Sostenibilità

Eolico, più 60% di capacità entro il 2024. Lo studio WoodMac

eolico

Ecco come crescerà l’energia eolica nei prossimi anni, spinta da Usa e Cina

L’energia eolica ha il vento in poppa. Secondo le previsioni di  di Wood Mackenzie Power & Renewables,  la capacità eolica mondiale crescerà del 60% entro il 2024, trainata dagli Usa e dalla Cina, come si spiega nel “Global Outlook Power Outlook Market Update: Q2 2019”.

LE NUOVE PROSPETTIVE

Partiamo dai numeri. Secondo gli analisti, è prevista una nuova capacità eolica annuale pari, in media, a 71 GW dal 2019 al 2023 e di 76 GW dal 2024 al 2028. L’outlook globale dell’energia eolica, rivisto, è più di 11GW dal 2019 al 2028, per un aumento dell’1,5% rispetto al trimestre precedente.

EOLICO SPINTO (ANCHE) DAGLI INCENTIVI ECONOMICI

“Un upgrade di 5GW nel settore offshore globale produrrà 129GW di nuova capacità e un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 26%. L’energia eolicacontinua a prosperare grazie ai benefici sia economici che sociali”, ha detto Luke Lewandowski, Direttore di Wood Mackenzie Power & Renewables.

VENTO A STELLE E STRISCE

A spingere l’energia eolica, spiega il rapporto, sono soprattutto gli Stati Uniti, dove, gli acquirenti stanno accelerando sugli investimenti per capitalizzare il credito di imposta sulla produzione di energia rinnovabile (PTC) prima che l’incentivo diminuisca, a partire dal 2020.

“Nuovi obiettivi a livello statale negli Stati Uniti e il rafforzamento dei meccanismi di Renewable portfolio standard  (che obbliga le aziende fornitrici di energia elettrica a produrre una frazione specifica della loro elettricità da rinnovabili) in tutto il paese dovrebbero supportare la domanda post-PTC”, ha aggiunto Lewandowski.

ANCHE LA CINA PUNTA SULL’EOLICO

Anche in Cina, per ragioni burocratiche e legislative, gli attori del settore hanno deciso di accelerare sui progetti. Come spiega il rapporto, gli sviluppatori onshore si stanno affrettando a commissionare i progetti entro la fine del 2020, al fine di capitalizzare le tariffe feed-in (FIT) prima che inizi un’era senza sussidi. Gli sviluppatori offshore, invece, possono commissionare i progetti prima della chiusura del 2021 se devono utilizzare l’attuale livello di FIT offshore.