skip to Main Content

Cosa è successo alla raffineria Eni di Sannazzaro de’ Burgondi

La raffineria è già in esercizio e l’allarme è rientrato

Esplosione alle prime luci dell’alba alla raffineria Eni di Sannazzaro de’ Burgondi, una delle più grandi d’Italia. L’allarme, però, sembra essere già rientrato e la raffineria è già in esercizio regolare. Andiamo per gradi.

COSA E’ SUCCESSO

Partiamo dai fatti. “Alle ore 6,35 circa, sì è sentito un forte boato in Raffineria. Abbiamo attivato le procedure interne comunali. È stato attivato l’allarme interno Eni e ora sta rientrando. Nessun ferito, tutto sotto controllo. Vi terremo aggiornati”, ha comunicato il Comune di di Sannazzaro de’ Burgondi.

CAUSE ANCORA SCONOSCIUTE

Sul posto, ovviamente, sono arrivati i vigili del fuoco, i tecnici dell’Ats, e la polizia. Le cause sono ancora in fase di accertamento.

ALLARME GIA’ RIENTRATO

La situazione, comunque, sembra già essere rientrata. L’esplosione, fa sapere Eni, è “limitata solo a una parte di una linea dell’impianto di gassificazione. L’evento non ha avuto alcuna conseguenza per le persone impiegate negli impianti e ha generato una certa fumosità che si è esaurita nell’arco di dieci minuti. Non si è verificato alcun incendio”.

Il Canea Sei zampe ha anche aggiunto che “verificate le condizioni di sicurezza, l’allarme è cessato dopo circa un’ora. Sono in corso le valutazioni per quantificare i danni. La raffineria è in esercizio regolare”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Gyc

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore