skip to Main Content

Ecco perché le entrate da gas e petrolio della Russia sono destinate a crollare

Petrolio Gas Russia

Secondo gli analisti  i forti sconti sui greggi di punta e i divieti sui prodotti energetici russi porteranno ad un calo delle entrate di Mosca derivanti dalle esportazioni di energia

Il conto delle partite correnti della Russia ha raggiunto un record lo scorso anno, poiché le importazioni sono diminuite con le sanzioni, mentre il valore delle esportazioni è aumentato con l’aumento dei prezzi delle materie prime sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina.

Tuttavia, con l’avanzare del 2022, dopo un record registrato nel secondo trimestre, Mosca ha visto il suo conto delle partite correnti diminuire trimestre su trimestre, quando ha interrotto le esportazioni di gas verso l’Europa, mentre gli acquirenti del suo petrolio chiedevano forti sconti per acquistare il greggio russo.

LE ENTRATE RUSSE DA PETROLIO E GAS NEL 2022

Le entrate della Russia da petrolio e gas lo scorso anno sono state molto elevate a causa dei prezzi alti e dei volumi di esportazione ancora elevati. Andando avanti, i forti sconti sui greggi russi di punta rispetto ai prezzi del Brent e gli ulteriori divieti sui prodotti energetici russi – incluso il divieto delle importazioni via mare di prodotti petroliferi raffinati nell’Unione europea a partire dal 5 febbraio – secondo gli analisti dovrebbero portare ad un calo delle entrate di Putin derivanti dalle esportazioni di energia, rispetto ai ricavi del 2022.

Il price cap del G7 e l’embargo Ue sulle importazioni di greggio russo via mare – scrive Tsvetana Paraskova su Oilprice – possono essere ancora un campo minato normativo per gli operatori del settore, ma quelle sanzioni hanno raggiunto uno dei loro obiettivi chiave: ridurre le entrate petrolifere di Putin, il cardine del bilancio della Russia. Mosca ora è costretta a vendere gran parte del suo greggio a prezzo molto scontato ai Paesi asiatici, che non fanno nemmeno parte della coalizione del price cap.

IL CALO DEL 2022

Secondo i dati della Banca di Russia, nel quarto trimestre del 2022 il conto delle partite correnti della Russia è sceso a 31,4 miliardi di dollari, in calo rispetto ai 48 miliardi di dollari del terzo trimestre e al record di 78,5 miliardi di dollari del secondo trimestre.

Il conto corrente – che è principalmente la differenza tra il valore delle esportazioni e il valore delle importazioni – per il quarto trimestre non è stato così basso dal secondo trimestre 2021. A ridurre il surplus della Russia nel quarto trimestre non sono stati solo i prezzi più bassi delle materie prime. Le importazioni russe si sono gradualmente riprese, dopo essere state gravemente paralizzate nel secondo trimestre, quando le sanzioni iniziali alla Russia hanno colpito la capacità del Paese di importare merci. Da allora, Mosca ha diversificato le rotte di importazione per importare merci da Paesi ancora disposti a esportare prodotti e servizi verso di lei.

Nel 2022 le importazioni sono diminuite, soprattutto nella prima metà dell’anno, ma nell’ultima parte è emersa una graduale ripresa delle importazioni, ha affermato la Banca di Russia.

I RICAVI DALLE ESPORTAZIONI DI ENERGIA

Le importazioni potrebbero essersi riprese, ma il valore delle esportazioni – in particolare le esportazioni di energia – sta diminuendo, affermano gli analisti. Le esportazioni di petrolio della Russia a dicembre sono diminuite di soli 200.000 barili al giorno mese su mese, a 7,8 milioni di barili al giorno, poiché – come ha affermato l’Agenzia internazionale per l’energia nel suo report mensile sul mercato petrolifero – le spedizioni di greggio verso l’UE sono diminuite dopo l’entrata in vigore dell’embargo europeo e del price cap del G7.

Secondo le stime dell’AIE, gli sconti record per il greggio di riferimento russo Urals a dicembre hanno visto i ricavi petroliferi russi scendere di 3 miliardi di dollari in un mese, a 12,6 miliardi di dollari. Il mese scorso le esportazioni di gasolio della Russia sono balzate al massimo pluriennale di 1,2 milioni di barili al giorno, di cui 720.000 barili al giorno erano destinati all’UE.

Tuttavia, il divieto UE sulle importazioni via mare di prodotti raffinati russi a partire dal 5 febbraio è destinato a ridurre ulteriormente i proventi delle esportazioni di petrolio russo. “Il calo dei prezzi globali dell’energia, esacerbato da un aumento dello sconto dell’Urals russo, ha cancellato 20 miliardi di dollari di entrate dalle esportazioni”, ha detto a Bloomberg l’economista russo Alexander Isakov, aggiungendo che “quest’anno il saldo è destinato ad indebolirsi ulteriormente, sfidando gli sforzi delle autorità per stabilizzare il rublo e l’inflazione”.

IL REPORT DI CREA

Secondo un recente rapporto del Centro per la ricerca sull’energia e l’aria pulita (CREA), il divieto UE sul petrolio e il price cap stanno costando alla Russia circa 173 milioni di dollari (160 milioni di euro) al giorno, a causa del calo dei volumi di spedizione e dei prezzi del petrolio russo. I guadagni di Mosca dalle esportazioni di combustibili fossili a dicembre sono diminuiti del 17%, al livello più basso dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina. La Russia però sta ancora guadagnando circa 691 milioni di dollari (640 milioni di euro) ogni giorno dall’esportazione di combustibili fossili, in calo rispetto al massimo di 1,08 miliardi di dollari (1 miliardo di euro) da marzo a maggio 2022. Il divieto UE sulle importazioni di petrolio raffinato, l’estensione del price cap sul petrolio raffinato e le riduzioni delle importazioni di gas dalla Polonia entro il 5 febbraio lo ridurranno di circa 130 milioni di dollari (120 milioni di euro) al giorno, secondo CREA.

Commentando questo rapporto, il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, la scorsa settimana ha dichiarato che “nessuno” aveva ancora visto casi di un price cap sul greggio russo, e che la Russia non aveva ancora visto l’impatto del meccanismo. Si stima però che all’inizio di gennaio l’Urals venisse venduto a 37,80 dollari al barile nel porto baltico di Primorsk, la metà del prezzo del greggio Brent all’epoca, e ben al di sotto del limite di prezzo di 60 dollari. “Finora, tutto bene”, ha dichiarato la scorsa settimana Amos Hochstein, coordinatore presidenziale speciale del presidente Biden, affermando che il price cap stava funzionando e raggiungendo l’obiettivo di “avere una fornitura continua di petrolio sul mercato per sostenere la crescita economica, limitando al contempo il guadagno che il petrolio porta a Putin”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore