Advertisement vai al contenuto principale
Industria Tessile

Riciclo, Quale strategia adotterà l’Ue per rendere l’industria tessile sostenibile?

I tassi di riciclaggio nell’industria tessile sono attualmente piuttosto bassi, con 1,7-2,1 milioni di tonnellate di prodotti tessili usati raccolti ogni anno nell’UE, secondo lo studio del CCR

L’impatto ambientale dell’industria tessile è significativo. Ma, il riciclaggio dei prodotti tessili non è un’impresa facile, poiché i processi industriali sono ancora agli inizi. Un rapporto del 2021 del Centro comune di ricerca della Commissione europea – scrive Euractiv -ha rilevato che circa il 4-6% dell’impronta ambientale complessiva dell’UE può essere ricondotto al settore tessile.

INDUSTRIA TESSILE: LA STRATEGIA UE PER IL RICICLAGGIO

Per affrontare il problema relativo all’ impatto ambientale dell’industria tessile, nel marzo 2022 la Commissione ha presentato una strategia dell’UE per i prodotti tessili sostenibili. Secondo questa strategia, i prodotti tessili immessi sul mercato europeo dovranno durare più a lungo, essere più facili da riparare e la loro durata dovrà essere prolungata riciclando i materiali che contengono in nuovi prodotti di alta qualità.

Per facilitare il riciclaggio – secondo quanto riporta Euractiv – si sta valutando anche la possibilità di migliorare la progettazione nella fase di produzione, con l’adozione di nuovi standard nell’ambito del regolamento UE sulla progettazione ecocompatibile. L’obiettivo è che tutti i prodotti tessili immessi sul mercato dell’UE siano durevoli, riparabili e riciclabili, e realizzati in “larga misura” con fibre riciclate.

BOTEIN: LA RICICLABILITA’ DEI PRODOTTI DIPENDE DA DIVERSI FATTORI

L’incorporazione di quantità minime di fibre riciclate nei nuovi prodotti tessili è “davvero molto promettente”, afferma Valérie Boiten, senior policy officer della Ellen MacArthur Foundation, un’organizzazione benefica che lavora per accelerare la transizione verso un’economia circolare. “Esistono diversi standard ISO, ma per la riciclabilità non ancora”, ha dichiarato a Euractiv. “La sfida è che la riciclabilità di un prodotto dipende da diversi fattori, tra cui la scelta dei materiali, il modo in cui i componenti sono assemblati e la disponibilità di infrastrutture per la raccolta, la selezione e la preparazione del prodotto per il riciclaggio”, ha spiegato.

I tassi di riciclaggio dei prodotti tessili sono attualmente piuttosto bassi, con 1,7-2,1 milioni di tonnellate di prodotti tessili usati raccolti ogni anno nell’UE, secondo lo studio del CCR. La maggior parte dei restanti 3,3-3,7 milioni di tonnellate – secondo i dati – viene gettata nei rifiuti domestici misti. Tuttavia, i dati devono essere presi con “un pizzico di sale”, ha sostenuto Boiten, spiegando che non esiste alcun obbligo a livello europeo di riferire sulla quantità di tessuto raccolto dai consumatori o dalle aziende. “Ovviamente ci sono molti tessuti che non vengono raccolti separatamente e che finiscono semplicemente nei bidoni della cucina”, ha spiegato Boiten, aggiungendo: “Non abbiamo una panoramica completa di questi flussi”.

COSA ACCADRA’ DAL 2025

Il riciclaggio dei tessuti – secondo quanto riporta Euractiv –  sarà notevolmente incoraggiato da un big bang politico, con nuovi obiettivi di raccolta e riciclaggio dei rifiuti a livello europeo a partire dal 2025. La revisione della Direttiva Quadro sui Rifiuti dell’UE prevede che i Paesi dell’Unione istituiscano sistemi di raccolta differenziata dei rifiuti tessili entro il 1° gennaio 2025.

Al momento non ci sono obiettivi per la raccolta, quindi non c’è alcun obbligo di rendicontazione per gli Stati membri, e solo 13 Paesi dell’UE stanno attualmente effettuando una rendicontazione, secondo il rapporto del CCR. Di questi, solo l’Austria, la Francia, la regione belga delle Fiandre e l’Italia riferiscono annualmente sulla raccolta dei tessili post-consumo, mentre altri Paesi hanno effettuato una o due mappature nel corso dell’ultimo decennio, spesso con l’assistenza di organismi non governativi. Inoltre, non esiste una definizione chiara di tessile o di ciò che deve essere incluso nella rendicontazione, il che significa che i dati non sono comparabili tra i Paesi dell’UE.

La recente Strategia dell’UE per i prodotti tessili sostenibili e circolari non ha offerto una definizione o una descrizione dei prodotti che sarebbero coperti da una prospettiva normativa. Il regolamento UE sui tessili si applica a “tutti i prodotti contenenti almeno l’80% in peso di fibre tessili”. Ma questa definizione escluderebbe la maggior parte delle calzature e degli accessori. L’imminente revisione della Direttiva Quadro sui Rifiuti dell’UE – scrive Euractiv – includerà anche una proposta di armonizzazione dei cosiddetti schemi di responsabilità estesa del produttore (EPR) per i prodotti tessili, che impongono ai produttori l’obbligo di finanziare i sistemi di raccolta dei rifiuti a livello locale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su