Advertisement vai al contenuto principale
Idrogeno

Idrogeno verde, Spagna e Portogallo alla guida di piani ambiziosi

L’attenzione prematura della Spagna sull’esportazione di idrogeno verde e le sfide tecnologiche esemplificano i rischi di sviluppare il settore troppo rapidamente senza adeguati consumi e infrastrutture locali. Il Mediterraneo deve considerare attentamente l’uso più efficace delle risorse energetiche rinnovabili, bilanciando le esigenze locali con il potenziale di esportazione e le capacità tecnologiche.

Il Mediterraneo sogna di diventare la potenza europea dell’energia pulita, ma ha ancora molta strada da fare prima che tale obiettivo diventi economicamente e logisticamente realizzabile. Tra l’abbondante sole per l’energia solare e la considerevole infrastruttura di gas naturale esistente, che potrebbe essere riconvertita per convogliare idrogeno verde in tutta la regione, c’è un notevole potenziale. Ma i Paesi riescono a sfruttarlo?

ENERGIA PULITA: IL POTENZIALE DEL MEDITERRANEO

Il Mediterraneo è geograficamente avvantaggiato quando si tratta di potenziale energetico verde. Paesi come Spagna, Portogallo e Marocco vantano enormi quantità di luce solare e vento e una densità di popolazione molto inferiore rispetto alla maggior parte dell’Europa. Ciò dà loro il potenziale per costruire enormi parchi solari ed eolici che la maggior parte dei paesi potrebbe solo sognare, trasformandoli in esportatori di energia verde in un momento in cui l’Europa cerca sempre più di assicurarsi più energia pulita.

Il Nord Africa e la Spagna – secondo quanto riporta Oilprice – stanno già incrementando il potenziale di trasporto energetico tramite cavi sottomarini. Anche se questa sembra la ricetta perfetta per costruire nuove rotte commerciali per l’energia pulita, il Mediterraneo sta correndo un grosso rischio cercando di rafforzare troppo il settore e troppo presto. “L’Europa deve rilanciare un mercato per una nuova fonte di energia e farlo in un’arena deregolamentata con molti attori concorrenti”, ha avvertito l’Economist all’inizio di questo mese. “Aumentare contemporaneamente domanda e offerta è un delicato atto di equilibrio”.

IL QUADRO GENERALE DELLA SPAGNA

La Spagna è stata in prima linea nel movimento dell’idrogeno verde grazie all’abbondanza di potenziale energetico rinnovabile e ad un ambiente energetico favorevole, ma sembra che il paese abbia messo il carro davanti ai buoi. L’Europa potrebbe non essere pronta a importare tanto idrogeno verde quanto la Spagna intende esportare. Gli esperti avvertono che la Spagna deve stare attenta a non far saltare le attuali catene di approvvigionamento energetico nell’interesse del potenziale di esportazione non promesso. “C’è una sequenza in termini di ciò che è logico fare”, ha detto a Bloomberg all’inizio di quest’anno Martin Lambert, capo della ricerca sull’idrogeno presso l’ Oxford Institute for Energy Studies . “Il primo passo è fare il più possibile per decarbonizzare il sistema energetico a livello locale, quindi ricavare idrogeno dall’energia rinnovabile in eccesso da utilizzare localmente, e poi passare alle esportazioni”.

Inoltre – secondo quanto riporta Oilprice – il governo spagnolo ha investito denaro nello sviluppo del settore senza prima occuparsi della logistica necessaria per mettere in funzione la tecnologia necessaria. Anche in questo senso la Spagna sta andando un po’ troppo avanti. Al momento, la Spagna è gravata da un elettrolizzatore a idrogeno verde all’avanguardia che non funziona , a causa di un difetto di progettazione da parte del produttore americano Cummins. Di conseguenza, anche la rete di autobus a idrogeno e di celle a combustibile, progettati per funzionare con l’idrogeno prodotto dall’elettrolizzatore, rimane inattiva, e ora parti dell’elettorato spagnolo, così come quelli che stanno votando, sembrano essere sempre meno interessati a far avanzare il settore.

GLI OBIETTIVI AMBIZIOSI DEL PORTOGALLO

La Spagna, però, non è la sola ad adottare una strategia potenzialmente fuorviante. Anche il Portogallo ha fissato obiettivi ambiziosi per il proprio settore di produzione di idrogeno verde. All’inizio di quest’anno, il Paese ha raddoppiato i propri obiettivi di capacità produttiva e ora punta a far sì che la sua nuova capacità di elettrolizzatori per produrre idrogeno verde raggiunga i 5,5 GW entro il 2030, e prevede di investire decine di milioni di euro nello sforzo.

E sebbene il Mediterraneo abbia un potenziale di energia rinnovabile maggiore di quello che la sua stessa popolazione potrebbe consumare, ciò non significa necessariamente che pompare quella capacità in eccesso nella produzione di idrogeno verde sia la mossa migliore; scrive Oilprice. Esportare energia rinnovabile senza convertirla potrebbe in realtà essere la strategia più logica – e più rispettosa del clima.

DECARONIZZAZIONE E IDROGENO VERDE

L’idrogeno verde è fondamentale per una “decarbonizzazione profonda ” in “settori difficili da elettrificare e da abbattere”, ma i critici hanno avvertito che semplicemente non c’è abbastanza capacità di energia rinnovabile esistente per produrre abbastanza idrogeno verde per sostituire il gas naturale e carbone nei prodotti petrolchimici, nell’acciaio e nella fabbricazione di prodotti agricoli. E tutta quell’energia verde potrebbe essere molto più utile in altre applicazioni. Un nuovo rapporto dell’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA) mette in guardia contro “l’uso indiscriminato dell’idrogeno”, avvertendo che un uso estensivo dell’idrogeno “potrebbe non essere in linea con i requisiti di un mondo decarbonizzato”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su