Advertisement vai al contenuto principale
Africa

L’Africa può trarre vantaggio dal nuovo boom petrolifero?

Molti paesi in via di sviluppo stanno sfruttando il potenziale del petrolio e del gas per rilanciare l’economia. In Africa, nazioni come Ghana e Namibia sono destinate a trarne vantaggio

Molte aziende petrolifere e del gas stanno portando avanti operazioni in nuove regioni petrolifere nella speranza di sviluppare progetti di petrolio e gas a basse emissioni di carbonio in regioni non sfruttate del mondo per aiutarle a continuare a pompare greggio durante una transizione verde. Ciò ha portato le major petrolifere internazionali a rivolgersi ai paesi a basso reddito in regioni come l’Africa e i Caraibi per sviluppare nuovi progetti, con molti di questi paesi che accolgono con favore il potenziale di enormi entrate dalle loro risorse naturali. 

IL BOOM PETROLIFERO IN AFRICA

In Africa – secondo quanto riporta Oilprice – potenze petrolifere mai viste prima, come il Ghana e la Namibia, si aspettano di vedere enormi boom petroliferi entro il prossimo decennio, grazie a numerosi progetti di esplorazione di successo degli ultimi anni.. E, a differenza di molti dei loro predecessori che venivano sfruttati per la loro ricchezza petrolifera, i governi di questi paesi vogliono la loro fetta della torta. Il governo della Namibia si sta assicurando di ricevere una quota ragionevole di tutte le nuove licenze petrolifere, per fornire entrate a lungo termine che daranno impulso alle loro economie nazionali e compenseranno le comunità colpite dagli sviluppi. Questo approccio viene seguito anche dalla Guyana, che è pronta a diventare il quarto produttore mondiale di petrolio offshore.

LA TRAPPOLA DEL DEBITO: IL RAPPORTO DEBT JUSTICE

Ma questo non è il caso di tutti i paesi a basso reddito che sviluppano le proprie risorse energetiche, secondo una nuova analisi degli attivisti anti-debito Debt Justice e partner. Il rapporto suggerisce che i paesi più ricchi e i finanziatori privati ​​potrebbero costringere i paesi fortemente indebitati a fare maggiore affidamento sui combustibili fossili per ripagare il proprio debito. Mostra che diversi stati a basso reddito continuano a investire in progetti di petrolio e gas per ripagare i propri debiti, principalmente per prestiti provenienti da nazioni più ricche. La giustizia del debito chiede ora ai creditori di cancellare tutti i debiti legati alla dipendenza da progetti di combustibili fossili.

Il rapporto Debt Justice e partner mostra che il debito dei paesi del sud del mondo è aumentato del 150% dal 2011, con 54 paesi che affrontano una crisi del debito. Ciò ha limitato la quantità di denaro che questi paesi possono investire nella lotta al cambiamento climatico o nello sviluppo di progetti di energia verde. Nel 2020, in Suriname – scrive Oilprice –  il governo è stato costretto ad accettare un accordo che garantisce ai creditori il diritto a quasi il 30% delle entrate petrolifere del paese fino al 2050, dopo il default del paese. E questo è un paese che viene visto come un esempio chiave della nuova ondata di sviluppi nel settore del petrolio e del gas, dove molti ritengono che la popolazione stia beneficiando dei ricavi dei progetti.

Il rapporto – scrive Oilprice – sottolinea inoltre la sovrastima da parte della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale dei benefici attesi in termini di entrate derivanti dai progetti sui combustibili fossili nei paesi ospitanti, con la crescita conseguente alle scoperte petrolifere che ha sistematicamente sottoperformato rispetto alle previsioni del Fondo Monetario Internazionale. Debt Justice ritiene che, oltre a cancellare il debito legato ai progetti relativi al petrolio e al gas, le principali istituzioni finanziarie mondiali dovrebbero garantire che la finanza sia allineata con uno scenario di riscaldamento di 1,5 gradi e non sia collegata allo sviluppo dei combustibili fossili. Fino a quando le principali istituzioni finanziarie e i paesi più ricchi non riconosceranno il ruolo che stanno giocando nel prolungare la dipendenza del Sud del mondo dai combustibili fossili e non faranno qualcosa al riguardo, non possiamo aspettarci di realizzare una transizione verde globale.

COSA DICONO GLI ESPERTI

Tess Woolfenden, responsabile delle politiche senior presso Debt Justice, a The Guardian ha spiegato : “Gli elevati livelli di debito rappresentano un grave ostacolo all’eliminazione graduale dei combustibili fossili per molti paesi del sud del mondo”. Ha aggiunto: “Molti paesi sono intrappolati nello sfruttamento dei combustibili fossili per generare entrate per ripagare il debito mentre, allo stesso tempo, i progetti sui combustibili fossili spesso non generano le entrate previste e possono lasciare i paesi ulteriormente indebitati rispetto a quando sono iniziati. Questa trappola tossica deve finire”.

Sharda Ganga, direttrice del gruppo della società civile surinamese Projekta, in una nota ha dichiarato: “Poiché il nostro debito è diventato insostenibile, domina tutte le decisioni politiche e ha un impatto sulla vita dei nostri cittadini in ogni modo possibile. Guadagnare denaro il più rapidamente possibile per ripagare i creditori è quindi la priorità numero uno. Significa che non c’è più spazio per la pazienza e per cose fastidiose come la sostenibilità o la giustizia climatica. La realtà è che questa è la nuova forma di colonialismo: abbiamo scambiato un sovrano con il governo dei nostri creditori che sostanzialmente già possiedono ciò che è nostro. La differenza è che questa volta abbiamo firmato noi stessi l’accordo”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su