skip to Main Content

La preoccupante verità sull’industria petrolifera della Russia

Russia

Mantenere la posizione come uno dei maggiori produttori di petrolio al mondo è dunque utile alla Russia per raggiungere due obiettivi principali, alimentare le casse dello Stato e mantenere un’importanza strategica sullo scacchiere mondiale

La diffusione del motore a combustione all’inizio del 20esimo secolo, ha spinto il petrolio a diventare il prodotto più importante del mondo. Paesi ricchi di risorse come la Russia sono stati i beneficiari del nuovo ordine energetico globale. I suoi predecessori, Unione Sovietica e Russia imperiale, erano già tra i primi e più importanti produttori di petrolio alla fine del 19esimo secolo. Il settore petrolifero del paese, tuttavia, sta affrontando sfide per mantenere l’attuale livello di produzione.

OTTAVO PAESE PER RISERVE, SECONDO PER PRODUZIONE

“Sebbene la Russia sia l’ottavo paese in termini di riserve petrolifere comprovate, è il secondo produttore mondiale con 11,2 milioni di barili al giorno (mb/g). Solo gli Stati Uniti ne producono di più con una media di 12 mb/g nel 2019. Mentre le riserve comprovate russe sono quasi il 70% in meno di quelle dell’Arabia Saudita, è alla pari quando si tratta di produzione. Tuttavia, la maggior parte del petrolio del paese proviene da ‘brown field’ nella Siberia occidentale che sono in funzione da decenni. E questo spiega perché le compagnie energetiche russe stiano utilizzando nuove tecnologie per ridurre i tassi di declino dei pozzi”, si legge su oilprice.com.

NUOVE TECNOLOGIE PER ARGINARE I TASSI DI DECLINO DEI POZZI

Sebbene Mosca abbia puntato gli occhi sull’Artico per aprire nuove frontiere, la maggior parte delle sue attività si trova ancora nella Siberia occidentale. “Pertanto, la produzione in calo rappresenta una grave minaccia alla sostenibilità della produzione petrolifera del paese. Diverse compagnie energetiche statali hanno raggiunto tassi di declino significativamente più bassi applicando tecniche come l’allungamento dei pozzi, il monitoraggio laterale per ripristinare l’integrità dei pozzi e l’uso della fratturazione idraulica”, osserva tuttavia oilprice.com.

L’ESTENSIONE DELL’ACCORDO OPEC+ POTREBBE AVERE UN IMPATTO NEGATIVO

Aziende come Yuganskneftegaz e Purneftegaz (entrambe le filiali Rosneft) e Surgutneftegas hanno ridotto in questo modo i tassi di declino a circa il 2 per cento rispetto al 5-6 per cento in media di tutto il paese e al 10-15 per cento della Siberia occidentale. “Nonostante le difficoltà che il settore petrolifero russo deve affrontare a lungo termine, si prevede che il paese aumenterà leggermente la sua capacità produttiva a breve termine. Se si tiene conto della messa in servizio di nuovi campi e dei tassi di esaurimento più lenti, il paese potrebbe produrre 11,35 mb/g entro la fine del 2020. Anche l’estensione dell’accordo OPEC+, tuttavia, potrebbe avere un impatto negativo”, avverte oilprice.com.

MINACCE INCOMBENTI

A lungo termine, molto dipende dal prezzo del petrolio, secondo oilprice.com: “Mosca non ha nascosto la sua ambizione di aumentare la produzione nell’Artico. Il clima rigido e la mancanza di infrastrutture sono però un ostacolo ai nuovi progetti energetici nella regione, aumentando anche i costi per gli investitori. Pertanto, i prezzi elevati del petrolio sono una necessità per garantire la redditività”. Inoltre, Mosca deve ancora affrontare le sanzioni occidentali scaturite dalla questione Ucraina: “Ciò ha ridotto la disponibilità di know-how tecnologico precedentemente fornito da società energetiche occidentali come Shell, Exxon e Total. Sebbene le compagnie energetiche russe possano trivellare in modo indipendente in determinate aree, non sono state in grado di replicare tecnologie di perforazione avanzate per depositi petroliferi difficili da raggiungere. Pertanto, molto dipenderà dal fatto che queste società possano sviluppare il necessario know-how nei prossimi anni o accedere alla tecnologia occidentale con una eventuale revoca delle sanzioni”, ha spiegato oilprice.com.

Infine, “Mosca sta espandendo gli incentivi fiscali per migliorare le condizioni finanziarie per le aziende onde rafforzare le loro attività. Secondo il ministero dell’Energia russo, nel 2018 metà del petrolio del paese è stato prodotto in esenzione fiscale. Sebbene si sia dimostrato necessario per alcune aree, Mosca agisce in modo riservato per attuare misure simili in altre regioni perché ciò riduce le entrate dello Stato”.

IL CALCOLO STRATEGICO

Mantenere la posizione come uno dei maggiori produttori di petrolio al mondo è dunque utile a Mosca per raggiungere due obiettivi principali: “In primo luogo, l’esportazione di petrolio e gas alimenta le casse dello Stato. Circa il 40 per cento del bilancio statale russo è fornito dal settore petrolifero e del gas. Inoltre, l’importanza strategica del paese viene rafforzata ed è assicurato ‘un posto al tavolo’ dei grandi grazie al fatto di essere uno dei maggiori produttori di energia al mondo. L’accordo OPEC+, in questo senso, è stato reso possibile per via delle buone relazioni tra Riad e Mosca, che si riflettono in altre aree di interesse come la Siria e gli accordi sulle armi”, sottolinea oilprice.com.

“Fortunatamente per la Russia, il paese possiede le maggiori riserve di gas naturale comprovate al mondo, combustibile considerato come un importante ponte di collegamento per la transizione energetica verso un futuro più sostenibile. Il paese è già il più grande esportatore mondiale di gas naturale con piani per aumentare significativamente la produzione di Gnl. Nonostante i venti contrari, Mosca rimarrà quindi parte integrante e importante della catena globale del valore energetico nel prossimo futuro”.

live
Back To Top