Territori

La “magia” del freddo aumenta l’import di Gnl in Asia

Dall’inizio di dicembre, le importazioni di Gnl in Cina, Taiwan, Giappone e Corea del Sud hanno raggiunto i 20,5 milioni di tonnellate, superando il precedente record Complici le basse temperature registrate e i costanti sforzi verso un maggior utilizzo del gas nel mix di approvvigionamento cinese, il nord-est asiatico sta registrando una spinta all’import di gas. Lo ha riferito Reuters citando i dati del suo servizio Refinitiv Eikon.

IMPORT CINA DA RECORD QUEST’ANNO

gnlDall’inizio di dicembre, le importazioni di Gnl in Cina, Taiwan, Giappone e Corea del Sud hanno raggiunto i 20,5 milioni di tonnellate, superando il precedente record di 19,5 milioni di tonnellate, stabilito lo scorso gennaio. Le importazioni di Gnl nella sola Cina hanno raggiunto i 6,5 milioni di tonnellate questo mese, in crescita del 6% da novembre, quando le importazioni di gas naturale liquefatto sono aumentate del 48,5% rispetto a novembre 2017. Le importazioni di Gnl in Cina nei primi undici mesi di quest’anno sono balzate del 43,6 per cento rispetto al periodo gennaio-novembre 2017, a 47,52 milioni di tonnellate e hanno già battuto il record dello scorso anno di 38,13 milioni di tonnellate.

LA CINA NON VUOLE RIPETERE GLI ERRORI DELLO SCORSO ANNO

La Cina sta spingendo sull’acceleratore per passare dal carbone al gas per ridurre i livelli di inquinamento e questo cambiamento l’anno scorso ha causato massicce interruzioni dei riscaldamenti nel nord della Cina, nonché un picco nelle importazioni di gas naturale, sia via gasdotto sia come Gnl. Durante questa stagione invernale, le autorità cinesi sono determinate ad evitare un’altra grave penuria di approvvigionamento di gas. I giganti dell’energia statale stanno potenziando le infrastrutture e la connettività dei gasdotti e il passaggio dal carbone al gas è più misurato e moderato, tenendo conto delle aspettative della domanda.

IN AUMENTO SPEDIZIONI VERSO GIAPPONE E COREA DEL SUD

I dati Reuters mostrano inoltre che le spedizioni di Gnl verso Giappone e Corea del Sud sono aumentate questo mese, in parte a causa del clima più freddo del previsto e in parte a causa della stagione di manutenzione dei reattori nucleari in Corea del Sud. Inoltre, l’avvio di nuovi impianti nucleari è stato ritardato, contribuendo a rafforzare la domanda di gas liquefatto nel paese asiatico.