Scenari

Gnl pronto al rimbalzo post-pandemia

gas

Gli esportatori prevedono di consegnare più carichi Gnl in Cina e India. Dopo aver combattuto carbone e petrolio, i gruppi ambientalisti si concentrano sul gas

I trader di gas naturale liquefatto prevedono una rapida ripresa della domanda nel 2021, dopo un anno in cui la pandemia di coronavirus ha provocato forti oscillazioni dei prezzi.

Secondo quanto riporta Bloomberg “il clima più freddo nei principali paesi importatori, le interruzioni nei principali hub di produzione e la congestione lungo le rotte marittime globali si sono già combinate per spingere i prezzi spot in Asia al livello più alto dal 2014. Si tratta di un balzo di oltre sei volte dal minimo record di aprile, facendo registrare al Gnl asiatico la migliore performance tra le principali materie prime nel 2020”.

La domanda per il combustibile utilizzato per il riscaldamento e la produzione di energia sta infatti crescendo più velocemente rispetto a qualsiasi altro combustibile fossile soprattutto tra i paesi che cercano un’alternativa economica, affidabile e più pulita al carbone. La pandemia ha fatto deragliare la crescita per il 2020, ma Cina e India stanno emergendo come principali fonti di domanda.

RECUPERO DELLA DOMANDA

Le importazioni globali di GNL nel 2020 sono state più o meno uguali all’anno precedente, secondo i dati di tracciamento delle navi compilati da Bloomberg. Questa è stata una grande delusione per un settore che ha goduto di un tasso di crescita annuale del 10% dal 2016.

Tuttavia, la domanda globale di gas dovrebbe riprendere a crescere il prossimo anno. La domanda di GNL, che rappresenta circa il 10% del totale, potrebbe rimbalzare ancora più rapidamente, a seconda di come si comportano Pakistan, India e Bangladesh, ha affermato Manas Satapathy, amministratore delegato nel settore Energia di Accenture.
Le spedizioni di carburante in Asia si sono per lo più riprese dal culmine della pandemia e la domanda di GNL della regione aumenterà bruscamente il prossimo anno, secondo S&P Global Platts.

L’ultimo giorno del 2020, il prezzo spot del GNL asiatico – il benchmark Giappone-Corea Marker – è salito sopra i $ 15 per milione di unità termiche britanniche per la prima volta da aprile 2014.

DIVERSO IL QUADRO IN EUROPA

Il quadro in Europa è invece molto diverso poiché i paesi sono alle prese con una nuova ondata di infezioni e blocchi che riducono la domanda di energia. Il continente è destinato a una “ripresa neutra” nel 2021, secondo Satapathy.

“L’Europa fa affidamento principalmente sullo stoccaggio e sulle spedizioni tramite gasdotti, che potrebbero essere potenziati dai flussi del nuovo collegamento dall’Azerbaigian e dal controverso progetto Nord Stream 2 in fase di completamento”, sottolinea Bloomberg.

GNL PIÙ RESILIENTE RISPETTO ALLA FORMA GASSOSA

La manutenzione non pianificata negli impianti di esportazione di GNL dall’Australia al Qatar alla Malesia ha portato a una ristrettezza del mercato maggiore del previsto nella seconda metà dell’anno. A ciò si aggiungono i ritardi nella navigazione nel Canale di Panama che hanno frenato le forniture all’Asia.

“Se queste interruzioni persisteranno per tutto l’anno, i prezzi potrebbero rimanere elevati ben al di sopra dei livelli attuali – si legge su Bloomberg -. Il Forum dei paesi esportatori di gas, che rappresenta il 60% delle esportazioni globali di GNL, prevede che la fornitura aumenterà dal 6% al 7% l’anno prossimo, dal 2% al 2,5% nel 2020. Il commercio di GNL è stato molto più resistente alle sfide di quest’anno rispetto alle importazioni nella forma gassosa del carburante, ha detto il gruppo nelle sue prospettive a breve termine.

Il mercato rimarrà probabilmente in eccesso di offerta il prossimo anno, secondo Vitol SA e Trafigura Group Ltd. , due delle più grandi aziende di trading attive nel GNL. Oltre a ciò, si aspettano che il mercato si restringa.

ALTRE CANCELLAZIONI IN VISTA?

Nel frattempo i trader se sono alla finestra per osservare come si muoveranno gli acquirenti di GNL statunitense l’anno prossimo. Circa 200 carichi sono stati cancellati in estate dopo che la pandemia ha colpito i prezzi spot in Europa e in Asia. Sebbene sia improbabile che si ripeta nel 2021, i trader si aspettano che alcune cancellazioni contribuiscano a bilanciare il mercato.

Le esportazioni di gas americane stanno aumentando a livelli record ogni mese. Ma qualsiasi calo della domanda potrebbe costringere i fornitori a chiudere i rubinetti. In questo momento, ricorda Bloomberg, gli Usa “sono diventati fornitori altalenanti perché i suoi contratti consentono la rottamazione delle consegne, il che consente alle esportazioni di rispondere rapidamente alla volatilità dei mercati”.