skip to Main Content

Come Italgas si rafforza sul gas in Sardegna

Italgas

Italgas acquisisce Medea S.p.a. e punta alla conquista di 30.000 utenze

Acquisizioni sul fronte gas. Italgas ha concluso l’acquisizione del 100% di Medea S.p.A., la società di distribuzione del gas di Sassari. La società serve 13.000 clienti nell’ambito di un bacino potenziale di quasi 30.000 utenze: importanti, dunque, le implicazioni sul mercato.

L’ACQUISIZIONE

Italgas ha messo sul piatto ben  24,1 milioni di euro per l’acquisizione di Medea: l’impoto è stato corrisposto in parte per cassa, 15,9 milioni di euro, e il rimanente mediante assunzione di debiti della Società stessa.

UN POTENZIALE IMPORTANTE

Medea serve attualmente circa 13.000 clienti nell’ambito di un bacino potenziale di quasi 30.000 utenze e distribuisce in media ogni anno un volume di gas superiore a 5 milioni di metri cubi.

La rete di distribuzione di Sassari, progettata per un’agevole conversione al gas naturale, si sviluppa per oltre 190 chilometri ed è attualmente alimentata a GPL.
Con l’ingresso in Italgas Medea rappresenta un presidio societario in Sardegna, nella quale la presenza del Gruppo si compone attualmente anche degli asset di Ichnusa Gas, la società recentemente acquisita titolare di 12 concessioni per la realizzazione e l’esercizio di reti di distribuzione del gas in 81 Comuni dell’isola.

SARDEGNA IMPORTANTE PER CRESCITA ITALGAS

“In Sardegna stiamo realizzando una parte importante della strategia di crescita enunciata nel Piano Industriale 2017-2023. Con i 200 milioni di euro di investimenti già in programma per i prossimi anni, gli ambiti territoriali affidati alla nostra gestione saranno dotati di reti e servizi all’avanguardia, potendo applicare già in fase di costruzione le migliori soluzioni che oggi la tecnologia ci mette a disposizione: digitalizzazione delle reti, interconnessioni tra i diversi bacini, contatori intelligenti, utilizzo diffuso della fibra per la trasmissione dei dati ci permetteranno di gestirle secondo metodi e criteri innovativi, in attesa di veder realizzate le infrastrutture individuate dalla Strategia Energetica Nazionale per portare il metano nella regione”, ha commentato Paolo Gallo, ad di Italgas.

Back To Top