Territori

Shah Deniz celebra il traguardo dei 100 miliardi di metri cubi di gas

azerbaijan-

Dopo 12 anni esatti dall’inizio dello sviluppo del campo tagliato lo storico traguardo. Anche il 2018 può considerarsi un anno di svolta: è l’avvio delle forniture alla Turchia

La produzione totale di gas del giacimento azero di Shah Deniz ha raggiunto i 100 miliardi di metri cubi. Il traguardo è stato raggiunto alla fine di dicembre, esattamente 12 anni dopo l’annuncio dell’avvio della produzione commerciale di gas dal campo del Caucaso meridionale da parte di BP Azerbaigian.

ANCHE IL 2018 ANNO DI SVOLTA

Era il 15 dicembre 2006, infatti, il giorno in cui partì ufficialmente la prima fase di sviluppo del campo e delle consegne dei volumi di gas ai mercati dell’Azerbaigian, della Georgia e della Georgia. Turchia. Anche il 2018 è però destinato a diventare il prossimo anno di riferimento per Shah Deniz. Ha segnato, infatti, l’inizio delle forniture commerciali di gas in Turchia dal campo di Shah Deniz 2 (che successivamente fornirà gas anche all’Europa), e il raggiungimento della prima produzione di gas dalla piattaforma Shah Deniz Bravo alla fine di luglio 2010.

SHAH DENIZ RAPPRESENTA ANCORA LA PIÙ GRANDE SCOPERTA DI BP DOPO IL GIACIMENTO PETROLIFERO DI PRUDHOE BAY IN ALASKA

Dal 2006, inoltre, nel campo di Shah Deniz sono stati prodotti in totale più di 196 milioni di barili di condensati. Attualmente, la produzione viene effettuata anche da 10 pozzi della piattaforma “Alpha” e da sei pozzi sulla piattaforma “Bravo”. Il campo di Shah Deniz copre circa 860 chilometri quadrati e rappresenta ancora la più grande scoperta di BP dopo il giacimento petrolifero di Prudhoe Bay in Alaska. SOFAZ (l’Azerbaijani Oil Fund) ha finora guadagnato 2,5 miliardi di dollari dallo sviluppo di Shah Deniz. Mentre lo Shah Deniz Consortium ha speso 1,558 miliardi di dollari per il progetto di sviluppo del giacimento.