Advertisement
skip to Main Content

Come la Grecia sta sostituendo il gas russo (anche grazie all’Italia)

Grecia

L’impianto GNL sull’isolotto di Revithoussa di Desfa (di proprietà di un consorzio Snam) ha consentito di dimezzare l’import gas da Mosca

La Grecia ha ridotto di oltre la metà le importazioni di gas russe quest’anno grazie all’aumento delle consegne da parte di altri produttori al suo unico terminal di gas naturale liquefatto (GNL) vicino ad Atene. Lo ha affermato l’operatore della rete gas del paese secondo quanto si legge sull’edizione online del quotidiano Katimerini.

LA SITUAZIONE GRECA

La Grecia ha fatto affidamento sulla Russia per circa il 40% del suo fabbisogno di gas per anni, ma ha aumentato gli acquisti di GNL da altri paesi in linea con un piano dell’Unione Europea per ridurre la dipendenza dall’energia russa. Il paese ha ricevuto gas russo attraverso il gasdotto Turkstream, che fornisce anche all’Ungheria attraverso la Serbia.

L’IMPIANTO REVITHOUSSA

Il suo impianto GNL sull’isolotto di Revithoussa, a 40 km da Atene, può immagazzinare 225.000 metri cubi di gas e rigassificare 1.400 metri cubi all’ora. Da qualche tempo sta attirando un crescente interesse da parte degli importatori nazionali e regionali e ha svolto un ruolo fondamentale nella strategia energetica del Paese e nei suoi sforzi per aumentare la sicurezza degli approvvigionamenti prima dell’inverno, ha detto a Reuters Maria Rita Galli, amministratore delegato dell’operatore greco della rete del gas DESFA.

GALLI: IMPORT RUSSO SCESO DAL 40 AL 20%

“Nel contesto della crisi energetica, Revithoussa è l’infrastruttura di importazione, il terminale di importazione che consente a diverse fonti di approvvigionamento, diverse fonti di GNL di raggiungere il mercato greco del gas – ha affermato Galli -. Già quest’anno, avendo massimizzato l’uso di Revithoussa, abbiamo visto l’importazione di gas dalla Russia scendere dal 40% a meno del 20%”.

CARICHI RADDOPPIATI

Con l’aumento della domanda di GNL in tutto il mondo, i carichi in arrivo a Revithoussa sono raddoppiati di anno in anno. Anche la Bulgaria ha importato GNL attraverso il terminale dopo essere stata tagliata fuori dalle forniture russe in seguito al suo rifiuto di pagare in rubli.

ESPORTATI 2 MLD DI MC VERSO LA BULGARIA

Parlando a una conferenza sull’energia a Bucarest, il ministro dell’Energia Kostas Skrekas ha affermato che il suo paese ha esportato 2 miliardi di metri cubi (bcm) di gas naturale in Bulgaria e nei paesi vicini quest’anno, rispetto a 0,7 miliardi di metri cubi nel 2021.

“C’è un interesse crescente. Abbiamo molte parti interessate che esaminano gli slot di prenotazione nel terminal – ha affermato Galli -. A ottobre, organizzeremo l’asta per il 2023… e ci aspettiamo un forte interesse da parte degli attori nazionali e internazionali”. Quasi i due terzi dei 6,5 miliardi di metri cubi di gas che la Grecia consuma annualmente vengono utilizzati per la produzione di elettricità”.

ARRIVATA UNA UNITA’ DI STOCCAGGIO GALLEGGIANTE A LUGLIO

A luglio, DESFA ha noleggiato una nave o una cosiddetta unità di stoccaggio galleggiante (FSU), che è ormeggiata vicino a Revithoussa e può aumentare la sua capacità di stoccaggio di ulteriori 145.000 metri cubi di gas, se necessario.

“SENZA REVITHOUSSA GRECIA COME I BALCANI”

La nave dovrebbe rimanere lì fino alla fine del 2023, mentre DESFA sta esaminando una soluzione permanente che comporti l’acquisto di una nave che potrebbe essere collegata a Revithoussa con un gasdotto, ha affermato Galli che poi ha concluso: “Se oggi non avessimo Revithoussa, saremmo come gli altri paesi dei Balcani centrali, totalmente dipendenti dalle importazioni di gas russo”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore