Fact checking e fake news

Gas, consumi in crescita. Anche ad agosto

gas

Aumentano i consumi di gas in Italia. A supportare la domanda è l’import, mentre la produzione interna continua a calare

Aumentano i consumi di gas. Anche in agosto, la risorsa candidata a traghettare il settore energia verso le rinnovabili ha registrato un aumento dei consumi, grazie al settore termoelettrico, che ha dovuto fare i conti con la frenata di carbone e import di elettricità. Andiamo per gradi.

GAS: I NUMERI DI AGOSTO

Partiamo dai numeri. Nel mese di agosto, secondo la rielaborazione di Staffetta Quotidiana su dati Snam e Ministero dello Sviluppo Economico, i consumi di gas sono cresciuti del 5,5% su agosto 2018 e del 4,7% sullo stesso mese del 2017. Confrontando i consumi dell’ottavo mese dell’anno, per gli ultimi diciassette anni, è possibile notare come agosto 2019 abbia registrato i consumi più alti dal 2008.

I CONSUMI DEI PRIMI 8 MESI DEL 2019

Nei primi 8 messi dell’anno, i consumi di gas sono aumentati del 5,1% sullo stesso periodo del 2017 totalizzando 49.186,9 mln mc (+3,3% sul 2017).

MENO CARBONE E MENO NUCLEARE

Tornando al mese di agosto, a trainare i consumi è il settore termoelettrico, con 2.324,3 mln mc, + 12,3%. La crescita dei consumi per tale settore si deve, soprattutto, ad una frenata della produzione carbone e un calo dell’import di energia elettrica (dovuta anche allo stop dei reattori nucleari francesi).

Sempre secondo le elaborazioni di Staffetta, crescono anche i consumi del gas nel settore industriale (905,5 mln mc, +1,8% su agosto 2019 e -2,9% sul 2017).

CRESCE IMPORT, CALA PRODUZIONE

Alla crescita dei consumi si è affiancata anche una crescita dell’import, a +5,4% (5.452,9), che ha compensato un forte calo della produzione interna (-12,8% a 375,9 mln mc).

ANCHE LUGLIO POSITIVO

Decisamente positivi anche i numeri del mese precedente, Luglio. Secondo i dati diffusi dal Ministero dello Sviluppo Economico, infatti, i consumi lordi sono cresciuti dell’11,9% rispetto a luglio 2018, e nei primi 7 mesi dell’anno hanno registrato un incremento del 5,1% rispetto ai primi 8 mesi del 2018.

A supportare la domanda, è un incremento dell’import pari al +10,5% rispetto a luglio 2018. La produzione nazionale è scesa del 6,4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.