Ue potrebbe decidere, ad esempio, di estendere il tasso di ritiro annuale del 24% dopo il 2023, tagliando più rapidamente l’offerta di quote disponibili per i partecipanti al mercato e limitando il ribasso dei prezzi del carbonio in Europa, o potenzialmente portandoli a nuovi massimi.

COPERTURA ESTESA

Non solo. Le autorità di regolamentazione europee stanno anche cercando di espandere l’Ets e di raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione dell’economia entro la metà del secolo. All’interno di questo quadro, il sistema copre attualmente poco più del 40% delle emissioni di Co2 a livello di economia europea e comprende la generazione di energia, i voli intra-Ue e le industrie pesanti che vanno dalla raffinazione alla produzione di metalli, sostanze chimiche, cemento, ceramica, mattoni, vetro e una miriade di altre attività manifatturiere.

Il Parlamento europeo a settembre ha votato per espandere il sistema in modo da includere le emissioni di Co2 delle navi mentre la Commissione Ue dovrebbe presentare una proposta legislativa formale nel giugno 2021.

EMISSIONI INDUSTRIALI

L’Ets ha finora avviato con successo un processo in cui il gas e le rinnovabili hanno espunto il carbone dal mix energetico europeo, aiutato dai bassi prezzi del gas e dalle decisioni politiche unilaterali di alcuni Stati membri di eliminare gradualmente gli impianti di questo tipo. Il prossimo decennio sarà un test per verificare se il sistema comincerà a replicare questo successo anche nei settori che non sono ad alta intensità di emissioni di energia e dove finora i successi sono stati più contenuti.

La combinazione di limiti di Co2 più rigorosi fino al 2030, minori quote e un’assegnazione gratuita più mirata per l’industria potrebbe consentire al sistema di iniziare a spostare l’ago della bilancia su minori emissioni nella quarta fase di scambio.

COLLEGAMENTI CON LA SVIZZERA, ADDIO AL REGNO UNITO

La quarta fase di scambio del mercato del carbonio dell’Ue a partire da gennaio 2021 vedrà anche il Regno Unito lasciare l’Ets. Londra ha affermato di voler dare continuità al sistema di prezzo del carbonio per le imprese con sede nel Regno Unito e ha affermato che mira a mettere in atto un Ets britannico o al massimo una tassa sul carbonio.

Il Regno Unito sarà il primo paese a lasciare il sistema Ets composto da 31 membri, mentre la Svizzera, che è invece un paese extra Ue, ha collegato il suo mercato interno del carbonio a quello europeo nel gennaio 2020.