Territori

Cosa sta facendo ExxonMobil nell’offshore della Guyana

L’area di Turbot è in crescita e offre importanti opzioni di sviluppo. L’avvio della Fase 1 di Liza dovrebbe portare alla prima produzione di petrolio all’inizio del 2020

La ExxonMobil ha iniziato le perforazioni del pozzo di esplorazione Haimara-1 al largo della Guyana, il primo di due sondaggi previsti entro gennaio. La nave da trivellazione Stena Carron sta perforando il pozzo, che si trova a 31 chilometri ad est di Pluma-1 nel blocco sud-est di Stabroek.

GREENLEE (EXXONMOBIL): L’AREA DI TURBOT STA PER OFFRIRE IMPORTANTI OPZIONI DI SVILUPPO CHE MASSIMIZZERANNO IL VALORE PER LA GUYANA E PER I NOSTRI PARTNER

La Noble Tom Madden dovrebbe perforare invece il secondo pozzo, Tilapia-1, a circa cinque chilometri ad ovest della scoperta Longtail-1. Il pozzo Tilapia-1 si trova nell’area di esplorazione di Turbot. “Continuiamo a dare la priorità alle prospettive ad alto potenziale in prossimità delle precedenti scoperte, al fine di creare opportunità di sviluppo materiale ed efficiente – ha dichiarato Steve Greenlee, presidente della ExxonMobil Exploration Company -. Come le aree di Liza e Payara, l’area di Turbot sta per offrire importanti opzioni di sviluppo che massimizzeranno il valore per la Guyana e per i nostri partner”.

TRA FINE 2019 e 2020 AL VIA LE FASI DI SVILUPPO DI LIZA

La ExxonMobil sta portando avanti lo sviluppo della Fase 1 di Liza, entrata nella fase di massima esecuzione prima dell’avvio previsto all’inizio del 2020. La perforazione dei pozzi di sviluppo nel campo di Liza continua utilizzando la Noble Bob Douglas; le attrezzature sottomarine sono in preparazione per l’installazione, e i moduli degli impianti superiori sono stati installati sulla nave galleggiante Liza Destiny, per la produzione, stoccaggio e scarico (FPSO), attualmente all’ancora a Singapore. Sono, inoltre, in corso i preparativi per l’inizio delle attività di posa dei tubi nel campo di Liza in primavera. La Liza Destiny FPSO dovrebbe partire da Singapore per arrivare al largo della Guyana nel terzo trimestre del 2019.

IL POTENZIALE DEL BLOCCO DI STABROEK È CALCOLATO IN PIÙ DI 750.000 BARILI DI PETROLIO AL GIORNO ENTRO IL 2025

Il potenziale del blocco di Stabroek è calcolato in più di 750.000 barili di petrolio al giorno entro il 2025. La fase 2 di Liza dovrebbe iniziare a metà del 2022. In attesa di approvazioni governative e normative, la conferma del progetto è prevista per il primo trimestre 2019 e utilizzerà un secondo FPSO progettato per produrre fino a 220.000 barili al giorno. Il via libera allo sviluppo di Payara, è previsto infine nel 2019 con l’avvio già nel 2023.