Scenari

Settore energia: è il peggiore per performance nel decennio

Nel breve periodo, la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina potrebbe portare l’economia globale in recessione, portando probabilmente a un ribasso dei prezzi del petrolio. Ma anche in assenza di questo rischio, il mercato del petrolio si sta avviando verso un eccesso di offerta nel 2020.

Il settore dell’energia è da tempo quello con i risultati peggiori. La corsa sulle montagne russe per i prezzi del petrolio non è esattamente un fenomeno nuovo. Il mercato del greggio è famoso per i suoi ripetuti cicli di boom e cadute. Ma è particolarmente importante considerare anche le sferzate che le azioni degli energetici hanno ricevuto negli ultimi anni.

ENERGIA PEGGIOR SETTORE PER L’S&P 500

Come ha notato Reuters, l’energia è stato il settore con le peggiori prestazioni nell’S&P 500 di quest’anno, anche il peggiore dall’elezione del presidente Donald Trump nel 2016, e anche il settore con le peggiori prestazioni dell’ultimo decennio. Malgrado i risultati mediocri vadano avanti da tempo, la flessione di quest’anno è particolarmente negativa. L’S&P 500 è in crescita di quasi il 15% nel 2019, mentre la quotazione degli energetici è in calo di oltre il 3%. Ciò avviene anche perché i prezzi del petrolio sono superiori a quelli di inizio anno. Può essere difficile da ricordare, ma il WTI era scambiato a circa 45 dollari all’inizio del 2019, e il Brent era sui 55 dollari.

LE AZIENDE PEGGIORI

Anche la perdita del 3 percento per S&P 500 Energy nasconde alcune prestazioni particolarmente negative. Concho Resources è in calo di un terzo dall’inizio dell’anno, con la maggior parte delle perdite che si sono verificate dopo aver registrato guadagni nel secondo trimestre, alla fine di luglio. Whiting Petroleum ha perso quasi il 70 percento del suo valore. Persino Pioneer Natural Resources, spesso citato come uno dei maggiori perforatori Shale indipendenti nel Permiano, è in calo del 10 per cento da inizio anno mentre EOG Resources ha perso il 20 per cento.

COME VANNO LE MAJOR

Anche le major petrolifere non sono state risparmiate, anche se le loro perdite sono molto più contenute rispetto alle aziende indipendenti attive nell’E&P Shale: Exxon è in calo di poco più del 2 per cento; BP è in calo del 3,7 per cento; Royal Dutch Shell è in calo di oltre il 6 per cento e Total è scesa del 7 per cento. Nel frattempo, Chevron è in realtà aumentata del 4,5 per cento.

LA HESS LA MIGLIORE DI TUTTE

Il Wall Street Journal ha osservato che la Hess Corp. è il singolo titolo più performante di quest’anno: l’azienda è cresciuta del 40%. E mentre ha una presenza significativa nell’argillite americana, in particolare nel Bakken, la ragione del suo successo non ha nulla a che fare con l’argillite. In realtà, come nota il WSJ, la forte performance arriva nonostante l’argillite. Hess ha collaborato con la ExxonMobil per sfruttare le enormi riserve petrolifere offshore al largo delle coste della Guyana, dove le due società hanno fatto scoperte su scoperte. La Guyana offshore è considerata un elemento chiave per il successo di Hess.

LE SHALE PERDONO SOLDI

Nel frattempo, i perforatori shale continuano a perdere denaro anche se aumentano la produzione. Secondo il Wall Street Journal, le 43 più grandi “compagnie petrolifere americane indipendenti” hanno perso più di 90 miliardi di dollari tra il 2014 e il 2018, “spingendo gli investitori all’esodo dal petrolio e dal gas”, ha detto il WSJ. Lo stress finanziario nella zona dello Shale statunitense, e il fatto che le aziende siano cadute in disgrazia – specialmente quelle che spendono incautamente – ha aumentato la prospettiva di un rallentamento della produzione. Questo potrebbe spingere i prezzi del petrolio a risalire, il che dovrebbe fornire una spinta anche ai valori delle azioni.

DIFFICILE UN RIMBALZO DELLA FIDUCIA PER GLI INVESTITORI

Tuttavia, questa volta, ci sono poche prove di un rimbalzo della fiducia degli investitori, in parte a causa di anni di perdite sia in tempi di bassi prezzi del petrolio, sia anche in tempi di prezzi più elevati. “Il settore in generale è arrivato a un punto tale che è molto difficile da abbracciare per gli investitori istituzionali perché è stato una sottoperformer cronico”, ha detto Walter Todd, chief investment officer di Greenwood Capital in South Carolina, alla Reuters.

PROSPETTIVE NON BUONE NEL BREVE E NEL LUNGO PERIODO

Le prospettive non sono buone per l’industria. Nel breve periodo, la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina potrebbe portare l’economia globale in recessione, portando probabilmente a un ribasso dei prezzi del petrolio. Ma anche in assenza di questo rischio, il mercato del petrolio si sta avviando verso un eccesso di offerta nel 2020. Guardando ancora più lontano, l’incertezza aumenta. Da un lato, la scarsa redditività del settore dello Shale e il forte calo degli investimenti upstream a seguito della crisi del mercato petrolifero del 2014, potrebbe provocare una contrazione dell’offerta nel 2020 provocando un rialzo per il settore energetico. D’altro canto, la domanda sta già rallentando e la crisi climatica si sta aggravando. Il rischio politico e l’aumento dei veicoli elettrici rappresentano una minaccia esistenziale per la crescita della domanda di petrolio a medio e lungo termine. In altre parole, i valori delle azioni petrolifere sono ostacolati nel breve periodo e molto traballanti nel lungo periodo.