Sostenibilità

Le implicazioni della transizione energetica per l’eurozona

clima

Lo speech sulla transizione energetica di Luis de Guindos, vicepresidente della BCE, alla conferenza del gruppo bancario europeo sul risparmio e al dettaglio, “Creare strutture finanziarie sostenibili mettendo al primo posto i cittadini”.

CI SONO DEI RISCHI NELLA TRANSIZIONE

“La necessaria transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio comporta rischi per il sistema finanziario che, al momento, non sono sufficientemente compresi. La valutazione corretta di questi rischi richiede una maggiore quantità e qualità di informativa. Gli sforzi e gli orientamenti globali ed europei in questa direzione sono estremamente preziosi. La BCE sta contribuendo allo sviluppo di un quadro analitico per la valutazione del rischio climatico e allo sviluppo di metodi per valutare le esposizioni ai rischi legati al clima sui bilanci degli istituti finanziari”. Lo ha detto Luis de Guindos, vicepresidente della BCE, parlando alla conferenza del gruppo bancario europeo sul risparmio e al dettaglio, “Creare strutture finanziarie sostenibili mettendo al primo posto i cittadini”.

URGENTE L’UNIONE DEI MERCATI DEI CAPITALI

“Gli investitori in titoli azionari, con un orizzonte di investimento generalmente più lungo e una maggiore propensione per progetti che presentano sia un rischio elevato sia un elevato rendimento potenziale, potrebbero trovarsi in una posizione migliore per finanziare l’innovazione ecologicamente sostenibile rispetto agli investitori creditizi. Ciò è particolarmente vero nell’attuale contesto di incertezza e dati scarsi e privi di armonizzazione. A mio avviso, ciò aggiunge ulteriore urgenza allo sviluppo dell’Unione dei mercati dei capitali”, ha ammesso Guindos.

SERVE MAGGIORE COMPRENSIONE DEGLI IMPATTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI

“Le banche centrali devono comprendere meglio l’impatto degli eventi climatici sulla produzione, sui mercati del lavoro e sui prezzi a medio termine. È probabile che l’interruzione dell’attività economica e i cambiamenti nella composizione industriale siano sostanziali”, ha spiegato Guindos parlando dei rischi per la stabilità finanziaria: “I rischi legati ai cambiamenti climatici possono diventare sistemici per il sistema finanziario dell’area dell’euro, in particolare se i mercati non valutano correttamente i rischi. La rapida cristallizzazione dei rischi, o dei prezzi di mercato, potrebbe portare a sostanziali perturbazioni. La letteratura identifica due rischi principali per la stabilità finanziaria: I rischi fisici derivano dalle esposizioni a catastrofi più frequenti e più devastanti causate da pericoli naturali; i rischi di transizione derivano dalle incertezze relative ai tempi e alla velocità della transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio”.

SENZA UN ESITO POSITIVO DELLA TRANSIZIONE A RISCHIO MOLTI SETTORI

Questi ultimi in particolare, su cui si è concentrato il vice presidente della Bce, possono portare per determinati settori industriali “un brusco rialzo dei prezzi se la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio non è regolare. Le attività in altri settori sono allo stesso modo vulnerabili ai cambiamenti nella regolamentazione, all’introduzione di nuove tecnologie e allo spostamento del sentimento dei consumatori lontano dai prodotti che sono visti come dannosi per l’ambiente. Se la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio non ha esito positivo, i cambiamenti climatici probabilmente danneggeranno numerosi settori, come l’agricoltura e il turismo”.

OCCORRONO ANALISI PIU’ PRECISE

“Una recente analisi delle 12 maggiori banche e dei 14 maggiori assicuratori dell’area dell’euro mostra che le informazioni sui rischi legati al clima degli istituti finanziari sono scarse e incoerenti. Mentre la maggioranza rivela l’impatto dei loro viaggi di lavoro, pendolarismo e altri usi energetici, la maggior parte dell’esposizione di un istituto finanziario al rischio legato al clima deriva probabilmente dalle sue attività finanziarie. Solo cinque di queste grandi banche e assicuratori rivelano in parte l’impatto delle loro attività finanziarie e nessuna di esse fornisce informazioni complete. Ecco perché i regolatori hanno spinto per una maggiore divulgazione”. “Da parte nostra, la BCE sta studiando attentamente l’impatto potenziale dei rischi legati al clima per il sistema finanziario dell’area dell’euro. Attualmente stiamo sviluppando un quadro analitico per l’esecuzione di un’analisi di stress test sul rischio climatico per il settore bancario dell’area dell’euro”.

IL RUOLO DEL SISTEMA FINANZIARIO NEL FACILITARE LA TRANSIZIONE

“Tasse sul carbonio efficaci e schemi di capitalizzazione e commercio, come il sistema di scambio di quote di emissioni dell’Ue, costringono aziende e consumatori a pagare un costo più rappresentativo per le loro attività e li incentivano a trovare il modo più efficiente per ridurre le emissioni. Oltre alle emissioni di carbonio, sono necessarie soluzioni globali per garantire che l’attività inquinante non possa essere arbitraria tra i vari paesi. Tuttavia, credo che il settore finanziario possa svolgere un ruolo vitale nel migliorare il benessere generale, contribuendo a facilitare la transizione in due modi importanti. Il primo modo è consentire la condivisione dei rischi, in particolare attraverso le assicurazioni. In effetti, un alto grado di copertura assicurativa può mitigare l’impatto economico negativo delle catastrofi. In secondo luogo, il settore finanziario può contribuire a facilitare la transizione finanziando nuove tecnologie”, ha concluso Guindos.

transizione energetica transizione energetica transizione energetica transizione energetica