Advertisement vai al contenuto principale
Materie Prime Critiche

Le materie prime critiche nell’Unione europea e la questione delle scorte

La maggior parte di materie prime critiche vengono acquistate o lavorate in Cina, il che porta a pesanti dipendenze dell’Ue e al rischio che le catene di approvvigionamento siano gravemente interrotte, nel caso in cui vengano imposti dei limiti alle esportazioni

La decisione della Cina, venerdì scorso, di frenare le esportazioni di grafite ha sollevato la questione della creazione di nuove scorte strategiche di materie prime critiche nell’Unione europea, qualcosa che Bruxelles ha ampiamente trascurato. La questione dell’estrazione e della lavorazione di materie prime critiche sul suolo europeo è diventata urgente, mentre l’Europa cerca di ridurre la propria dipendenza dalle importazioni da Paesi come la Cina. Le materie prime fondamentali – tra cui litio, bismuto, nichel o bauxite – sono necessarie per supportare le transizioni verde e digitale, e possono essere trovate in tecnologie quali pannelli solari, turbine eoliche, veicoli elettrici e batterie.

LA DOMANDA DI MATERIE PRIME CRITICHE AUMENTERÀ

La domanda di tali metalli aumenterà alle stelle, man mano che la corsa alla decarbonizzazione, nei prossimi decenni, avanzerà in tutto il mondo. Un rapporto del 2020 della Banca Mondiale prevede che la domanda di cobalto, grafite e litio entro il 2050 aumenterà disei6 volte. La “Critical Minerals Market review” del 2023 dell’Agenzia Internazionale per l’Energia ha rilevato che, tra il 2017 e il 2022, la domanda di litio è triplicata. Nello stesso arco di tempo , si è verificato “un aumento del 70% nella domanda di cobalto e un aumento del 40% nella domanda di nichel”. Nel frattempo, la maggior parte di queste materie prime vengono acquistate o lavorate in Cina, il che porta a pesanti dipendenze dell’Ue e al rischio che le catene di approvvigionamento siano gravemente interrotte, nel caso in cui vengano imposti dei limiti alle esportazioni.

Questo – si legge su Euractiv – è esattamente quello che è successo venerdì scorso, quando le autorità cinesi hanno annunciato che saranno posti dei nuovi limiti alle esportazioni di grafite. Nel luglio scorso lo stesso era avvenuto per il germanio e il gallio, due metalli presenti nell’elenco delle materie prime critiche dell’Unione europea. In sintonia con questa nuova realtà geopolitica, la Commissione europea ha proposto a marzo un Critical Raw Materials Act (CRMA), che fissa degli obiettivi europei per la produzione, raffinazione e riciclaggio di questi elementi sul suolo Ue.

LA QUESTIONE DELLE SCORTE DELLE MATERIE PRIME CRITICHE

In particolare, la normativa proposta fissa una soglia obiettivo pari ad un massimo del 65% delle importazioni di qualsiasi metallo strategico nell’Ue da un singolo Paese. Una misura in gran parte volta a frenare la dipendenza dalla Cina. Eppure, nonostante queste iniziative legislative, la questione dello stoccaggio strategico delle scorte finora non è stata presa in considerazione. “La questione dell’utilizzo delle materie prime come arma diplomatica e strategica nel contesto attuale ci invita a riconsiderare la questione della costituzione di scorte strategiche”, si legge in un rapporto pubblicato il 16 ottobre dal think tank francese IRIS.

In sostanza, ciò consentirebbe di accumulare quantità pronte per l’uso di specifiche materie prime critiche, da utilizzare nel caso in cui le catene di approvvigionamento globali siano messe a dura prova, per garantire il buon funzionamento di industrie essenziali come la difesa. “Lo stoccaggio strategico è l’unico strumento esistente per mantenere la stabilità a breve termine”, ha spiegato Emmanuel Hache, ricercatore senior di IRIS e co-autore del rapporto, secondo cui l’approccio dell’Ue allo sviluppo delle proprie catene di approvvigionamento, pur essendo una mossa positiva, non è sufficiente a rispondere ai disordini quotidiani. Invece, l’accumulo di scorte è più comune a livello dei Paesi Ue e in tutto il mondo, inclusi Stati Uniti, Cina e Giappone.

Nel 1930 la Svezia fu il primo Paese dell’Unione europea a garantire riserve da cui attingere in caso di guerra. Anche la Francia aveva le proprie azioni durante la Seconda Guerra Mondiale, e le usò come strumento di ricostruzione economica. Lo stesso vale per il Regno Unito e la Slovacchia, ma tutti alla fine lasciarono che le loro forniture si esaurissero, “una volta che le imprese hanno avuto accesso ai mercati globali”, si legge nel rapporto, in un momento in cui la “globalizzazione” era vista come la più grande forza di stabilità mondiale.

LA CREAZIONE DI STOCCAGGI DI EMERGENZA

Oggi la creazione di titoli strategici è nuovamente considerata una “opzione potenzialmente interessante”, ha affermato Hache, aggiungendo che il rapporto IRIS trae lezioni da ciò che è stato fatto per informare l’attuale processo decisionale. Nel 2022, anche un rapporto del Parlamento europeo ha analizzato la necessità di costituire degli “stoccaggi di emergenza” di minerali critici in tutta l’Ue e ha incoraggiato la Commissione europea a valutare la creazione di un meccanismo dedicato, una richiesta che aveva già espresso nel 2011. Tuttavia, un’idea del genere “non è stata considerata nella valutazione d’impatto del CRMA”, ha detto un funzionario della Commissione europea.

La proposta legislativa prevede solo la possibilità per i Paesi Ue di informare la Commissione sul livello delle loro scorte di materie prime strategiche, in modo che possa analizzare le vulnerabilità ed emettere pareri. “Avremmo dovuto costruire queste scorte tre anni fa, quando i prezzi e la domanda erano ai minimi a causa della pandemia Covid”, ha commentato una fonte, che critica la “mancanza di ambizione” nella risposta complessiva dell’Unione europea. “I funzionari europei – ha aggiunto la fonte – non si prendono il tempo per pensare a cosa è strategico e cosa non lo è”.

Detto questo, l’accumulo di scorte non è privo di rischi. Secondo Raphaël Danino-Perraud, ricercatore associato del think tank di geopolitica IFRI, “la costruzione di azioni potrebbe distorcere i mercati”, soprattutto dove la produzione di metalli è già bassa. L’acquisizione di materie prime sui mercati internazionali “può far salire i prezzi, gravando sui costi di costituzione delle scorte e creare ancora più volatilità del mercato”. Tuttavia, Hache ritiene che l’Europa avrà bisogno di un piano chiaro sul progresso tecnologico nei prossimi 10 anni per decidere quali materiali siano necessari.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su